Disturbi dell'alimentazione

Spesso mi capita di sentire un forte disagio, un inadeguatezza letale

Martina

Condividi su:

Salve a tutti. Due anni fa, dopo essermi lasciata con il mio ragazzo,ho perso 15 kg in tre mesi, da 62 a 48. Non ho seguito nessuna dieta, non mangiavo proprio, e facevo molta attività fisica. Progressivamente, mi sono fidanzata dinuovo con un nuovo ragazzo e temporaneamente avevo ripreso a mangiare, sempre poco e sempre contando ogni singola caloria ( anche quella di una cingomma). Arrivai così a 53 kg che mantenni in modo costante per qualche mese, ma ogni volta che sforavo con le 1200 calorie giornaliere mi abbuffavo.. prigioniera della teoria “tutto o niente“.. le abbuffate diventarono maggiori , dal momento che per mesi e mesi ( quando ero dimagrita di 15 kg) non toccavo niente di niente: focaccia, pasta condita,biscotti, cioccolata..e altre mille cose non me le immaginavo nemmeno. Ma con queste abbuffate mi ritrovavo a mangiar tutto quello di cui mi ero privata. Stavo diventando un mostro, lasciai il mio attuale ragazzo ( anche perchè mi accorsi che ci stavo solo per distrarmi dal cibo) per stare da sola, e vedere il mostro che stavo diventando da sola. Iniziai a isolarmi,e ad autolesionarmi con tagli.Inoltre iniziai ad essere lunatica, ad avere atteggiamenti aggressivi nei confronti delle persone. Spesso mi capita di essere in giro con le mie amiche e sentire un forte disagio, un inadeguatezza letale che mi porta a scappare e rintanarmi in casa per paura che il cuore possa cedermi. Adesso peso 56 kg circa, e in questi ultimi giorni mi abbuffo senza motivo, mangio...e basta.. da fare schifo. Io sono sempre stata molto molto attenta al cibo: prodotti biologici, integrali..nessuna schifezza confenzionate.Ma adesso sono all'apice. Aggiungo che questo è un periodo molto brutto anche dal punto di vista scolastico: ho iniziato l'università ma sono ancora confusa su quello che ho scelto dato che mi hanno indirizzato i miei genitori, e credo proprio di mollare perchè non mi sentirei a mio agio con i compagni di corso che mi guarderebbero con occhi stupefatti per le mie cosce diventate enormi, e in piu la facoltà non mi piace.. e non riesco nemmeno a scegliere cosa potrebbe piacermi dato che il mio pallino è solo sul cibo. Cosa posso fare? mi sono rivolta in passata a uno psicologo ma disse che “ questo non è il mio ambito ma ti provo ad aiutare “...ecco, non ci riusci ad aiutarmi, per niente. Come posso trovare lo psicologo adatto?

10 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Martina,

è chiaro che non può affrontare tutto questo senza l'aiuto di uno specialista.

Non mi è ben chiaro a cosa si riferisse lo psicologo consultato all'epoca con quelle parole e se ritiene che non le sia stato di aiuto contatti pure un altro. Ogni approccio può andar bene, purchè si tratti di uno psicoterapeuta e non semplicemente di uno psicologo. Inoltre, può anche fare riferimento ad un Centro per i disordini alimentari della sua città chiedendo informazioni al suo medico di famiglia o cercando su internet.

Un caro saluto

Gemnt. ma Martina,

Nessuno di noi può darti l'indirizzo dello psicologo. Proprio deontologicamente. E' chiaro, d'altra parte, che, rispondendoti e scrivendoti, ti diamo il segnale della propria presenza e disponibilità. Ma la cosa vera e più importante da dirti è che l'inizio della ricerca del proprio terapeuta è già, di per sé, un atto terapeutico, ancor più importante in quanto autoterapeutico. Inizia documentandoti sulle varie scuole di pensiero psicoterapeutico, scegli quelle che tu senti a te più vicine, emozionalmente oltre che intelletrtualmente, considera la zona geografica più comoda per te, chiedi un Primo Colloquio e poi decidi e scegli.

 

Un caro saluto

Cara Martina,

dalle tue parole mi sembra di capire che il disagio di fondo sia rimasto lì, più o meno mascherato dal rapporto altalenante col cibo, più o meno 'sedato' dalla presenza di un fidanzato vicino a te.

In questo periodo di tempo hai sperimentato modi diversi di farti del male, dai più subdoli (mangiando troppo o troppo poco) ai più evidenti (i tagli). Hai rivolto contro te stessa una rabbia immensa, che piano piano ha cominciato ad essere diretta anche verso gli altri, con gli atteggiamenti aggressivi di cui parli. 

Indubbiamente, essere 'costretta' a seguire un indirizzo universitario che non senti tuo, non ti è di aiuto e tutta questa situazione ti porta via la lucidità necessaria per ritrovare e riconoscere le tue passioni.

Stai attraversando una fase di crisi che ti fa soffrire, ma è una fase dalla quale PUOI uscire.

La domanda più difficile a cui rispondere è "come trovare lo psicologo adatto?"... non esiste UN modo giusto, esiste il modo giusto PER TE. C'è chi deve sperimentarne diversi, magari in occasione di un primo colloquio gratuito, chi si basa sul passaparola e chi, invece, sente di dover seguire l'istinto e 'andare alla cieca'. Trova il tuo modo giusto e prova: o non cambia niente o rischi.. di tornare a vivere.

Un caro saluto

Salve in merito alla tua richiesta cerca i centri specializzati per i disturbi alimentari nella tua città. Esistono strutture specializzate ed associazioni specifiche che trattano il tuo problema e potranno seguirti in maniera adeguata. Puoi trovarne molte se cerchi su google alla voce strutture per i disturbi alimentari. Io conosco un buon centro a Padova che è a livello internazionale per l'avanguardia nel settore e si trova all'interno della struttura ospedaliera di Padova si chiama centro per i disturbi alimentari. Spero di esserti stata utile, cordiali saluti.

Ciao Martina! ho letto con molta attenzione quello che hai scritto immagino come ti senti, spesso capita per chi ha come te un disturbo dell alimentazione che il pensiero del cibo, delle forme e peso corporee ti assorba totalmente che non riesci più ad apprezzare quello che ti succede intorno. In questo periodo per te molto stressante, tra università e impegni vari, penso sia il caso che tu faccia un percorso di psicoterapia. io sono una terapeuta cognitivo comportamnetale è una terapia breve ed è molto efficace nel trattamento delle abbuffate compulsive, per tale motivo ti invito ad intraprendere un percorso insieme a me visto che io mi occupo principalmente di tale problematica. Tu stessa puoi cercare informazioni su di me. io  ricevo alla spezia centro in via nino bixio. Puoi chiamarmi intanto per parlare delle tue preoccupazioni e se vorrai per fissare un appuntamento, cosicché insieme valutiamo bene ciò che ti sta succedendo e troviamo delle soluzioni. Cerca di stare serena, anche se è difficile ma a tutto c'è una soluzione. Con la voglia e l'impegno si raggiungono tanti risultati.

Salve,  mi chiamo Aldina Cucurnia, ho visto che più o meno abita vicino a dove ho lo studio ovvero ad Ameglia (SP), dove proprio pochi giorni fa ho tenuto un incontro dal titolo "emozioni e cibo". Sono una psicologa e quasi psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo comportamentale, e se ha modo di vedere su internet è un tipo di terapia che viene molto spesso consigliata per chi ha dei disturbi nella sfera alimentare (oltrechè ansia, depressione ecc). Le abbuffate sono molto fastidiose, e sono viste come egodistoniche, vale a dire che la persona non vorrebbe trovarsi ad abbuffarsi ma purtroppo è come una sensazione di perdita di controllo, un impulso quasi irrefrenabile; spesso nascono proprio dal fatto che una persona si dà delle regole dietetiche troppo feree, si priva di determinati cibi, oppure è convinta del "tutto o nulla" vale a dire: se mangio anche solo una piccola quantità di un cibo che non dovrei mangiare allora lo mangio tutto! Invece esistono le mezze misure.. possiamo controllare il nostro comportamento!

Potremmo vederci per parlare del suo problema, e trovare insieme una soluzione

Se ha bisogno di contattarmi: la mail è aldina.cucurnia@me.com    Saluti

 

Gentile ragazza,

ci espone più di un problema il cui trattamento rientra nell’ambito delle competenze di  uno/a psicologo/a psicoterapeuta, per cui le consiglio di contattare questa figura.  Anzitutto dovrebbe risolvere l’incertezza nel campo degli studi e lavorativo, e con essa le influenze familiari migliorando la comunicazione con genitori e parenti.

E’ possibile poi che l’essersi  lasciata con il primo ragazzo sia stato un trauma e che esso vada esplorato per un suo completo superamento. Esistono anche Psicoterapie Brevi che pure hanno elaborato protocolli specifici per i disturbi alimentari o Centri  e psicologi più formati in essi. cordiali saluti

Salve Martina,

leggo la sua mail e mi sembra evidente la sua grande sofferenza: mi colpisce molto l'immagine del mostro che lei sente di essere e di vedere, e subito mi viene in mente il terrore che i mostri incutono negli altri, così da allontanarli e il disprezzo (la colpa?) che, talvolta, possono nutrire anche per se stessi, così da isolarsi, aggredire, ferirsi. Credo che tutti gli indici di un forte disagio che lei riporta (difficoltà alimentari, isolamento, autolesionismo, cambi di umore, aggressività, forte senso di inadeguatezza), insieme alla difficoltà di capire, in questo momento della sua vita, quale strada vada bene per lei, quello che lei potrebbe scegliere per sè,  vadano indagati accuratamente da parte di un professionista, in modo da poterle restituire un senso circa quello che sta vivendo e poterla così aiutare a stare meglio. Il mio suggerimento è quello di rivolgersi ad uno psicoterapeuta che abbia esperienza delle problematiche che porta.

Se vorrà, resto a disposizione.

Cordiali Saluti,

Martina buongiorno, dalle tue parole traspare chiaramente che tu sei molto consapevole delle tue difficoltà e che vorresti trovare una soluzione. Mi dispiace che il tuo precedente tentativo di intraprendere un percorso psicologico non sia andato a buon fine. Può capitare che un professionista sia più competente in un ambito che in un altro, che provi ad intraprendere un percorso senza però riuscire ad ottenere dei risultati. Uno psicologo, a causa delle sue competenze, delle sue esperienze e delle sue caratteristiche personali, non può andare bene per tutti i pazienti. Purtroppo non c è un modo per capire se quella persona riuscirá ad aiutarti oppure no, ma solo iniziare un percorso e vedere dove ti porta. Ti consiglio di leggere alcune informazioni sui professionisti della tua zona e scegliere quello che ti sembra più adatto a te, in base a quello che dice nella sua descrizione e alle sensazioni che le sue parole ti suscitano. Prima di scegliere raccogli più informazioni possibili, perché solo così sarai convinta della tua scelta. Non ti far influenzare dal fatto che il precedente tentativo non è andato bene, prima di intraprendere qualunque percorso ti devi fidare della persona che scegli. spero che tu riesca a scegliere la persona giusta per te. Ti auguro di poter risolvere le tue difficoltà e resto a disposizione per qualunque chiarimento. Saluti

Buongiorno Martina, in quello che racconti trapela molta ansia e dolore.

Già una volta hai saputo chiedere aiuto e questa è una grande risorsa, la prima e fondamentale, quel che mi sento di consigliarti è di non arrenderti per il fatto che la prima esperienza con uno psicologo non sia stata soddisfacente.

Farsi aiutare da uno psicologo è prima di tutto creare una relazione con quest'ultimo e in quanto relazione umana, oltre che professionale, bisogna trovare qualcuno con cui sentirsi a proprio agio e sintonia, non basta la capacità o la professionalità.

Puoi provare a fissare qualche appuntamento con degli psicologi in base a dove abiti e capire quale è più "adatto" a te...non aver paura, spesso bastano pochi incontri per poter decidere se con quella persona potremmo trovarci bene e anche solo uno per capire che chi abbiamo davanti non fa per noi.

In bocca al lupo

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi dell'alimentazione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Obesità

Ciao a tutti sono Valentina ho 23 anni, e da quando ho memoria sono stata in sovrappeso, la prima ...

2 risposte
Circolo vizioso dieta-autostima-disturbi alimentari

Salve, ormai da più di un anno seguo una dieta ipocalorica, seguita da un nutrizionista, a ...

9 risposte
Rifiuto totale di verdure e pesce

Buonasera, sono una ragazza di 23 anni. Il mio problema è il rifiuto verso le verdure e il ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.