Droghe e psiche

Per una canna sono finita in ospedale e da li sono iniziati i miei sintomi che mi creano molta paura

Maria

Condividi su:

Salve, mi chiamo Maria e ho 20 anni. All' inizio di Febbraio è cambiata la mia vita. Per una canna sono finita in ospedale e da li sono iniziati i miei sintomi, sintomi che mi creano MOLTA paura. Ho fatto varie visite in pronto soccorso, ma non mi hanno riscontrato niente. Il mio medico di base mi ha detto che soffro di crisi di panico e depressione. Diciamo che non mi fido molto. In poche parole ho dolori alle costole, petto, bruciore alla gola (come scariche di corrente), debolezza e nausea. I dolori cambiano, avvolte al petto, avvolte alle costole, avvolte mi sento schiacciare i polmoni. Insomma tutti sintomi che prima non avevo. Adesso è da due settimane che mi sento come se avessi un blocco in gola e tossisco spesso, mentre lo faccio mi scrocchia la costola sinistra. Non esco neanche più ormai perchè ho paura di star male. Questa notte per esempio mi sono venuti dolori allucinanti al basso ventre, non riuscivo neanche a muovermi e il ciclo mi arriva il 7maggio. Aspetto vostre risposte. Sperando che qualcuno mi aiutasse a uscire da questi mali.

9 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Maria!

Ho molti dubbi che una “canna” abbia scatenato tutti  i sintomi da lei descritti anche se, certamente, quello che contiene una canna, non fa bene al suo cervello e al suo corpo.

Può soffrire anche di ansia e depressione ma  quello che le consiglio di fare al più presto è di fare un ampio e completo accertamento sul suo stato fisico.

 Insista con il suo medico di base per approfondire l’origine di  tutti i suoi malesseri   fisici e poi non escluda anche una componente ansiogena e depressiva  che può affrontare con un percorso psicoterapeutico.

Cordiali saluti    

Gentile Maria,

se il suo medico di base le ha diagnosticato crisi di panico e depressione è opportuno che consulti uno psicologo psicoterapeuta per venirne a capo con opportuna terapia psicologica. E' probabile che i suoi disturbi, stante la storia che ha raccontato, siano una conseguenza dell'episodio per cui si è recata in ospedale. Probabilmente si sono innescati dei meccanismi mentali capaci di dare luogo a sintomi vari che interessano anche il corpo; uno psicologo comunque abbastanza agevolmente dovrebbe comprenderli e antagonizzarli con opportuna psicoterapia. Le segnalo un mio articolo sulle cause e la terapia degli attacchi di panico che vengono efficacemente trattati con gli approcci che descrivo. http://www.psicologi-italia.it/user/user-articoliins.php?ida=1254

Salve Maria,

innanzitutto il fatto che non le abbiano trovato nulla, a seguito delle numerose visite mediche a cui si è sottoposta, le può far mettere il cuore in pace riguardo le eventuali cause fisiche dei suoi disturbi. E questo già è un buon punto di partenza a mio parere.

Detto questo, mi permetto di dirle che il suo corpo, attraverso i malesseri che lei percepisce, sta comunicando qualcosa. La comunicazione non avviene solo attraverso la parola, ma anche attraverso altri canali, e il corpo è proprio uno di questi. Attraverso di lui noi diciamo molto dei nostri vissuti, spesso ciò che verbalmente noi non riusciamo ad esprimere. Capisco perfettamente che i disturbi che lei sente sono molto fastidiosi e la fanno preoccupare, come è normalissimo che sia, ma la vorrei far riflettere sul fatto che potrebbero essere espressione di qualche altro suo malessere personale.

Se mettessimo anche solo per un secondo da parte i disturbi che lei ha dettagliatamente descritto, cosa potrebbe dirmi della sua vita? Come la descriverebbe?

In caso voglia contattarmi per un colloquio conoscitivo, o per qualsiasi altra domanda, sono a sua completa disposizione.

Buongiorno Maria,

   concordo con i colleghi che le hanno già risposto, se ha fatto tutti gli accertamenti medici il problema è di natura psicologica.

Io mi occupo frequentemente di pazienti con attacchi di panico. Se desidera possiamo fare un colloquio di valutazione per inquadrare meglio il problema.

Cordiali saluti

Ricevo a Mestrino (Pd)

Buona sera

La tua è la reazione all'utilizzo della canna, partiamo dall'inizio perchè hai deciso di farti la canna, prima della canna come andava la tua vita, come trascorrevi le giornate, studi , ai degli amici, fai sport. Forse la canna ha portato ha galla dei tuoi malesseri che non conoscevi, delle paure che non volevi affrontare.

Credo che il tuo di tutto questo ne dovresti parlare con un psicologo che possa aiutarti ha fare chiarezza dei suoi sintomi delle sue emozioni.

Cara Maria,

alcuni dei sintomi che descrive sembrerebbero ricondurre a delle crisi di panico, credo tuttavia che, proprio per la paura associata, sarebbe importante non trascurarli per evitare che evolvano in qualcosa che può compromettere utleriormente la sua vita quotidiana. Per esperienza professionale so che se non c'è un riscontro su base medica, spesso i sintomi associati all'ansia nascondono significati profondi che hanno a che fare con vissuti emotivi poco compresi. Concedendosi il tempo per condividerli con un esperto potrebbe essere aiutata a comprenderli in modo da riuscire a dar loro un significato per superarli e far si che non facciano più così tanta paura.

un caro saluto

Cara Maria,

sei molto giovane e sicuramente una psicoterapia breve potrà aiutarti a trovare una soluzione.

Se vuoi visitare il mio sito, alla pagina Ansia e Attacchi di Panico ti accorgerai di come i sintomi siano proprio quelli che tu descrivi.

Alla tua età ci sono molte risorse e sono sicura che risolverai il tuo problema; nella terapia sistemico relazionale,  l’attenzione non è esclusivamente al sintomo, ma al contesto di riferimento e alla storia trigenerazionale. In sintesi partiamo dal qui e ora e analizziamo i miti familiari arrivando fino alla terza generazione ossia ai nonni.

Cerchiamo di capire da dove nasce la paura e come combatterla affinché tu possa essere libera di vivere la tua vita serenamente.

Buongiorno Maria,

capisco che tu ti senta molto spaventata da questi sintomi, e trovo plausibile l'ipotesi del medico. La prassi in presenza di sintomi fisici è comunque sempre quella di escludere prima le ipotesi di natura medica.  Potresti quindi valutare col tuo medico se hai fatto tutti gli esami necessari, dopodichè, escluse altre ipotesi potresti rivolgerti a uno psicologo-psicoterapeuta: molto probabilmente l'episodio del pronto soccorso ha avuto un ruolo importante nell'instaurarsi della tua sintomatologia.

Se volesse contattarmi ricevo a Padova.

Buongiorno Maria,

fai bene a non fidarti del tuo medico di base! Fai così: va' da uno psicoterapeuta che si occupa di attacchi di panico e depressione. Quando anche lui concorderà che non soffri né di uno né dell'altro, fatti fare una valutazione scritta e portala dal tuo medico per dimostrargli che si sbagliava. :D

Ovviamente, scherzo ;)

Però qui siamo tutti psicologi e quelli che descrivi possono rientrare nella sintomatologia dei problemi che dice il tuo medico: hai avuto un forte evento stressante ed ora il tuo corpo è ancora terrorizzato. Prova a chiedere una consulenza ad un collega psicoterapeuta delle tue zone.

Se il problema è psicologico sarai nel posto giusto, se è fisico ti potrà comunque fornire utili strumenti per il controllo del dolore mentre continuerai gli accertamenti medici.

In bocca al lupo e facci sapere!

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Droghe e psiche"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Cocaina e aggressiva verbale e psicologiche

Buonasera, mi ritrovo di nuovo a scrivere in relazione alla mia domanda del 2 gennaio. Avevo scritt ...

2 risposte
Cocaina e aggressività psicologica e verbale

Buongiorno, per un anno e mezzo ho frequentato un uomo dipendente da cocaina da 30 anni, nel week ...

7 risposte
Credo di essere un'alcolista, aiuto!

Ho iniziato a bere all'età di 14 anni ogni fine settimana. Ogni sabato sera con i miei amici ...

13 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.