Fobie

Un'amica ha raccontato durante un pranzo di avermi sognata mentre baciavo un'altra amica

Monica

Condividi su:

Salve!Vi scrivo perchè è sorto in me un disagio psicologico che non so da cosa dipenda.Ho sempre sofferto di bassissima autostima e fobia sociale,in particolare il giudizio degli altri mi ha sempre spaventata sin dall'adolescenza e questo non mi ha permesso di stringere molte amicizie nel corso della mia vita: risulto essere molto fredda e distaccata con le persone che non conosco e difficilmente mi lascio andare se non trovo subito una corrispondenza con loro.Questo ha influito molto sulla mia vita sentimentale,ho 23 anni e non ho mai avuto una storia nè io vado alla ricerca di qualcuno con cui intraprendere una relazione,aspetto sempre che un uomo si faccia avanti con me e che mi palesi un suo interesse,altrimenti non muoverei un dito per paura di non piacere e quindi di un eventuale rifiuto(zero fiducia in me stessa).Qualche mese fa ho avuto un periodo di forte stress a causa di problemi universitari,e una situazione si è rivelata di forte imbarazzo a tal punto da mettermi un tarlo nella testa riguardo al mio orientamento sessuale.Un'amica ha raccontato durante un pranzo di avermi sognata mentre baciavo un'altra amica(in quel momento presente).In quella situazione ho iniziato a scherzarci su,ma poi è subentrato l'imbarazzo e la vergogna,il tutto è sfociato in un rossore a chiazze sul mio petto,e gli occhi giudicanti dei presenti non ha fatto altro che peggiorare la situazione e ha fatto scattare in me tale pensiero:"Ecco adesso penseranno che io sia lesbica". Da quel giorno mi viene una forte ansia se solo escono fuori discorsi sull'omosessualità perchè ho la paura di arrossire per i miei pensieri intrusivi e che questo venga giudicato male dai presenti.In realtà ho paura di parlare soprattutto con donne per la paura di arrossire in loro presenza.Premetto che mi son piaciuti sempre i ragazzi e mi sono fortemente invaghita di alcuni di loro sebbene non abbia vissuto storie di una certa importanza,ma forse un episodio legato alla mia adolescenza (12-13 anni) può dare delucidazioni: ricordo benissimo che un giorno mentre vedevo un video musicale sentii una sorta di eccitazione nel vedere una donna,da lì ho avuto una forte ansia,desideravo fortemente il mio primo ragazzino(lo volevo a tutti i costi) e la reazione del mio corpo mi turbò.Ma poi non ci diedi più importanza,anzi nelle mie masturbazioni la visione del corpo femminile iniziò ad essere presente ma non per questo me ne feci un problema:ognuno ha le proprie fantasie che fanno parte della propria sfera intima e segreta alla quale nessuno può accedere,e che non è detto si vogliano realizzare nella realtà,giusto?C'è da dire che mi masturbo da quando ero molto piccola(4 anni) e forse anche in maniera compulsiva,dai 16-17 anni sono arrivata al punto di farlo spessissimo ogni giorno,peggiorando il tutto con la visione di video porno,cosa che adesso non faccio più una volta che mi accorsi anni fa che mi stava togliendo tempo ed energie soprattutto nello studio.Forse nell'adolescenza ho iniziato ad avere il bisogno di trasgredire almeno nelle mie fantasie per eccitarmi,infatti mi rendo conto che le perversioni mi eccitano,tra queste includerei anche il corpo della donna.E' forse un'ossessione che mi accompagna per le mancate esperienze sentimentali e sessuali vissute con gli uomini?Non mi sono mai sentita desiderata da loro,fin da adolescente ho avuto questo complesso di inferiorità,desideravo piacere ma mi rendo conto che ciò non è mai avvenuto,sicuramente per poca intraprendenza da parte mia e per la forte insicurezza.Il tutto può essere riconducibile a una convinzione che avevo verso i dieci anni,ossia che mia madre voleva bene solo a mia sorella(soffrivo parecchio perchè notavo delle differenze di attenzioni,e ancora adesso sento che entrambi i miei amino e stimino più mia sorella che me)??O è un'omosessualità latente??Ho ancora più ansia adesso per quanto riguarda la sfera relazionale,forse la vera risposta la capirò con l'esperienza che non ho al momento.Non ho nulla contro gli omosessuali,anzi,ma il pensiero di poter essere lesbica mi fa paura e mi sconvolge,si può desiderare una cosa di cui si ha così paura?Io vorrei tanto un uomo da amare e che mi amasse,ma l'episodio accaduto in quel famoso pranzo e le riflessioni sulle mie fantasie sessuali e eccitazioni mi confondono parecchio.Chiedo scusa se ho mescolato troppi elementi ma volevo fornire quanti più elementi possibili se può servire a fare un quadro della situazione.Quest'ansia sociale mi sta distruggendo..Grazie a tutti anticipatamente!

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Guardi Monica lei è molto giovane e dovrà fare delle  esperienze relazionali e sessuali significative nella sua vita per capire cosa le piace. Allostato attuale, in realtà, le consiglierei una psicoterapia, anche al consultorio del suo paese, ma soprattutto per la sua paura del giudizio degli altri, per le sue insicurezze e perchè si possa vivere più liberamente le sue esperienze. Non si preoccupi delle sue fantasie....le lasci andare... Saluti

Gentile Monica, quello che pone è un quesito relativa alla sua identificazione che va oltre l'orientamento sessuale; gli elementi che ha fornito sono tutti molto utili e molto importanti; le risposte però non le possono venire da un consulto estemporaneo bensì da un percorso analitico che colleghi i segnali del suo corpo con quelli della mente. Qualora ritenesse di approfondire le possibilità di un'analisi personale, sono disponibile ad un incontro che non la vincoli in decisioni definitive.

Carissima Monica,

capisco che tutti questi pensieri possano turbare la tua stabilità al punto da farti dubitare del tuo orientamento sessuale. Sei ancora molto giovane e la mancanza di esperienze pregresse non facilita la cosa. Intraprendere una fase di "sperimentazione" dell'altro sesso spesso rappresenta un momento importante di crescita, oltre che aiutarci a capire le nostre preferenze sessuali. La visione del corpo della donna in posizioni erotiche in realtà è eccitante per chiunque, quindi non penso rappresenti una perversione che sfocia nell'orientamento omosessuale, e ti dico questo anche perchè nel tuo racconto non hai mai parlato di aver provato dei reali sentimenti di amore nei confronti di una ragazza. Piuttosto racconti di esserti ancora invaghita di maschi e di desiderare l'affetto e la protezione di un uomo. Fossi in te inizierei a concentrarmi sulla questione dell'autostima e dell'insicurezza: apprezzandoti di più trasmetterai la tua positività agli altri e l'amore che vai cercando verrà da te. Prova a rivolgerti ad uno psicologo valido della tua zona (io ricevo a Pianborno,in Vallecamonica,se non è troppo fuori mano sono disponibile). Lavorando su di te, sul rapporto che qui accenni con tua sorella, con tua madre e con gli altri in generale, sulle tue aspirazioni, sui tuoi bisogni, sulle tue qualità e sui tuoi limiti troverai sicuramente la strada giusta e le cose andranno meglio. E se un giorno scoprirai di essere omosessuale potrai vivere in libertà e consapevolezza questo tuo modo di essere. Spero di esserti stata d'aiuto!

Cara Monica, la tua domanda rispetto al tuo orientamento sessuale fa parte di una domanda ben più ampia: chi sono? Credo che tu, in questo delicato momento della tua vita sia alla ricerca della definizione della tua identità in generale e questo aspetto fa parte di questa più ampia definizione. In questo percorso ti sento molto sola, l'attività masturbatoria praticata a 4 anni ne è una grande prova: questo è il modo in cui tu ti sei rassicurata, tenuta impegnata e data affetto. In un percorso “diverso“ questa funzione la avrebbero dovuta svolgere mamma e papà che avrebbero dovuto amare, nutrire e accompagnare nella crescita la loro bambina. Forse qualcosa è successo nella relazione con loro e questo è il modo che tu hai trovato e scelto per “amarti un po'“. Se ti va un colloquio diagnostico-conoscitivo per valutare la possibilità di un percorso psicologico che ti supporti nella ricerca della tua identità e nella rassicurazione delle tue paure ricevo a Fontanella (BG), non molto distante da Brescia. Un caro saluto

G.le Monica, la Sua è una mail carica di emozioni che mi hanno colpito molto e che certamente non Le permettono di fare ordine nel Suo “groviglio“ di pensieri. Esiste un momento nella vita in cui ognuno di noi prende coscienza del proprio orientamento sessuale, che è lì da sempre, da che siamo nati, è in gran parte biologicamente determinato, lì ad attendere la nostra attenzione. L'orientamento sessuale si sviluppa lungo un continuum in cui ai due estremi vi è l'eterosessualità e l'omosessualità e l'orientamento sessuale di ognuno di noi si può collocare su un punto diverso di questo continuum. Non ho nessun elemento presente nella Sua mail per stabilire su quale punto si colloca Lei sul continuum. Il mio consiglio è di non smettere di desiderare ciò che cerca, anche qualora si dovesse accorgere di essere attratta da persone del Suo stesso sesso. L'omosessualità non necessita di nessuna cura, l'omofobia interiorizzata sì. E se per fare questo ha bisogno di “riordinare“ un po' i Suoi pensieri sappia di potermi trovare disponibile. Un caro saluto,

Cara Monica, sento nelle tue parole molta preoccupazione per tutte queste sensazioni e pensieri che non sai bene come gestire. La tua giovane età probabilmente non ti da molti strumenti per affrontare questi vissuti, ma credo sia importante tu ti rivolga ad un professionista per riuscire ad uscire da una condizione di difficoltà relazionale ed emotiva prima che si cronicizzi e risulti ancora più complessa da superare. Sei molto giovane ed è un peccato che la tua vita sia condizionata da queste paure e ambiguità, impedendoti di vivere pienamente e con spensieratezza i tuoi 20 anni. Spero tu possa accogliere il mio suggerimento e ti mando cari saluti.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Fobie"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Paura di tutto

Salve a tutti! Ho 23 anni e da qualche tempo mi sono accorta di avere delle paure irrazionali su ...

4 risposte
Eritrofobia, fobia sociale, solo un fattore psicologico??? Metodi naturali?

Salve, sono una ragazza di 22 anni, due anni fà ho iniziato a soffrire di attacchi di panico ...

5 risposte
Paura ad uscire di casa

Salve, due giorni fá, ho avuto un giramento di testa molto forte che mi ha spaventata molto, ...

18 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.