Problematiche sociali

Problematiche con i genitori

Jonathan’s

Condividi su:

Slave
Ho 25 anni e ho problemi con i miei genitori riguardante la mia passione/sogno. Ho iniziato a studiare conservazione marina in UK l’anno scorso, e quest’anno e l’ultimo anno (e un corso universitario di 2 anni). A me piace viaggiare e il mio sogno e poter diventare un fotografo professionista che lavora per riviste come National Geographic etc. etc.
Ed e qui che arriva il problema, io sono dislessico (o molta creatività e sono molto attivo e mi piace sognare molto, come un bambino). Mia mamma sembra quasi che voglia mettermi i bastoni fra le ruote, mi dice che non ho ancora combinato niente nella vita a 25 anni e che ci sono ragazzi della mia età (figli di sue amiche) che invece lavorano e iniziano a mettere su famiglia (e contribuiscono in casa), ed invece io sono lì a credere in un sogno in realizzabili e sono mantenuto (quest’ultima non e proprio vera in quanto lavoro e mio padre mi aiuta solo con l’affitto della camera universitaria). Io un po’ non la biasimo da quando si è separata e mia nonna e morta si sente sola, e quindi ha paura che io la abbandoni iniziando a girare il mondo per lavoro e creandomi la mia vita lontano dal “nido di casa”. Dall’altra parte mio padre, crede leggermente di più in quello che voglio fare, ma il problema è che mi vede ancora come un bambino ed e come se voglia che io non faccia ciò che voglio per non farmi del male (si sa girare il mondo ha i suoi rischi) ma se non si prendono dei rischi non si arriverà mai a nulla. Anche perché sinceramente, lui ha sempre visto la mia dislessia come un handicap e penso che non abbia mai accettato il fatto di avere un figlio dislessico (anche per via di tutti i problemi che ho avuto nella mia esperienza scolastica, bullismo e problemi sociali fino ad una età di 15/16 anni).
Io chiedo consiglio per come affrontare il fatto perché questa cosa mi blocca molto, mi crea delle paure in me che fermano la mia voglia di proseguire ciò che realmente voglio fare nella vita.
Io so che loro mi vogliono bene, ma devono capire che io non sono più quel bambino che non era capace neanche di farsi degli amici o difendersi dai bulli. E che gli piace o no ma io devo prendere e andarmene dal “nido di casa”, mi scuso se lo chiamo così ma penso sia il giusto termine da usare in questa situazione.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Carissimo


La protezione e il timore dei genitori a volte rischia di mozzare le gambe dei figli, anche di quelli più determinati. 


Tu hai dalla tua parte le idee chiare, un sogno che ti guida, un'idea sostenuta dai tuoi studi...cerca si rafforzare ancora si più questo tuo sogni iniziando a renderlo reale. Sognare in grande va benissimo, ma si inizia da piccole e concrete esperienze, sono queste infatti a rafforzare il sogno. Valuta come poter iniziare a fare esperienze che ti avvicinano concretamente al tuo sogno, se non le hai ancora fatte.... corsi di fotografia, iniziali concorsi e selezioni così che qualcuno esperto valuti le tue foto, esponiti presso riviste e proponi le tue foto... 


Forza e coraggio! 


Il tuo sogno é nelle tue mani. 


Togli l'alone di magia e sono infantile e rendilo reale. Inizia in piccolo e procedi passo passo. 


Pian piano anche gli altri vedranno la concretezza delle tue intenzioni....


Un saluto

Gentile Jonathan's,


Sembra che lei abbia già ampliamente imparato a convivere con il suo disturbo dislessico e che solo per i suoi genitori rappresenti un “handicap”. Eppure come saprà personaggi illustri affetti da dislessia hanno trovato il proprio spazio nel mondo, magari proprio inseguendo un sogno che ha rappresentato un “faro” per il raggiungimento dei propri obiettivi.


Dalle sue parole traspare una buona consapevolezza di sé e dei suoi bisogni: forse i suoi genitori tendono a proiettare su di lei i propri vissuti di paura e/o fallimento che appartengono alla loro storia di vita; sarebbe opportuno conoscere e rispettare i rispettivi vissuti emotivi all’interno del contesto familiare.


Un percorso di consulenza potrebbe aiutarla ad “allenare” le sue Skills (abilità sociali) e a sviluppare maggiore assertività per intraprendere il suo percorso di vita, con maggiore serenità e meno sensi di colpa che spesso possono presentarsi quando si lascia il “Nido di casa”.


Cordiali saluti.


Dottoressa Daria Carli Giori


Psicologa Psicoterapeuta a Sesto Calende (VA) e online.

Gentile Jonathan's,


ho letto con piacere il suo racconto e ho sentito la sua empatia nei confronti dei limiti dei suoi genitori, questa è una grande sensibilità ed è già un grande traguardo. La sua sensibilità ma anche la sua acuzie la aiuteranno molto, perchè lei è consapevole del fatto che nonostante i suoi genitori non sempre riescano a sostenerla e valorizzarla, la sua strada è andare avanti e seguire il suo sogno.


Uno psicologo può esserle utile per sentirsi supportato e seguire il cammino di chi vuole essere veramente. Un obiettivo ambizioso potrebbe essere anche quello di aiutarla a rasserenare i suoi genitori riguardo al fatto che ce la farà, e se così non dovesse essere, sarà un figlio felice perchè avrà dato il 100% per seguire il suo sogno.


Se lo desidera, non esiti a contattarmi.


Un caro saluto,


Dott.ssa Chiara Crespi

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problematiche sociali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come superare pigrizia, insicurezza e confusione

Buongiorno mi chiamo Elisabetta ho 41 anni e sono single. Ho una laurea triennale e ho lavorato per ...

6 risposte
Come poter usufruire di almeno una seduta da under 18

Buonasera, chiedo scusa a tutti per una domanda che ho visto molto nel web (ma con risposte sempre ...

4 risposte
Come posso migliorare la mia condizione?

Salve a tutti, sono una ragazza di 21 anni e da tempo non riesco a risolvere alcune problematiche ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.