Psicologia scolastica

4 anni non disegna

Sara

Condividi su:

Sono madre di Giulio 4 anni compiuti, secondo anno di materna.

Ha un rifiuto completo all'idea di disegnare o colorare con i pennarelli. È un bimbo dolce allegro, sà già contare, e ama costruire con le Lego, giocare con didó, segue correttamene le istruzioni. Ha fantasia, guarda le nuvole e immagina animali..... Con le macchinine crea situazioni di gioco ecc... Parla fin troppo correttamente, anche se estremamente polemico, odia sentire che gli amici alla materna vengono ripresi, interviene a difesa degli amici, dicendo alle insegnanti di non alzare la voce di non dire ' cose brutte ' agli amici ( le insegnanti semplicemente riprendono i bimbi un po sopra le righe).

Esprime sempre le sue emozioni, sono triste sono felice.. Mi annoio... Ecc... Socievole e disinvolto. Le sue maestre estremamente legate all'idea del disegno e del colore non tollerano il suo completo rifiuto. Si nasconde sotto al tavolo x non colorare i disegni prestampati.

A noi genitori lo fanno vivere come una grave mancanza di nostro figlio. Io sono arrivata a dire di lasciarlo stare, di non insistere. Forse ho sbagliato, ma vorrei che mio figlio alla scuola materna imparasse le regole del gioco, del rispetto fra gli amici. Vorrei più empatia e meno " lavoretti appesi" da mostrare ai genitori. Chiedo parere e consiglio.

Grazie mille Sara

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Sara,


Dalla sua descrizione si evince che Giulio si esprime e si relaziona con i pari, mostrando una spiccata sensibilità per gli aspetti ambientali e relazionali e questo lo porta a manifestare il proprio dissenso di fronte a rimproveri che ritiene “eccessivi” sia sotto l’aspetto sensoriale (alzare la voce), sia del contenuto (dire cose brutte).


Per quanto riguarda le attività espressive, ha una serie di attività che predilige. Il fatto che si rifiuti di colorare schemi predefiniti non credo rappresenti una problematica del bambino. Considerando, invece, che ciascun tipo di lavoro espressivo ha caratteristiche ben precise che attiva aspetti emozionali e psicologici, le sue preferenze o rifiuti, se osservate nel giusto contesto, potrebbero raccontare qualcosa di lui.


Spero di aver offerto uno spunto di lettura.


 

Ciao
sono abbastanza d'accordo con te, infatti a questa età probabilmente bisogna aspettare il tempo giusto per apprendere alcune cose senza forzare troppo i piccoli, deve essere una fase graduale e spontanea, naturale.
Inoltre forse le insegnanti non applicano un sistema adatto per stimolarlo a disegnare.
Ogni persona ed ogni bambino ha una preferenza per uno dei 5 sensi, ad esempio c'è chi preferisce il sistema visivo e quindi: il disegno, le luci, i colori, e tutto quello che giro attorno al senso della vista.
Poi c'è chi preferisce l'udito e di conseguenza: la musica, i suoni, il tono di voce delle persone ed altro.
Infine c'è chi ha una preferenza per il sistema cinestesico che riguarda: il toccare, la manipolazione, il tocco delle mani, ed altro.
Ogni insegnante dovrebbe prendere coscienza di questo ed adattare il proprio insegnamento al sistema percettivo preferito dal bambino, ed insegnare qualunque cosa adattando le informazioni che offre ai piccoli col sistema preferenziale scelto dal bimbo.
Ad esempio è possibile (è solo un ipotesi naturalmente perchè non conosco il piccolo) che tuo figlio abbia una preferenza per il sistema cinestesico, visto che ama giocare ai lego (manipolazione dei quadratini di plastica) ed alle automobiline (toccare le macchinine, lanciarle ed altro) , in questo caso la maestra potrebbe usare questo sistema per motivare tuo figlio a disegnare, ad esempio facendogli toccare i colori, facendogli accarezzare i fogli lisci e ruvidi, amplificando queste sensazioni, poi aiutarlo gradualmente facendogli colorare un po la creta, che all'inizio potrebbe manipolare costruendo una pallina o un quadrato e poi farglielo colorare, così si può abituare a dare colore ad un oggetto e poi se gli piace passa al foglio da disegnare
Sono cose importanti ma non tutti conoscono queste preferenze dell'essere, e non tutte le insegnanti lo praticano per aiutare gli alunni a crescere espandendo i sistemi meno preferiti col tempo ed in modo graduale.
Provateci, può essere un'alternativa.
Cordiali saluti a lei ed al piccolo

Buona sera Sara,


capisco la sua apprensione e la sua richiesta richiede attenzione. Le maestre, credo, vogliano solo farle capire che forse c’è qualche cosa che non va. E’ vero che alla scuola  materna si fanno molti lavoretti,  sono fatti non solo per farli vedere ai genitori ma anche per valutare il bambino. Vederne i comportamenti, le attitudini e le reazioni. Il fatto che il bambino non voglia colorare e si rifiuti di farlo nasconde qualcosa che potrebbe essere valutato in una sede giusta.

Salve Sara, da quello che tu descrivi, tuo figlio è molto socievole, attento agli altri e alle sue sensazioni. Sono d’accordo con te nel ritenere che non sia un problema se il bimbo non disegni o colori..magari le maestre potrebbero adottare delle strategie per incuriosirlo nel farlo. I bimbi a quest’età tendono a fare l’esatto contrario di quello che proponiamo a volte e non è assolutamente un problema, anzi si tratta del loro sviluppo e della loro costruzione della personalità. Ogni bimbo ha natura ed educazione..le due cose devono combinarsi amichevolmente non scontrarsi. Spero di esserti stata utile Sara.


Buona Giornata.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicologia scolastica"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

ADHD

Buongiorno, un mio alunno, con spiccate capacità nell'ambito logico-matematico, già ...

4 risposte
Mio figlio si annoia a scuola

Salve, sono mamma di un bellissimo bimbo di 7 anni. Quest' anno è entrato alla primaria e per me ...

1 risposta
Bambina esclusa dalle compagne di classe

Buongiorno, mia figlia Stella ha 6 anni ed ha appena terminato il primo anno di scuola primaria...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.