Stress

Sono fidanzata con un ragazzo a cui è stato diagnosticato il bipolarismo di tipo 2.

cindy

Condividi su:

salve, mi chiamo Cindy ed ho 25 anni,h o un bambino di 7 anni. Da 8 mesi sono fidanzata con un ragazzo di 30 anni a cui è stato diagnosticato il bipolarismo di tipo 2. è una brava persona ed è stato sincero da subito. ho gia vissuto con lui 2 periodi di depressione dove non usciva ,non faceva altro che dormire e si isolava dal mondo.. è molto bravo nel gestire i suoi “momenti“ la cosa che mi preoccupa è che non vuole essere seguito da uno specialista e non vuole assumere terapie.. nonostante sia bravo a gestire il tutto,penso che una terapia sia necessaria.. come posso stargli vicino?? come mi devo comportare?? grazie a tutti per l attenzione

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Cindy grazie per aver scritto

sicuramente il suo compagno deve essere seguito da uno specialista anche se non volesse assumere psicofarmaci. Esistono terapie farmacologiche ma anche psicoterapie o terapie di supporto di tipo naturopatico. La decisione di assumere o non assumere farmaci è una scelta che va rispettata ma si può indurre una persona a curarsi se per noi è importante ponendogli un out - out. Mi rendo conto che è un'operazione difficile ma lei può proporre al suo compagno come importante e fondamentale per lei la cura tanto da poter decidere anche di interrompere la relazione se lui continuasse a rifiutarsi.

Ripeto, poi, il tipo di cura da fare diventa una scelta, rispetto anche a come ci si trova meglio.

Mi faccia sapere. Saluti

Salve in risposta alle sue domande forse è il caso che il suo compagno anche se bravo a gestire le crisi, come lei scrive, sia seguito da uno specialista. Si rivolga al Centro di Salute Mentale della sua città e chieda un consulto con gli specialisti, che se reputeranno necessario potrebbero venire a domicilio e verificare la situazione e se grave procedere con un T. S. O. (Trattamento sanitario obbligatorio) in maniera da mettere il suo compagno nella condizione di potersi curare ed essere seguito. Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Cara Cindy, sono disponibile ad accogliere la sua richiesta di aiuto. Però è importante che io abbia maggiori informazioni per poterle dare una risposta e un suggerimento. In che senso il suo fidanzato non vuole essere seguito da una specialista? Da chi è stata fatta la diagnosi? Può darmi ulteriori informazioni, anche rispetto all'esordio e alla manifestazione del disturbo. Cari saluti 

Cara Cindy

dalla domanda si evince la diagnosi fatta al fidanzato, ed è un disturbo che può essere tenuto sotto controllo poichè adesso i farmaci nuovi non hanno grosse controindicazioni anche se sul bugiardino le ditte farmaceutiche per difendersi mettono molte drammaticità.

Detto questo se fra voi esiste un forte sentimento cioè amore è un ottimo antidepressivo che comunque spesso non è sufficiente.

Credo e consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico, per trovare il giusto equilibrio, purtroppo è il classico uomo che si sente potente e non vuole essere aiutato e questo è un suo modo di agire che non lo porterà nella giusta dimensione sia fisiologica sia psicologica.

Il comportamento da tenere? Non è un figlio quindi credo che la vicinanza e avere atteggiamenti relazionali normali non ossessivi sia la miglior soluzione.

Auguri

Gentile Cindy,

In situazioni come queste, la cosa che può fare per aiutare il suo ragazzo è stargli vicino come può, offrirgli la sua comprensione e il suo supporto. Certo, una terapia sarebbe necessaria, immagino, ma la necessità deve partire da lui, il bisogno e la motivazione che potrebbero portarlo a consultare uno psicologo dovrebbe essere interno e profondo. Lui è stato, come riferisce, molto "bravo" a gestire i suoi momenti, ma credo che un merito sia anche suo, quello di continuare a stargli vicino e supportarlo senza forzare la mano. Spesso un abbraccio, la vicinanza o una parola dolce è molto importante in situazioni del genere. Potrà provare ad affrontare l'argomento terapia se vuole, ma senza cercare di convincerlo, proponendolo, magari, come una risorsa, un aiuto in più. Nel frattempo cerchi, anche, di non perdere di vista se stessa e quelle che è bene per lei.

Rimango a disposizione

Cordialmente

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Stress"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Cosa fare quando tutto ti è contro?

Buongiorno, sono una ragazza di 26 anni in un periodo molto delicato della sua vita. Ho sempre ...

4 risposte
Afasia transitoria - Tac e analisi nella norma

Buongiorno, domenica mattina il mio compagno (33 anni) è stato svegliato all'alba da nostro ...

2 risposte
Sto perdendo le redini della mia vita

Salve, sono una ragazza di 25 anni e sto cercando di capire cosa voglio fare della mia vita, che ad ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.