Varie

Cambiare la mia vita e renderla solo mia

Micòl

Condividi su:

Salve, sono una ragazza di quasi 25 anni e sono finita qui perché è da molto che necessito di parlare di alcune cose.
Soffro da tantissimi anni di depressione, insonnia, ho pensato al suicidio moltissime volte ed ho sofferto di anoressia. Ero molto irascibile in passato, sempre insofferente ed infelice, mi sentivo fuori posto, mai adatta a stare coi miei coetanei, ma anche molto determinata a tovare me stessa, essere indipendente e realizzarmi. Ho sempre studiato molto cercando la perfezione. Da quando ho iniziato l'università le cose sono andate a rotoli completamente e peggio del solito. Ho vissuto anche il terremoto che ha portato via la casa in cui stavo durante gli studi. Ho iniziato ad avere fortissimi attacchi di panico e le mie certezze su me stessa sono crollate peggiorando la situazione. Sono tornata a casa coi miei genitori che però non hanno mai capito/voluto capire la situazione considerandola passeggera "un momento da ragazzi". Sono stata chiusa in casa per 2 anni senza riuscire a dare esami all'università, senza mai vedere oltre al portone di casa. Un anno fa ho accettato l'idea di non riuscire più ad aiutarmi da sola e sono andata dal medico di base chiedendo aiuto in segreto. Mi ha dato degli antidepressivi (so che non sono l'unica ragione del mio star bene ma sto cercando di essere breve) e la mia vita è improvvisamente esplosa di cose nuove che mai avevo fatto, di novità, di vita. Tutto questo ha portato nuove consapevolezze e la voglia di vivere come non avevo mai fatto, ma l'università ne ha risentito nuovamente e per quanto io ami il mio campo non riesco più a prenderla come devo, la collego a qualcosa che mi fa soffrire enormemente. Sono andata da una psicologa anche questo in segreto perché i miei genitori non accettano minimamente tutta la sfera che riguarda la psiche, il percorso con lei mi piaceva molto ma economicamente non sono riuscita a continuare e qui di nuovo il problema università-lavoro o entrambe? I miei genitori non vogliono che io metta in pausa i miei studi per lavorare, vogliono che io mi concentri sul laurearmi non capendo che per me AL MOMENTO è una prigione. Voglio staccare da loro il controllo di queste cose, ma non ho più il coraggio che avevo prima. Ho bisogno di lasciar stare per un po', lavorare, stare con la gente, andare in palestra poi magari riprendere l'università con i miei soldi. Sono combattuta, non so più cosa fare ed ho paura di ricadere in certi stati "pericolosi". So che la depressione ha anche basi ereditarie, so anche che questo discorso richiede di approfondire molti aspetti per potermi aiutare, ma spero in qualche risposta di conforto o che possa aiutarmi anche solo un pochino. Mi scuso per il discorso che potrebbe sembrare confuso.
Saluto cordialmente

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buon pomeriggio Micol. Mi sembra di capire che per ora hai le idee chiare: vuoi lavorare e vedere gente, vuoi decidere liberamente della tua vita, e non vuoi farti influenzare, vuoi prendere tempo e valutare con più calma se, quando e come eventualmente riprendere gli studi. Ritengo che tu debba ascoltare la tua pancia ora, dal momento che sei supportata anche farmacologicamente. Se il lavoro permette, fossi in te mi ritagliarsi il mio tempo ed i miei spazi. .... Ho lanciato dei sassolini, prendi Quello che senti essere a te più affine. In bocca al lupo.

Ciao Micol, mi dispiace per il brutto periodo che hai attraversato e per i problemi attuali. Se ho capito bene, tu stai assumendo una cura farmacologica assegnata da un medico di base, io, come prima cosa, ti consiglierei di rivolgerti ad uno psichiatra, se vuoi continuare con la farmacologia. Un altro consiglio che ti darei è quello di allontanarti dalla tua famiglia di origine e tornare in un ambiente universitario. Questo potrebbe essere il primo passo verso una maggiore indipendenza senza però abbandonare gli studi. Inoltre se ti interessa fruire di un percorso terapeutico, ma non hai le possibilità economiche, potresti usufruire dei servizi psicologici gratuiti messi a disposizione dalle varie università o enti regionali nelle diverse sedi. Io personalmente gestisco gli ambulatori psicologici presso le università di Ascoli Piceno e Camerino. Se ti interessa puoi prendere un appuntamento. 

Buongiorno Micol, determinate consapevolezze le hai raggiunte: il desiderio di lavorare, stare tra la gente, ti aspetta la parte più difficile, il metterle in atto. Senti la necessità di fare delle cose per te stessa, é molto importante, i tuoi genitori non concordano, ma come potrebbero O stacolarti? Devono vederti sicura delle tue scelte.


Se sentissi la necessità di parlare con un terapeuta potresti rivolgerti al servizio pubblico, consultori sono gratuiti.


Resto a disposizione

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come recupero il rapporto con genitori settantenni?

Ho 28 anni (fra poco), una forte guida interiore ma una sorta di timore latente nei confronti di ...

2 risposte
Madre troppo invadente

Salve, sono una donna di 50, serenamente sposata da 20 anni con 2 figli e una buona posizione lavora ...

7 risposte
Mi sento intrappolata

Ciao, ho 23 anni, a novembre 24 e mi sento intrappolata in una vita non mia. Mi ritrovo in un ambie ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.