Varie

Non so se chiamarla Apatia

Emilia

Condividi su:

Buonasera,
Mi chiamo Emilia e in questo 2019 compirò 32 anni.
La mia storia tortuosa inizia un po' di tempo fa... Quando avevo 9 anni ebbi un forte lutto in famiglia e da quel momento tutto è cambiato. Come tutti avevo dei sogni ma la situazione familiare, la perdita di un genitore e la scarsa presenza dell'altro hanno fatto in modo che in me scattasse un istinto di sopravvivenza tale che non ho voluto la guida di nessuno. Ho trascorso gran parte della mia vita chiusa in casa, vergognandomi del mio stato di obesità e accettato che gli altri prendessero decisioni per me, mettendo da parte il mio più grande sogno, perché ero debole e minorenne.
Una volta raggiunta la maggiore età ho iniziato a rincorrere me stessa, ho lasciato gli studi per un lavoro che non mi piaceva e ancora una volta ho lasciato da parte i miei veri desideri, perché ero troppo superba e volevo riuscire ad essere quella che non sono mai stata.
Arrivata ad un punto di rottura con me stessa cambio lavoro, cambio con un lavoro apparentemente eccezionale che mi permetteva di guadagnare bene, ho trovato l'amore, ho sposato un uomo che amavo e grazie a quest'uomo ho ripreso per le redini quel sogno che ormai dormiva chiuso nel cassetto. Sembrava tutto perfetto ma giorno dopo giorno vedo la mia vita scivolarmi tra le dita senza che io possa più far nulla. L'uomo eccezionale che credevo essere perfetto si è trasformato in una persona che nemmeno mi considera, non mi sfiora e non mi bacia più. Viviamo accampati da mia madre e da mia suocera senza una casa; in un anno ho preso 20kg e non riesco più a dimagrire; avevo iniziato a seguire un corso scolastico per raggiungere il mio sogno ma sono decisamente demotivata perché so che non riuscirò a portarlo a termine a causa del mio lavoro attuale che per quanto non mi piaccia, mi permette di guadagnare e aiutare mia madre attualmente senza lavoro ne pensione.
Ora a 32anni sono sempre stanca, senza voglia di far nulla. Non capisco cosa mi sta succedendo, non ho più voglia di combattere per me stessa e per gli altri. Come potrei uscire da questa bolla che si sta formando intorno a me?

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Emilia,
purtroppo la sua vita è stata segnata, precocemente, da un evento molto doloroso: la mancanza di sostegno e di comprensione da parte degli altri adulti attorno a lei ha reso più faticoso il suo recupero e la costruzione di una fiducia in sé e negli altri.
Vorrei farle notare, però, che lei ha dimostrato anche di avere delle ottime risorse personali, sia dal punto di vista intellettuale sia dal punto di vista emotivo: ha trovato un primo lavoro, poi un altro molto ben retribuito (poco importa che non fossero le professioni dei sogni, le hanno comunque permesso di avere un'autonomia economica e, immagino, anche qualche gratificazione personale), inoltre ha trovato l'amore, sposando un uomo scelto con autentico slancio.
Non so cosa sia successo dopo nella vostra coppia, cosa abbia cambiato il vostro rapporto e vi abbia portati ad “accamparvi” a casa dei parenti e non so quale sia il sogno che lei insegue da tanto tempo. Quello che so è che lei è ancora molto giovane, desiderosa di uscire dalla “bolla” in cui si sente imprigionata e motivata ad iniziare a prendersi cura di sé in modo diverso: non attenda oltre e cerchi un aiuto professionale nella sua città, senz'altro troverà quello di cui ha bisogno.


 

Gentile Emilia,


lei accenna alla perdita precoce di suo padre e a scarsa presenza di sua madre quando era ancora poco più di una bambina.


Questi sono eventi che certamente hanno condizionato negativamente lo sviluppo della sua personalità facendole acquisire insicurezza, bassa autostima e tendenza alla depressione che persistono tuttora e che possono aver causato o almeno contribuito al deterioramento della sua relazione coniugale.


E' necessario che lei cominci a prendersi cura di sè intraprendendo un percorso di psicoterapia individuale o anche di coppia se suo marito si rende disponibile.


Cordiali saluti.

Buongiorno sig.ra Emilia e grazia di aver condiviso una parte della sua vita con noi.


penso che sia il caso che si rivolga ad un collega della sua zona per riprendere in mano veramente le redini della sua vita partendo proprio da quel lutto che a 9 anni le ha cambiato la vita. Lei è molto giovane (a tutte le età si è giovani....e si è in tempo per riprendere la propria vita tra le mani e revisionarla). Se ha bisogno di un contatto della sua zona mi contatti in privato.


Cordialmente.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Stress o iniziò di una psicosi-nevrosi?

Salve, mi chiamo Carla, vi scrivo perché ogni tanto ho dei vari sintomi che mi preoccupano...

2 risposte
Paura di guidare

Non guido da quando avevo 18 anni, perché penso di non esserci portata. Ora a 46 anni ho ...

3 risposte
Cambiare la mia vita e renderla solo mia

Salve, sono una ragazza di quasi 25 anni e sono finita qui perché è da molto che neces ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.