Varie

Vorrei aiutare mia sorella

Roberta

Condividi su:

Salve, la mia richiesta di "aiuto" è per mia sorella..
È una ragazza di 26 anni con un figlio di 5 anni che ha bisogno di maggior attenzioni rispetto al solito.
Non so come aiutarla.
Ho saputo che "fuma" troppo e troppe volte anche davanti al bambino. È dimagrita e sta frequentando una persona che peggiora il suo stato d'animo. Una volta mi ha detto che vorrebbe un aiuto da uno psicologo ma poi non ha avuto il coraggio.
Mi rendo conto di non esserle stata vicina e ns madre ha chiesto aiuto a me. Qualcuno può consigliarmi qualcosa? Non vorrei che la situazioni peggiori ulteriormente.
Grazie mille in anticipo
Saluti

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Roberta,


lei dice che sua sorella "vorrebbe un aiuto da uno psicologo", ma che, poi, "non ha avuto il coraggio": ha provato a parlare con lei di questo? Come mai non è riuscita ad andare fino in fondo? Problemi economici? Timori verso uno specialista che non conosce? Paura del giudizio di qualcuno?


Spesso le persone hanno difficoltà a fare il primo passo, a cercare un aiuto per sé, innanzitutto perché si sentono confuse e sopraffatte dai problemi, poi perché non sanno a chi rivolgersi, ancora, perché cercare aiuto costa tempo e fatica, infine per timore di non avere la disponibilità economica sufficiente.


In questi casi può essere d'aiuto un semplice incoraggiamento, un confronto al riguardo e, magari, l'offerta di andare insieme, la prima volta, se sua sorella lo accetta e se lei è disponibile.


Dal momento che sua sorella ha un figlio ancora piccolo, un primo passo potrebbe essere quello di rivolgersi al consultorio di zona, gratuito, dove vengono offerti colloqui individuali o attività di gruppo (Covid permettendo) proprio alle mamme e alle famiglie con bambini, oppure a centri convenzionati che si occupino di sostegno alla genitorialità. 


Se, invece, la questione economica non fosse un problema, potrebbe rivolgersi a svariati specialisti o centri privati per effettuare almeno una consultazione, utile a capire l'origine del problema.


Nella sua lettera accenna al fatto che suo nipote ha bisogno "di maggiori attenzioni rispetto al solito": se si riferisce a problemi specifici di salute o altro, che determinano ansie e paure nella mamma, o particolari difficoltà in famiglia, sarebbe importante confrontarsi col pediatra e iniziare comunque un percorso psicologico, per evitare che il malessere di mamma e bambino raggiunga livelli più intensi e difficili da gestire.


Un caro saluto e ci riscriva, se ha altre domande o desidera dare informazioni aggiuntive.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come posso smettere di essere triste e demoralizzata?

Salve. Era da tanto che avrei voluto scrivere. Sono due anni che vivo male, non mi sento soddisfatta ...

3 risposte
Scelte giuste o sbagliate ?

Ciao, io oramai sono circa tre anni cioè da quando mi sono trasferita che penso di aver fatto ...

3 risposte
Ansia e mancanza di interessi

Buongiorno ho avuto un infanzia negativa perché ho perso mia madre da piccola, poi mio padre ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.