Stanca anche di svegliarmi la mattina.

Chiara

Ciao, sono Chiara e ho 23 anni.
Non so bene cosa dire, so solo che faccio molta fatica nel provare emozioni, qualsiasi tipo e quando le provo sono sempre negative.
Sono sempre stata molto fredda ma ora sono congelata, sto solo facendo soffrire le persone attorno a me, ma il vero problema è che non mi importa. Ho pensato al suicidio per liberarli dalla mia pesantezza ma poi ho cambiato idea pensando "non mi interessa". Non mi interessa di nessuno, ormai neanche del mio ragazzo con cui sono sempre stata bene e la cosa peggiore è che non mi interessa nemmeno di me.
Non ho un lavoro eppure non mi importa, insomma potrei morire di fame e non mi importerebbe. Non piango e non rido, non riesco ad avere un rapporto sessuale, l'unica cosa che riesco a fare e che mi piace è dormire. Il cibo è un incubo, qualsiasi cosa mangio mi disgusta, persino ciò che prima adoravo.
Non so come uscirne, forse un po' mi interessa se sono qui a parlarne ma so che appena inviata questa domanda non mi importerà più nulla.

2 risposte degli esperti per questa domanda

Gentile Chiara,

potrebbe essere paura di soffrire la sua? Da quando e quanto non prova più sentimenti o interessi? E’ cambiato qualcosa nella sua vita?

Forse, un pochino potrebbe avere ragione, il fatto che lei stia provando a chiedere aiuto e consigli a dei professionisti potrebbe essere che dentro di lei vorrebbe tornare a vivere e sorridere e forse anche riscoprire il gusto del buon cibo. Aspetti che forse, ad oggi, ormai satura e “abituata” a sentire emozioni solo negative o mancanza di interesse fatica a ritrovare dentro di sé.

I suoi genitori le stanno vicino? Cosa le dicono? Cosa fanno per lei? Il suo fidanzato, invece? Ha delle amiche?

Potrebbe provare pian piano ad avvicinarsi ad un professionista di sua fiducia per intraprendere un lavoro su di sé, di psicoterapia, cercando di riosservarsi, esaminando anche semplici “spiragli” di positività, imparare, aspetto molto importante, a non giudicarsi e forse anche ad esternare le sue emozioni o i suoi pensieri.

Riprendere in mano la propria vita come protagonista e non come osservatrice passiva può farle tornare la voglia di “combattere” e di ricrearsi un suo futuro.

Il suo sembrerebbe essere più un urlo di “novità”, voglia di essere “scossa”, forse anche ascolta e di tornare la giovane donna solare che forse è stata da bambina.

Resto disponibile per informazioni aggiuntive, se volesse rispondere alle domande poste per poterle dare maggiori rimandi o se volesse richiedere un consulto online.

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino, in provincia ed online

Buongiorno Chiara

nel messaggio che hai scritto traspare tutta la tua difficoltà nel vivere una vita da cui non riesci a cogliere stimoli. Non ti importa di nulla, ma di te stessa si ed questo ciò che conta. Non avresti scritto questa lettera se non volessi uscire da questo luogo buio in cui ti sei rifugiata.

Cosa ne pensi di incontrarci e parlare di tutto ciò che potresti fare per uscirne? Ti offro la mia disponibilità e ti va puoi contattarmi. Io ricevo sia a Lanciano che a Pescara centro. 

Dr.ssa Cristina Giacomelli