Adolescenza

E'meglio un Life coach o uno psicologo nel mio caso?

Francesca

Condividi su:

In breve: sono una ragazza ormai adulta, ho una vita non salutare e piena di ozio, so cosa dovrei fare per migliorare la mia vita, ma non riesco ad avere la spinta e la costanza per farlo. Sono una persona che rimanda sempre al domani quello che potrebbe fare oggi. Mi piacerebbe parlare con uno specialista per poter migliorare la mia vita, capire come fare per superare questo grande ostacolo che non so cosa sia, perché non ho grandi problemi apparenti.. Mi piacerebbe parlare anche della mia vita in generale però che, come un po' per tutti penso sia un po' incasinata, sopratutto con la mia famiglia con la quale non riesco molto a comunicare.
Detto questo, anche se non conosco molto la figura del Life coach credo che potrebbe aiutarmi a raggiungere molti dei miei obiettivi come il benessere e lo studio. D'altro canto però non so se potrebbe anche aiutarmi ad affrontare altri problemi più radicati dei quali non sono a conoscenza.
Per questo volevo un parere su quale figura dovrei orientarmi.

Grazie

10 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile ragazza, crede che rivolgersi a uno Psicologo non possa portarla a raggiungere i suoi obbiettivi come il benessere o l'applicazione nello studio? Partendo magari da problemi "piu' radicati" o meglio, problemi che ci sono e che percepisce come la difficoltà a comunicare con i suoi genitori. Andare da un life coach vuol dire che questi problemi li mette da parte..non ci pensa piu'..oppure si risolveranno in qualche modo...Non è questa ancora una forma di "ozio"? E in che modo? Con la forza di volonta'? Direi che lei ora puo' decidere se rimandare ancora ad affrontare qualche problema che l'assilla oppure decidere di iniziare a comprendere veramente. La scelta di una figura "forte" ( poi dovremmo intenderci cosa intendere per "forte": potrebbe voler dire autoritaria, cioè una figura che ti spinge/indica cosa fare) che la scuota per farle superare lo stato di "ozio" e agìre, potrebbe portare solo a risultati effimeri perché non tiene conto, mette da parte la sua situazione esistenziale oppure, nel peggiore dei casi, confondere ancora di piu'. Il life coach non ha nessun strumento, visto i blandi studi, per comprendere le persone. E poi, lei lo sa che non essendo iscritti a nessun Ordine professionale, non hanno obblighi deontologici? Lei si confiderebbe con uno che non ha l'obbligo del segreto professionale?  Non smarrisca la sua intelligenza e sensibilità con rimedi effimeri che potrebbero rivelarsi evanescenti e farla annoiare ancora di piu'.

Gentile Francesca,


innanzitutto sei sicura di sapere davvero cosa vorresti fare per migliorare la tua vita? Spesso trovare la propria strada e sapere cosa si vuole fare nella propria vita può dare la motivazione sufficiente e anche la costanza per farlo.


Come però scrivi giustamente un life coach potrebbe aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi, ma non aiutarti ad affrontare altri problemi più radicati che, secondo me, sono quelli che ti tolgono la spinta a migliorare la tua vita. Uno psicoterapeuta potrebbe aiutarti a capire qual’è questo grande ostacolo e a superarlo. Confrontarti con uno psicoterapeuta può aiutarti a capirlo e a prendere consapevolezza di ciò di cui, essendo più radicato in profondità, non sei ancora a conoscenza.


 

Buongiorno,


ho letto la sua domanda, credo che un percorso di psicoterapia sia l'ideale per lei perchè sta parlando di problemi più complessi che un cambiamento di stile di vita che avverrà sicuramente. In questo caso secondo il mio parere un coach servirebbe al massimo in un secondo momento per cercare di raggiungere i suoi obiettivi ma prima alcuni problemi andrebbero affrontati. Mi contatti per messaggio tramite whatsapp o una chiamata così ci sentiamo a voce.


Le auguro una buona giornata

Buongiorno Francesca,
la figura del life coach non è una professine sanitaria riconosciuta e non ha un percorso formativo certificato.


Uno psicologo ha conseguito una laurea specialistica e ha un'esperienza in strutture convenzionate certificate, oltre ad avere sostenuto un esame di stato e relativa iscrizione ad un ordine professionale che le garantisce professionalità, etica e privacy. È inoltre una professione sanitaria ed è l'unico professionista legalmente autorizzato a occuparsi di diagnosi e cura dei processi psicologici.


Cordialmente.

Salve. Per quanto riguarda i cosidetti life coach o counselor, non essendo professioni disciplinate e riconosciute nell'ambito accademico e non dovendo queste figure affrontare percorsi formativi ben strutturati, non me la sento di consigliarti, seppure persone capaci e corrette ci saranno anche tra i non titolati e i non laureati. Quel che mi pare più opportuno è orientarti verso un professionista (psicologo e/o psicoterapeuta) che abbia le competenze e le necessarie credenziali per evitare di fare delle semplici, seppur piacevoli, chiacchierate con chicchessia, ma di strutturare, se del caso, un percorso serio per riconquistare la fiducia in sè stessi e la forza per dare una svolta alla propria vita.


a tua disposizione per eventuali approfondimenti.

Gentile utente la risposta se l'è quasi data da sola ( facendosi ottime domande)


per una maggiore tutela della sua salute e per trovare in tempi abbastanza ragionevoli, una guida sicura, consulti il sito ufficiale dell'ordine degli psicologi nazionale e in base alla regione in cui vive può approfondire con professionista a lei più vicino.


NB: nel sito dell'ordine regione Lazio c'è una nutrita spiegazione su varie figure professionali.


Cordiali saluti

Buon pomeriggio, ho letto con grande interesse la sua richiesta. Da quello che ho potuto percepire e dai tipo di problematiche espresse, le suggerirei di prendere in considerazione la possibilità di contattare uno psicologo per intraprendere un percorso al fine di esplorare in maniera approfondita le difficoltà che ha espresso nella sua richiesta.


Resto a sua disposizione, Cordialmente


 

Buona sera 


Dalla descrizione sembra che un buon Life coach meglio se psicologo la potrebbe aiutare facilmente 


Se ha bisogno di maggiori chiarimenti può leggere sul mio sito L articolo relativo alla differenza tra psicologico e coach 


La differenza fondamentale è nel percorso che viene proposto 


nella modalità e nei tempi


Lo psicologo lavora sul disagio il Life coach sulla definizione dell obiettivo e la sua modalità di realizzazione 


 

Salve Francesca secondo me la scelta migliore forse potrebbe essere uno psicologo che sia anche life coach...prova ad orientarti su terapie che non si focalizzano solo sull'analisi del passato ma anche su come poter fare emergere potenzialità e motivazioni per superare le sfide che la vita comporta.


Se poi emergono blocchi radicati nel passato sarà cura dello psicologo trattarli nella maniera più adeguata possibile. Purtroppo i Life Coach spesso non hanno una preparazione completa a livello psicologico e possono dare a chi ha delle situazioni più strutturate solo un sollievo momentaneo. Dunque si ricomincia sempre con gli stessi schemi se non si interviene in maniera più completa ed integrata.


Ad esempio io lavorerei con l'emdr nel caso emergessero traumi o situazioni spiacevoli non risolte del passatopanche recente e con l'ipnosi (spesso utilizzata anche dai life coach) per agire sulla spinta motivazionale. Ti invito a visitare il mio sito web per maggiori delucidazioni e a contattarmi per mail angelabianco.psicologa@gmail.com 


Nel caso potrei orientarti sia verso di me (seguo casi di questo tipo) sia verso altre scelte.


Saluti.


 


 

Gentile Francesca, 


La differenza tra un life coach e un supporto psicologico riguarda il livello di problematicità e disagio che la persona sperimenta. Se desidero lavorare sul cambiamento/ miglioramento, sviluppare le mie potenzialità in vista di un progetto futuro, o futuro desiderato, che si basi sulle condizioni presenti, o presente percepito, può essere indicato approcciarsi al coaching. Se desidero comprendere ed elaborare le origini del mio disagio in vista di un rafforzamento delle mie risorse, che al momento fatico a individuare perché prevale il malessere, può essere indicato un percorso psicoterapeutico. Spero di aver chiarito la differenza tra i due metodi.


Cordiali saluti


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come capire il proprio orientamento sessuale?

Sono una ragazza di 22 anni, ho avuto solo una relazione seria di 2 anni (a distanza) e ormai sono ...

1 risposta
Ho una figlia di 14 anni da 2 mesi non la riconosco più.

Buongiorno ho una figlia di 14 anni frequenta la 1 superiore, sono circa 2 mesi che è complet ...

2 risposte
Figlia ingestibile

Buongiorno, ho una figlia di 15 anni che da maggio 2017 e' completamente cambiata. E' sempre stata ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.