Famiglia e bambini

Le maestre insistono

Alba

Condividi su:

Mia figlia di 4 anni non ha mai avuto un ottimo rapporto con il cibo... all'asilo le maestre insistono affinché mangi e questo le sta provocando secondo me un trauma, in quanto incomincia a piangere dalle 11 e non smette per tutto il pranzo, anche se poi alla fine mangia quasi tutto, ma con le lacrime... le insegnanti mi chiedono di insistere anche a casa ma io non sono convinta... quale è la cosa più giusta? Vorrei aggiungere che la prima maestra che l’ha conosciuta (a 1 anno) ha detto subito che mia figlia ha un carattere molto pronunciato... che faccio? Insisto anche a casa o dico alle maestre di lasciarla libera di decidere se mangiare o meno? La cosa che m fa più pensare è proprio il fatto che lei pianga a prescindere dal menù...

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

E' molto importante verificare il peso corporeo, soprattutto che non stia scendendo al di sotto di una certa soglia. Si consulti col pediatra a questo proposito. Per quanto riguarda l'atteggiamento da avere con la bambina certamente non aiuta l'insistenza. Occorre trovare altre strategie. In questa fase evolutiva molti bambini a volte tendono a non voler mangiare. E' positivo che alla fine mangi comunque tutto. E' preferibile evitare che la preoccupazione da parte degli adulti relativa allo "scarso appetito" possa essere interpretata come un attivatore ansiogeno dalla bambina che lo interpreta come un segnale di allarme che la induce ad evitare il cibo. Tutti quando siamo agitati tendiamo a mangiare meno e ad avere un calo di appetito.

Carissima Alba, 


prova a sperimentare durante la fase di nutrimento della bambina, il gioco o prova ad associare al cibo qualcosa che gradisce, così imparerà a fare amicizia con il mangiare, che non è pericoloso ma anzi è qualcosa di gradevole e di naturale. Altresì un giorno prova a sperimentare di cucinare tanti tipi di pietanze diverse, cominciando a fare una graduatoria di ciò che gradisce e cosa non. Vedrai che da lì capirai Se la piccola ha un problema o se soltanto vuole decidere lei cosa mangiare o meno.


( autonomia di scelta senza imposizioni).


Cordiali saluti 

Gentile Alba, il rapporto con il cibo è molto delicato e, in generale, si consiglia di non instaurare col bambino una lotta in questo ambito, in quanto è quasi sempre controproducente. L'essenziale è che il bambino cresca bene, valutazione, questa, che spetta solo al pediatra. Lui/lei che cosa dice? Ne avete parlato? Le consiglio di farlo, anche per una sua rassicurazione e per acquisire strategie utili da utilizzare sia con la bambina, sia con la scuola.


Mi sorprende il comportamento di queste insegnanti: se lei ritiene che il loro atteggiamento stia danneggiando sua figlia, facendole vivere con sofferenza la scuola materna, dovrebbe essere ferma chiedendo loro di evitare commenti e imposizioni e lasciandola libera di mangiare ciò che vuole. Probabilmente non sarà facile , ma ci provi. Molti auguri 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Bimba introversa

Buongiorno, la mia bambina ha un carattere introverso, qualcuno potrebbe dire omertosa. Ha sette ...

4 risposte
Belissima relazione con separato che non vuole altri figli e pianifica vasectomia, che fare?

Mi trovo da pochi mesi in una bellissima relazione con un uomo di circa 15 anni più grande, ...

6 risposte
Apatia e demotivazione personale

Buonasera, mi presento. Mi chiamo Giorgia, ho 28 anni e vivo in Sicilia. Sono iscritta alla Facolt&a ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.