Ansia

Ansia e derealizzazione

Riccardo

Condividi su:

Buonasera, sono un ragazzo di 22 anni che da circa 6 mesi soffre di ansia.
Premetto che vivo e ho vissuto una vita turbolenta. L’avvenimento che mi ha di più scosso è la morte del compagno di mia madre il quale ha vissuto per 16 anni a casa con me poichè i miei genitori divorziarono quando avevo 2 anni. Ero molto affezionato alla sua figura e mi vantavo di avere due padri, uno il fine settimana e l’altro per la settimana. Ma purtroppo a causa di un tumore è andato via. Nell’ultimo anno e mezzo dopo aver litigato aspramente con mia madre e mia sorella ( con quest’ultima ho ripreso il dialogo 2 mesi fa) vivo per la maggior parte del mese a casa della mia fidanzata, qualche volta a settimana ritorno a casa mia per riallacciare e ricucire il rapporto con la mia famiglia.
Ho litigato con loro perché una notte mio nonno cadde dal letto e nessuno eccetto mio padre il giorno successivo mi disse ciò. Si giustificarono dicendo che io a casa non c’ero mai (studio all’estero e “grazie alla quarantena” recuperavo il tempo perso con la mia fidanzata) e di conseguenza non “meritavo” questa notizia. Purtroppo sono una persona molto rigida e quando qualcosa non mi piace tronco il rapporto, ma riflettendo era la mia famiglia e non potevo e non dovevo fare ció.
Nonostante innumerevoli altri problemi ho sempre vissuto in autonomia, ho cercato di superare tutto da solo , ma credo che il “tutto” mi sia crollato addosso di botto. A marzo in piena notte ho avuto il mio primo attacco di panico che ha generato in me la paura di avere una disfunzione al cuore. Fatti gli opportuni esami non avevo niente. Successivamente avevo ansia prima di andare a dormire e notavo come il pensiero di qualcosa di nuovo da fare mi generava paura ed ansia . Ad esempio in passato prendevo l’aereo con serenità, ma a marzo non è stato così. Prima del decollo sentivo tachicardia e un senso di costrizione alla gola. Ho cercato di risolvere da solo, cercando di respirare e rilassarmi quando sentivo che qualcosa non andava, ho passato settimane tranquille ed altre meno. Ma quest’ultima mi ha fatto capire di aver bisogno di un aiuto e che non si può fare sempre tutto da soli.
Al rientro dall’estero per motivi di studio, ho ritrovato quell’ansia generalizzata questa volta accompagnata da una sensazione di derealizzazione. Quest’ultima ha turbato molto i miei pensieri; nei giorni a seguire non riuscivo e non riesco a concentrarmi bene e soprattutto quando sono solo sento come una sensazione di distacco tra il mio corpo,la mia testa e l’ambiente circostante. Tutto ciò innesca in me paura di non riuscire ad avere controllo e soprattutto la paura di impazzire.
Il mio desiderio è quello di riuscire a vivere serenamente e spero che tutto ciò sia una conseguenza di ciò che ho trattenuto per anni. Inoltre gradirei sapere gentilmente quale branca della psicologia puó essermi d’aiuto ( cognitivo-comportamentale ecc..).
Grazie in anticipo per la lettura.
Distinti saluti.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Riccardo,  


Spesso la sofferenza, non trovando parola per esprimersi, si manifesta con modalità di difesa e protezione attraverso il corpo (ansia, tachicardia, costrizione alla gola): sarebbe utile indagare il significato di tale sintomatologia ansiosa e la funzione che essa assolve alla luce della sua storia di vita, attuale e passata. 


La terapia EMDR si rivela efficace per il trattamento di vari disturbi tra cui l’elaborazione del lutto (che nel suo caso apparirebbe non ancora pienamente conclusa) in seguito alla perdita di una figura significativa (come il compagno di sua madre al quale era molto affezionato).


Cordiali saluti.


Dottoressa Daria Carli Giori


Psicologa Psicoterapeuta a Sesto Calende (VA) e online.

Buongiorno Riccardo. La sua condizione merita sicuramente di essere trattata con un esperto, in grado di aiutarla a costruire un nuovo panorama di significati nel quale possa riuscire a muoversi in modo più funzionale. Ritengo infatti che ogni sintomo abbia un significato e una funzione e il percorso terapeutico potrebbe essere volto all’indagine di questi aspetti. L’ansia improvvisa di volare, gli attacchi di panico e la sensazione di derealizzazione potrebbe avere tutti la funzione di “tenerla fermo”, per qualche motivo che al momento è a lei stesso precluso, in quanto inconscio. Anche i rapporti con la sua famiglia possono avere un ruolo rilevante nello sviluppo di questa sintomatologia.
Se lo ritiene opportuno, mi rendo disponibile per impostare con lei un lavoro di questo tipo, anche online.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.

Salve Riccardo, prima di tutto mi dispiace per la situazione che sta vivendo, comprendo quanto possa essere difficile.


Credo che per lei sia opportuno elaborare il lutto che purtroppo ha avuto recentemente; inoltre sarebbe importante lavorare su quest' ansia che le crea un forte disagio.


Non sono d'accordo con la collega, non esiste un approccio psicologico migliore di un altro per trattare queste dinamiche, l'importante è che lei si senta a suo agio durante la terapia.


Rimango a sua disposizione, anche online.


Buona giornata.

Gentile Riccardo,


dal suo racconto è importante come anche lei afferma riuscire a chiedere aiuto ad un esperto non solo per trovare ulteriore strategie oltre a quelle già attuate in passato ma anche per essere ascoltato e supportato in questo periodo di vita maggiormente "faticoso". Gli incontri sono coperti da segreto professionale e senza giudizio.


L'orientamento a livello scientifico che si elegge per queste problematiche è cognitivo comportamentale o costruttivista perchè non solo si osserva cosa accade prima, durante e dopo l'attacco di ansia ma anche tutto ciò che è interno – che sta dentro alla nostra mente (per esempio i processi mentali – i pensieri – ecc.) e si pone l'attenzione anche ai comportamenti osservati ed a come la persona costruisce la realtà esterna. Si dà importanza quindi sia al mondo soggettivo della persona (le emozioni provate) che a quello oggettivo (mondo circostante). Il focus si predilige sul presente, nel qui ed ora, con alcuni momenti specifici di osservazione e descrizione del passato.


Le linko degli articoli:


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/imparare-a-comprendere-i-propri-pensieri/


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/quando-richiedere-una-consulenza-psicologica/


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/terapia-individuale-minori-adulti-cognitivo-costruttivista/


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza online o se volesse rispondere in privato alle domande poste.


Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a lasciare i miei figli

Salve a tutti, domani comincerà la scuola dell'infanzia per i miei bimbi di 5 e quasi 4 anni...

3 risposte
Ansia che ritorna per l'università

Salve a tutti. Dal titolo avrete già capito che l'università e in particolare lo studi ...

3 risposte
Trasferimento per lavoro

Salve, sono un ingegnere meccanico laureato lo scorso anno. Fino al mese scorso ho lavorato per una ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.