Ansia

Quando esco con delle ragazze, mi viene da vomitare

Alberto

Condividi su:

Salve, sono un ragazzo di 22 anni e vivo delle situazioni di difficoltà nei momenti in cui mi trovo a mangiare fuori casa con una ragazza o dei nuovi amici. Quasi sempre mi capita, quando sono a cena fuori, o quando sono a bere qualcosa al bar con una ragazza, che all'improvviso inizio ad avere tachicardia e mi viene senso di vomito (il più delle volte sono costretto ad andare in bagno a vomitare). Nel momento in cui vomito e mi ritrovo quindi a stomaco vuoto, mi tranquillizzo e la serata o l'incontro prosegue normalmente Per evitare questi spiacevoli inconveniente sono spesso costretto ad uscire la sera senza cenare, in questo modo, sapendo che non potrò vomitare, la serata trascorre tranquillamente. Questo problema si verifica esclusivamente nei momenti in cui mi trovo a relazionarmi con delle ragazze che mi piacciono o a cui so che io piaccio a loro mentre prima di esami universitari importanti, conferenze o spettacoli a cui partecipo in prima persona non mi succede niente e resto tranquillo.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Caro Alberto, una volta eliminato qualsiasi riscontro fisico di patologia organica in atto o latente, la tachicardia e il vomito, si possono ascrivere a dei segnali che “intelligentemente” il suo corpo le sta inviando, per aiutarla ad acquisire consapevolezza rispetto a tutte quelle “situazioni” per lei “difficili” da gestire, che probabilmente la fanno sentire troppo esposto e in balia di un mondo interno, forse, poco conosciuto, ma incredibilmente potente. E’ come se, fosse indispensabile, per far fronte a eventi emotivamente nuovi, imparare a riconoscere, comprendere, a fare propri, ma anche a fare i conti con impulsi, desideri, paure, conflitti a volte inaccettabili o inammissibili. Sono quindi segnali preziosi, da non sottovalutare, ma da utilizzare come indicazioni per scoprire e ricostruire dentro di sé autonomia, forza e fiducia, oltre che imparare a convivere con la propria vulnerabilità. Le auguro “buon lavoro”! Un cordiale saluto.
Credo che in questo sia molto importante il rapporto con tua madre.....che non deve essere necessariamente conflittuale, ma che incide sulla tua sfera affettiva, comunque, e nella relazione con il femminile. Credo che ti occorra una psicoterapia. Con affetto
Caro Alberto, quello di cui soffri e' un disturbo da attacchi di panico. Ma questa è una definizione assai generica. Occorrerebbe andare maggiormente in profondità e per fare questo ti suggerirei di rivolgerti ad uno psicoanalista. Per trovarne uno nella tua zona puoi contattare direttamente la Societa' Psicoanalitica Italiana www.spiweb.it oppure contattarmi a.gabrielli@spgstudio.it. Non sottovalutare il problema, capisco quanto soffri ed e' bene che tu possa affrontare e risolvere questo tuo disagio.
Gentile Alberto, la sua descrizione dei sintomi che compaiono nei momenti in cui si relaziona con le ragazze o con gli amici, fanno pensare a un disagio della sfera emotiva. Il cuore e lo stomaco sono infatti gli organi più colpiti dallo stato d'ansia che coglie le persone quando devono affrontare situazioni non controllabili razionalmente e che appartengono alla sfera più profonda delle emozioni. A volte queste forme d'ansia hanno origine dalla modalità con cui sono state vissute le relazioni primarie, cioè quelle che s'instaurano con le figure parentali, padre e madre, nei primi anni di vita. Il mio consiglio è di parlare di questo suo disagio con una persona adatta, uno psicologo-psicoterapeuta, prima che la situazione si cronicizzi e possa impedirle di vivere serenamente i suoi rapporti affettivi. Auguri

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a vivere e sono bloccato alla preadolesceza

Salve a tutti, sono S., uno studente universitario di 30 anni; o meglio, in teoria sono uno studente ...

0 risposte
Slatentizzazione: uso marijuana in età adolescenziale

Salve a tutti. Comincio col dire che gli psicologi della mia città li ho girati tutti, perch& ...

2 risposte
Come faccio a diventare una persona migliore?

Ho 25 anni e sono un fallimento totale, una costante delusione per i miei genitori per mia mamma ...

10 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.