Attacchi di panico

Attacchi di panico e ipocondria

Jessica

Condividi su:

Buonasera mi chiamo Jessica, soffro di attacchi di panico dall'età di 12 anni , scaturiti la prima volta in seguito alla morte di un mio caro zio...essendo piccola non ci ho dato peso e sono spariti...ultimamente si sono ripresentati come un fulmine a ciel sereno e di solito mi vengono quando sento parlare di infarto...premetto ke ho fatto nuoto per tanti anni a livello agonistico, ho fatto molti controlli al cuore per questo sport e non ho mai riscontrato problemi....le analisi sono tutte nella norma però ho sempre paura....avevo delle amiche ma mi hanno allontanato per colpa delle mie paure invece di aiutarmi e questa cosa mi ha ferito di piu rischiando uno stato di depressione...per fortuna poi 5 anni fa ho conosciuto il mio attuale ragazzo che mi ha aiutato a superare tutto però gli attacchi ancora mi perseguitano...

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Jessica, da quello che leggo questi attacchi di panico e sopratutto la paura che le venga un attacco di panico caratterizza la sua quotidianità e i suoi rapporti con gli altri.  Di solito i motivi e i fattori che possono scatenare un attacco di panico non sono cosi chiari a chi li subisce...è qui che la psicoterapia può entrare in gioco come fattore protettivo e come cura al trattamento di questo tipo di disagio 

Buongiorno Jessica, 


In considerazione del fatto che gli attacchi di panico tendono a ripresentarsi può essere utile intraprendere un percorso psicologico per imparare da una parte a gestire i sintomi psicofisici correlati, dall'altra comprenderne le cause. Nonostante questi episodi sembrino privi di senso e cause immediate, in realtà hanno molto da raccontare di noi e della nostra storia. Imparando a conoscerli e conoscerci è possibile un miglioramento. 


Cordiali saluti.

Ciao Jessica, ci sono situazioni nello sviluppo che agganciano vecchi traumi, i motivi sono diversi: somiglianze di luoghi, di persone, anche positivi pensieri di emancipazione possono essere “pericolosi” per certi contenuti inconsci. Ma se gli attacchi di panico ti perseguitano come dici, se non l’hai già fatto c’è la possibilità di un intervento medico con antidepressivi e benzodiazepine (farmacoterapia elettiva per l’attacco di panico). In casi di attacchi frequenti e bloccanti ho trovato utile per il paziente questa collaborazione col medico. Devo però dire che ho visto tante persone che attraverso il farmaco erano discretamente adattate, riuscivano a lavorare e a fare le loro cose, ma dovevano sforzarsi come se sentissero sempre l’attacco di panico sotto traccia. La qualità delle giornate è data anche da una buona vita emozionale, e gli attacchi di panico o la paura che vengano inibiscono l’espressione e i vissuti emozionali. La psicoterapia lavora espressamente sullo sviluppo di una migliore vita affettivo-emozionale ed è certamente questa che ti consiglio, con o senza farmaci.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Attacchi di panico"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

È un mese che soffro di attacchi di panico

Giusto un mese fa ho avuto il primo attacco di panico, sono andata subito da una psicologa, credevo ...

6 risposte
Come si affronta un'ossessiva necessità di primeggiare?

Buongiorno, sono una ragazza di 24 anni che a Luglio ha terminato il proprio ciclo di studi (Ho una ...

1 risposta
Angoscia... come uscirne?

Salve, ho 48 anni, ho fatto a 24 anni per molto tempo analisi ma finita male per un agito anomalo ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.