Attacchi di panico

Che cosa mi succede.

Clotilde

Condividi su:

Ogni volta che mi trovo in una determinata situazione,vale a dire, all'interno di una struttura, grande o piccola che sia non fa differenza, senza la possibilità di aprire una finestra, inizio a stare male, il mio desiderio è solo fuggire da quel luogo..Mi è successo, all'imbarco di una nave da crociera, dalla quale sono fuggita, ovviamente, e in un grande albergo, le cui stanze erano provviste di grandi vetrate nn apribili, e dal quale pure sono scappata.

Al momento, fortunatamente nn ne soffro nè in aereo nè in treno, ma la mia preoccupazione è che questa patologia si aggravi e si estenda. Ditemi per favore, di cosa potrebbe trattarsi e cosa devo fare.

Grazie mille

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Clotilde,


potrebbe trattarsi di una fobia per gli spazi chiusi (claustrofobia) ed è possibile che il disturbo possa verificarsi anche in aereo o in treno.


Pertanto è necessario che lei intraprenda quanto prima un adeguato percorso di psicoterapia preferibilmente ad orientamento cognitivo-comportamentale.


Cordiali saluti.


 

Buongiorno signora Clotilde,


Da ciò che descrive potrebbe trattarsi di un disturbo d'ansia con agorafobia, cioè la paura di essere intrappolato in un luogo o in una situazione dai quali la fuga può essere difficile oppure imbarazzante. Bisognerebbe capire se ci sono stati dei fattori scatenanti, dei cambiamenti importanti nella sua vita. Questi comportamenti che descrive sono anche accompagnati da sintomi fisiologici quali tachicardia, fatica a respirare, sudorazione, vertigini? Chieda aiuto ad un terapeuta; con una psicoterapia troverà sicuramente giovamento. Cordiali saluti.

Buongiorno,


il suo è un sintomo claustrofobico. Sintomatologia analoga insorge spesso nei soggetti ansiosi in situazioni dalle quali sarebbe difficoltoso allontanarsi, come ad es. sui mezzi pubblici, nel traffico ecc.. Alla base del disturbo c'è pertanto l'ansia che va indagata e curata.


L'ansia infatti di solito ha motivazioni inconsce; chiarirle aiuta ovviamente a contrastarle, anche se ci sono approcci, come la Terapia Strategica Breve che riescono a curare i disturbi d'ansia senza troppo occuparsi della loro origine.
Personalmente preferisco agire a più largo raggio, integrando questo approccio con altri più attenti anche ai fattori scatenanti e predisponenti dell'ansia, in modo da ottenere risultati più stabili. Può trovare articoli sull'argomento, in particolare sugli attacchi di panico, disturbo in cui i sintomi claustrofobici sono frequenti, sul mio sito professionale.


Il consiglio pertanto è quello di consultare uno psicologo psicoterapeuta. La terapia Breve Strategica e quella Integrata risolvono i disturbi d'ansia solitamente in pochi colloqui.


Cordiali saluti

Cara Clotilde, ciò che le succede probabilmente è legata alla presenza di un disturbo d'ansia, in particolare all'agorafobia; ovvero la paura di non avere vie d'uscita da spazi chiusi e il timore di non poter chiedere aiuto all'interno di queste situazioni. Solitamente, la sensazione che accompagna questo disturbo d'ansia è il timore di diventare pazzi perchè non lo si riesce a gestire da solo. 


Ciò che le suggerisco è di chiedere un consulto ad uno psicologo- psicoterapeuta al fine di poter comprendere meglio cosa ha determinato questa attivazione ed individuare a pieno le strategie di intervento per migliorare appunto la sua qualità di vita e poter non vivere nella preoccupazione continua che la "patologia si aggravi o si estenda".


A presto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Attacchi di panico"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mio nipote ha attacchi di panico e pensa al suicidio.

Buonasera, vorrei esporre un problema che riguarda mio nipote di 17 anni. Ha smesso di andare a ...

5 risposte
Come superare la paura di parlare con gli altri?

Buongiorno, da diversi anni soffro di un disturbo che vorrei risolvere o quanto meno capire che ...

2 risposte
Continua tristezza, come fare?

Sono una ragazza di 19 anni, da più di un anno sono fidanzata con un ragazzo conosciuto a ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.