Attacchi di panico

Psicopatofobia

Enrico

Condividi su:

Salve a tutti. Ho deciso di raccontarvi la mia storia dall'inizio, seppur lunga. Circa 2 anni fa mentre mi trovavo con dei miei parenti, accusai degli strani dolori addominali, accompagnati da sudorazione, vampate di calore, tremori alle gambe, palpitazioni ma soprattutto ansia e terrore. Terrore di poter agire in modo folle, di poter commettere qualche azione irreversibile. Ci dormii sopra e tutto passò, e per due anni non ebbi più quelle sensazioni (tranne qualche eccezione penso). Queste sensazioni ritornarono circa 1 mese fa, senza un'apparente spiegazione (io ho accusato lo stress dovuto a tre mesi di lavoro estivo come causa di quello che sto vivendo). Riconobbi subito i sintomi, ma cercai di non pensarci molto e di dormire, credendo che dormire mi avrebbe aiutato come 2 anni fa. Invece è ormai un mese che questi sintomi mi affligono, ho cercato su internet e ho trovato che sono tutti sintomi di attacchi di panico, così mi sono informato. Ho scoperto che questi si alimentano di una mia grande paura, la psicopatofobia, ovvero appunto la paura di poter “impazzire“ e/o quindi di commettere gesti appunto folli. Del resto mi ha rassicurato molto il fatto che è solo una paura, che però non mi permette di vivere la vita in modo spensierato, come un 15enne dovrebbe fare. Queste paranoie mi stanno stressando, così ho deciso di prendere la situazione in mano per ribaltarla, parlandone innanzitutto con i miei genitori,e quindi qui su questo sito scoperto pochi giorni fa. Ho scoperto che con la positività e la forza di volontà posso contrastare questi ostacoli, che del resto non riesco a battere se non vengo aiutato e giudato da qualcuno. Voglio sapere come devo comportarmi, chi contattare e quindi come agire in generale. Aspetto vostre risposte! Grazie in anticipo

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Enrico, mi hanno colpito le sue parole: lei ha solo 15 anni, ma ne dimostra molti di piu'. Tre mesi di duro lavoro estivo fanno pensare a un ventenne o giu' di lì, piuttosto che a un 15enne di oggi che immaginiamo come assiduo frequentatore di pub e discoteche. Lei descrive molto bene un'angoscia che però non è nella mente soltanto sua e degli adolescenti, ma di tutto il genere umano, cioè la paura di poter compiere improvvisamente gesti inconsulti, la paura di impazzire. Il terrore di perdere il controllo della propria mente, di non riuscire piu' a governarla. In realtà sono due le paure fondamentali con cui ciascuno di noi deve fare i conti nella propria esistenza. La seconda paura, ma non seconda per importanza, è la paura della morte. Quindi, la paura di smarrire la mente, nel primo caso, la paura della disintegrazione del corpo dall'altra. Entrambe rimandano a un vuoto con cui gli essere umani debbono fare i conti. Ne hanno parlato a lungo i filosofi. C'è chi non ci pensa, chi cerca di distrarsi, chi si affanna col lavoro, chi si distrugge con droghe e alcool. A volte questo vuoto esistenziale si manifesta con i sintomi. L'attacco di panico ha alla sua radice proprio questo senso di vuoto.Solo gli adolescenti, come gli antichi filosofi, rimuginano su questi concetti. Ne parlano tra di loro, a volte, o scrivono poesie chiusi nella loro stanzetta. Ora è importante che lei ne parli con qualcuno, che trovi qualcuno che l'ascolti e l'aiuti a elaborare questa paura ancestrale. Al momento, l'unica risposta è quella del suo corpo, una risposta primaria, viscerale. C'è bisogno di un ripensamento piu' complesso. Ha fatto bene a parlarne con i suoi genitori, i quali potranno aiutarla a trovare un centro giovanile, un consultorio, dove qualcuno potrà cercare insieme a lei le risposte di cui ha bisogno. In bocca al lupo. 

Salve, il consiglio che le posso dare è quello di iniziare una terapia cognitivo comportamentale, un simile approccio le permetterà in breve tempo (qualora venga accertato che si tratti esclusivamente di attacchi di panico) di imparare a "gestire/superare" la sua sintomatologia e di lavorare successivamente sui nuclei che l'hanno causata. A Licata vi è l'Associazione Oltre Gli Schemi che si occupa di tali problematiche.

In bocca al lupo!

Una buona serata.

Salve Enrico

deve rivolgersi ad uno psicoterapeuta. Decida insieme ai suoi genitori se rivolgersi ad un servizio pubblico e quindi UOSM o DSM di Agrigento e se ad un professionista privato. Il servizio pubblico dovrebbe dare garanzia di un lavoro svolto in èquipe mentre il provato da la possibilità di scegliere la persona a cui rivolgersi per il suo Curriculum o per la sua esperienza in materia. Si faccia però seguire da subito. Per gli attacchi di panico sono anche utili percorsi di training psicocorporei che permettono un rilassamento, ma sono interventi accessori. Buon percorso

Gentile ragazzo,

hai fatto bene a parlarne con i tuoi genitori, il processo di guarigione inizia proprio con la prima richiesta di aiuto.

Lo step successivo è, come hai già intuito, contattare uno specialista della tua città: per avere un nominativo, puoi chiedere al tuo medico di base o anche utilizzare questo portale.

In bocca al lupo!

Ciao rispondendo alla tua domanda chiedi il permesso ai tuoi genitori dato che sei minorenne di poter iniziare un percorso di sostegno privato, poichè hai scritto bene, hai bisogno di essere guidato ed aiutato, da solo puoi risolvere una parte del problema. Il percorso privato che puoi iniziare rivolgendoti ad un collega psicoterapeuta nella tua città, ti aiuterà a parlarne e a comprendere questa tua paura per poterla affronatre. Parlane con i tuoi genitori e poi decidi se vuoi iniziare questo percorso. Spero di esserti stata di aiuto.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Attacchi di panico"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Attacchi di ansia

Buonasera, da un pò di tempo mi capita di non riuscire a respirare, mi manca l'aria, seguito ...

6 risposte
Disturbi d'ansia e panico

Buonasera mi chiamo Cristina e ho 26 anni, é da qualche mese ormai che ho ricominciato a ...

3 risposte
Sbagliare le parole

Gentili dottori, vi scrivo in quanto da circa due settimane ho la paura di avere un tumore al cervel ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.