Attacchi di panico

Soffro di attacchi di ansia

Ilaria

Condividi su:

Buongiorno a tutti, sono Ilaria e ho 24 anni. Soffro di attacchi di panico, che mi vengono soprattutto ai cambi di stagione, ma che mi rendono triste per la maggior parte del tempo. Sono attacchi che in qualche modo prevedo, perché sono anticipati da una serie di sintomi che ormai riconosco alla perfezione (come difficoltà digestive, formicolii e sensazione di vista offuscata e testa vuota). Sono sempre stata una ragazza allegra e solare, piena di “luce”. Sto facendo tanta introspezione, sto provando ad analizzare quello che il mio corpo cerca di dirmi. Sono attacchi che al momento vengono per di più la sera quando sono sola, rendendomi il sonno difficile e qualche volta mi lasciano un senso di angoscia che si protrae fino alla mattina successiva. Io mi sono trasferita per l’università e negli anni non ho avuto un percorso facile, perché ho cambiato corso di laurea e anche casa in affitto (ho avuto una brutta esperienza con un ragazzo egoista). Gli attacchi sono iniziati quando sentivo di non voler più frequentare quel corso di studi e pensavo che cambiando tutto si sarebbe attenuato. Non riesco a capire il motivo di questi attacchi, nonostante ci provi. Sono una persona che si analizza molto e ho sempre pensato di “sapere chi sono”. Purtroppo con gli anni credo di essermi persa: ho mollato la mia più grande passione, la danza e non so dove voglio andare. Vorrei fare tante cose ma poi non tento di realizzarne nessuna. Ora mi sto dedicando alla fotografia e tutti si complimentano con me. Anche se da un lato sembra che nessuno voglia farmi “emergere”. Con la danza, nonostante mi riconoscessero del talento, per tanti anni la mia insegnante ha sempre cercato di tenermi sotto di lei, nella sua piccola scuola; ho scritto come lavoretto per un giornale regionale ricevendo anche lì molti complimenti. Nonostante questo però anche al liceo mi avevano ormai inquadrata come mediocre e così sono sempre stata. Ho sbagliato corso di laurea e ho avuto la forza e il coraggio di ricominciare e di questo sono molto fiera. Ho passato moltissimi esami con voti alti e io ero convinta di non esserne in grado. Vorrei ricoltivare la mia autostima. Prima mi piacevo molto come persona, mi sentivo in grado di qualunque cosa, e ora mi considero per lo più persa. I miei si sono separati quando avevo 14 anni e da quel momento ho sempre avuto un rapporto burrascoso con mio padre, dettato da tanti tira e molla da parte sua (un giorno mi voleva vedere e l’altro mi riempiva di insulti). Al momento sono fidanzata con un ragazzo meraviglioso che conosco dalle elementari. Fa di tutto per me. Però lui è una persona che sa cosa vuole dalla vita, sa dove vuole arrivare, dove vuole vivere ecc.. io invece non più. Spesso capitano attacchi di panico quando sono con lui e penso che probabilmente siano dettati da una sorta di “gelosia buona” nei suoi confronti, perché vorrei essere in grado di affrontare le difficoltà come fa lui (e lui ne ha affrontate veramente molte e ha avuto un periodo di depressione). Ora io ho ancora un anno di università e poi mi aspettano una serie di decisioni importanti per me stessa. Da un lato non vedo l’ora, perché sembra che vivere da sola e fare l’università non migliori la situazione (nonostante il corso di Laurea mi piaccia). Non voglio più sentirmi sola e insicura, voglio poter stare sola senza pensare di morire. Voglio poter badare a me stessa e bastarmi. Voglio sapere ciò che sono. Secondo voi sforzarmi a ricominciare danza potrebbe aiutare (perché mi manca quella sensazione di stanchezza mista a soddisfazione)? Cosa dovrei fare? Questa introspezione aiuta? A me piace molto scrivere, ma ho paura che analizzare troppo me stessa possa peggiorare la situazione.

Grazie.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Ilaria,


Dalle sue parole emerge la dipendenza dal giudizio esterno, di cui vive entrambe le facce: il sentirsi confermata quando viene lodata e il subire la squalifica quando, secondo dei criteri esterni che nulla c’entrano con il suo mondo interiore, vengono sottolineate le sue presunte mancanze.  La sua autostima subisce così delle alterne vicende, andando sù o giù a seconda di quanto le viene o meno riconosciuto e detto esternamente. Finora ha consegnato all’altro il compito di dirle cosa vale di lei, cosa è importante e merita di essere portato avanti.


Il bisogno di essere riconosciuta non l’aiuta a trovare il suo talento e a svilupparlo, perché la porta ad inseguire ciò che viene avvalorato e sorretto dall’esterno invece di cercare dentro se stessa cosa vale per lei, cosa per lei è importante, facendosi carico di far vivere ciò che trova la forza del suo intimo convincimento. E’ questo intimo convincimento che la può portare a sviluppare il suo talento, a crederci fino in fondo, nonostante fuori possa, per diverse ragioni, non essere sempre considerato. Questo significa portare avanti qualcosa perché si è compreso il valore che ha dentro di sé e lo si sostiene sulla base di questa intesa profonda con se stessi, sull’incontro appassionato con ciò che di più intimo si possiede e non sul consenso dato dall’altro.


La sua interiorità la sta mettendo alle strette sul fatto di continuare a cercare di essere riconosciuta agli occhi dell’altro o invece cominciare a prendere contatto con i suoi desideri autentici traendo da dentro la forza di farli emergere e sviluppare. Gli attacchi di panico sono un’esperienza sconvolgente ma hanno un significato propositivo e costruttivo di cui è fondamentale essere consapevoli perché la vogliono condurre a ritrovare l’intesa con se stessa, quella guida interna essenziale su cui basare le proprie scelte e da cui trarre la fiducia per portarle avanti. Sono dei segnali interiori importanti che intervengono quando la persona invece di cercare l’intesa con se stessa predilige l’aderire a qualcosa d’esterno per ottenere il riconoscimento e dunque finisce per smarrirsi. La spinta al riconoscimento porta fuori strada perché si rischia di inseguire qualcosa a cui viene attribuito valore dall’esterno, dandolo per scontato, senza mai essersi chiesti che significato ha per se stessi, o altresì si può rischiare di perdere di vista qualcosa che non è stato riconosciuto dall’esterno perché non ci si è sorretti sul terreno intimo, interiore.


Il senso di se stessa e del suo valore è ancora troppo vincolato alla "riuscita", al "risultato", a dei fattori esterni anziché interiori, con il conseguente continuo paragone e confronto con chi la circonda, a partire dal suo fidanzato.


Anche la difficoltà a stare da sola le vuole segnalare  che manca ancora il legame e l’intesa profonda con se stessa, perché non l'ha ancora cercata, e indica che è in quella direzione che ha bisogno di lavorare per ritrovarsi, come mi auguro…

Cara Ilaria,


Lei è molto giovane.


Sempre più spesso mi capita di sentire, proprio da persone di età simile alla sua, che si sentono cambiate, che non si riconoscono più, che stanno assistendo all'emersione di un'immagine di se stesse diversa dall'immagine conosciuta fino a quel momento...


Questo viene consapevolizzato in genere tra le motivazioni che spingono alla ricerca di aiuto.


Questo tipo di crisi viene proprio per prendere coscienza della propria vera natura.


In linea con ciò, a mio avviso, per lei sarebbe importante intraprendere una psicoterapia, in quanto l'aiuterebbe a conoscersi meglio e a consapevolizzare quanto la sta succedendo.


Ho buoni contatti di formazione psicosintetica (come me) nella sua zona (non esattamente ad Imperia), ma anche su questo portale può trovare un cospicuo elenco di validi professionisti


Riguardo alla danza. Personalmente credo che riprenderla le farebbe comunque bene; anche a prescindere dagli aspetti legati all' umore. Infatti così il suo corpo sarebbe "impegnato" in un'attività rigenerativa (quindi nutrito)...  inoltre credo che le farebbe bene anche per recuperare un po' di stima di sé.


Sul fatto di analizzare quello che il corpo le vorrebbe dire, io le suggerirei più di "immaginare cosa le stia dicendo".


Provo a spiegarmi. Il nostro inconscio, e la vita psichica in genere,  non seguono la logica della mente... bensì procedono in maniera analogica: per immagini e per simboli. Quindi scrivere va bene, ma, più che in modo analitico, lo farei in modo creativo. 


Sono consapevole che da soli non sia semplice approntare rimedi... forse avere una guida per fare emergere una nuova immagine di sé (anzi delle nuove immagini!) sarebbe la cosa migliore.


Spero che possa sentirsi un pizzico incoraggiata e, magari, un po' sollevata.


Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti ed eventualmente mi può contattare per iscritto con il modulo "scrivimi".


Volendo, possiamo anche fare delle consulenze orientative online.


Grazie per la sua condivisione.


Saluti cordiali,


Dott.ssa Verusca Giuntini 

Gentile Ilaria,


 complimenti per il “gran” lavoro che sta già cercando di fare su se stessa (di conoscenza e di “battaglia” contro l’ansia): conoscere e capire come reagisce il suo corpo di fronte a certi eventi, quali parti del corpo sono maggiormente “colpite”, cosa accade nei momenti precedenti e nel presente (mentre sta vivendo l’attacco), ecc.


Come appena riferito, l’impegno che ci sta mettendo  molto elevato e importante, da tenere a mente: sta cercando di strutturare una specie di ABC “casalingo” dove osserva antecedente, emozioni e reazione corpo, pensieri, ecc. riferiti allo specifico attacco di ansia, sta cercando di porsi anche domande generiche per conoscere maggiormente se stessa;  le consiglio però di rivolgersi ad uno psicoterapeuta per svolgere questo lavoro già iniziato da lei in un luogo neutro, senza giudizio ma accompagnato dalla tecnica e dal sapere di un esperto.  La psicoterapia si svolge, inoltre, in un luogo in cui lei si potrà mettere in gioco a 360° e dove saprà di avere sempre una base sicura a cui rivolgersi o con cui parlare, aprirsi e trovare la sua strada migliore.


Gli attacchi di panico o ansia si possono riuscire a controllare sempre di più e tornare a vivere una vita totalmente serena.


Altro consiglio è quello di valutare anche di approfondire la sensazione di “solitudine” o la “gelosia buona” e la sua storia di vita passata e presente. Cosa la ha portato a voler “interrompere” la danza e ora a farle tornare il pensiero di riavvicinamento?


Resto a disposizione per ulteriori informazioni o chiarimenti.


Le auguro di ritrovare o trovare la felicità meritata.


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta cognitiva costruttivista


Ricevo a Torino, in provincia e online

Cara Ilaria, le crisi di ansia compaiono spesso durante i periodi di cambiamento, nei momenti in cui ci troviamo a fare delle scelte, quando ci sentiamo caricati di responsabilità, sotto stress. Si manifestano con maggior probabilità anche quando non abbiamo una strada ben definita davanti a noi, ci sentiamo un po' disorientati e senza una meta precisa, senza punti fermi. Per imparare a gestire le crisi di ansia e tornare ad avere una vita più serena, è importante innanzitutto comprendere come funzioniamo, come funziona la nostra ansia, le cause e ciò che la mantiene. In questo modo possiamo poi trovare gli strumenti giusti per noi per affrontare e gestire le difficoltà. Fa molto bene ad ascoltarsi e monitorarsi, sta già facendo i passi giusti nella direzione di un miglioramento per la sua salute, per trovare un equilibrio. Il mio consiglio è quello di iniziare un percorso con un terapeuta che possa aiutarla in questo cammino. Le auguro il meglio.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Attacchi di panico"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Soffro di attacchi di ansia/panico da qualche anno

Salve, sono una ragazza di 24 anni e da qualche anno soffro sporadicamente di attacchi di ansia, ...

4 risposte
Ho continuamente attacchi di panico. Vi prego aiutatemi.

Salve, mi presento. Il mio nome è Antonio e sono un ragazzo di 20 anni. Ho conseguito il ...

6 risposte
Come vivere in modo più sereno? Vivo nell'ansia e nell'angoscia

Buonasera a tutti, mi chiamo Martina, ho 21 anni e ho un grande problema con mio padre che mi porta ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.