Attacchi di panico

stati di panico

Maria Patrizia

Condividi su:

Sono un'insegnante che opera nella scuola primaria. Dal mese di marzo 2017 un'alunna manifesta attacchi di panico prima di entrare a scuola. Attualmente la bambina, seguita da una psicologa e da un a neuropsichiatra privata ( dal mese di giugno ad ora), continua a manifestare ansia e panico sia a casa sia nei luoghi aperti con continue esigenze di scappare dai luoghi affollati, ma anche dagli ambienti chiusi (macchina). Cosa posso fare per aiutarla?

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Maria Patrizia,


Prima di tutto credo che sia molto importante che questa bambina sia stata presa in carico da una psicologa e da una neuropsichiatra. Il percorso psicologico è stato intrapreso solo da Giugno, perciò è necessario più tempo affinchè possano essere visibili i primi cambiamenti. Tenga presente che tutti i percorsi psicologici richiedono tempo e pazienza. Credo che possa essere utile in prima battuta potersi confrontare con la Psicologa e la Neuropsichiatra per capire insieme a loro quale tipo di ambiente o situazione scolastica e didattica possa essere migliore per mettere a proprio agio la bambina. Nella mia esperienza credo che un ambiente scolastico accogliente, disponibile e consapevole delle difficoltà dell'alunna siano sicuramente un ottimo punto di partenza.


Rimango a disposizione


Cordiali saluti

Salve Maria


comprendo la sua preoccupazione e desiderio di aiutarla, ma credo che lei debba rinforzare i genitori a proseguire la terapia e magari a chiedere anche una consulenza familiare.


E' molto grave che una bambina così piccola manifesti attacchi di panico in età così precoce. Sicuramente ci sono motivazioni gravi per cui questo accade che coinvolgono soprattutto la famiglia.


Quindi sono i genitori che debbono farsene carico. Lei può sostenerla a scuola, affinchè stia meglio possibile e può sostenere i genitori in una psicoterapia familiare.


Buon lavoro

Gentile signora,


Intanto grazie per il fatto di avere un occhio così attento verso i bambni. Questa società che va verso il crollo ha un bisogno estremo di persone come lei.


Il mio consiglio è di offrire uno spazio alla bambina, dirle che ha notato che ha qualche preoccupazione (stia sul vago) e invitarla a fare qualche disegno. Veda se, in clima di confidenza, la bambina riesce ad aprirsi almeno un po'. E speriamo non sia qualcosa di grave, con i tempi che corrono ....


Un caro saluto.

Dott.ssa Sabrina Mallimaci Monza e Brianza (MB)

Buongiorno, essere insegnanti al giorno d'oggi è sempre più faticoso per le caratteristiche personali di ogni alunno. Sempre per lo stesso motivo non esistono ricette preconfezionate che permettano un intervento efficace.


Pertanto le consiglio di interfacciarsi con le professioniste che seguono la bambina e che, conoscendo i particolari del caso, possono darle delle indicazioni sicuramente utili per poter aiutare la piccola.


Saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Attacchi di panico"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Impossibilità di pronunciare e scrivere alcune parole

Buongiorno, scrivo per avere un parere dagli esperti. Il mio problema, che ormai mi assilla da molti ...

18 risposte
Paura

Salve, sono una ragazza di 20 anni e da 3 anni sono in cura con zoloft per ansia ed attacchi di ...

9 risposte
Paura ad uscire di casa

Salve, due giorni fá, ho avuto un giramento di testa molto forte che mi ha spaventata molto, ...

18 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.