Ansia

Fortissima angoscia e paura di farsi male

Sara

Condividi su:

Buongiorno. Sono una ragazza di 27 anni. Al termine di un periodo lavorativo intenso ma con esiti positivi (dai quali tuttavia non ho tratto particolare soddisfazione) ho avuto un crollo psico-fisico del tutto inatteso. Durante questa fase avevo difficoltà a mangiare, coliti frequenti e sensazione di nausea ed angoscia già dal risveglio. Nel giro di un paio di settimane sono riuscita a riprendermi del tutto, per poi ricadervi dopo poche settimane. Questa volta, tuttavia, accanto alle medesime manifestazioni provo occasionalmente dei momenti di fortissima angoscia in cui ho una forte paura (ma non l'ho mai fatto!!) di poter giungere a farmi male da sola fisicamente. Non capisco perchè e queste "scariche" mi lasciano del tutto snervata e con un grandissimo senso di colpa. Ho anche timore di avere un atteggiamento sbagliato nei confronti di queste emozioni e, non ultimo, di rivolgermi ad un medico in quanto equivarrebbe ad ammettere di avere problemi che non so gestire. Grazie per l'ascolto.

13 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Sara, per poterle essere d'aiuto sarebbero necessarie molte altre informazioni relative alla sua vita lavorativa, la sua storia personale ecc. Ciò che posso dirle in questa sede è che potrebbe essere utile incontrare un medico e/o uno psicoterapeuta per parlargli di questi stati d'animo così angoscianti e fare maggiore chiarezza. Non credo che rivolgersi ad un professionista significhi ammettere di non riuscire a gestire la situazione da sola, anzi! Si ricordi che uno psicoterapeuta non ha la bacchetta magica, ciò che può fare è aiutare una persona a trovare quelle risorse che già gli sono proprie, ma che in quel momento non sono immediatamente accessibili. Per questo ritengo che rivolgersi ad un professionista sia segno di grande responsabilità. Le auguro di superare presto questo brutto momento, cari saluti

differenziale, vale a dire un primo obiettivo sarebbe quello di capire se il tuo "crollo" fisico fosse inizialmente dovuto a fattori di natura clinica (gastrite, influenza, stato di malessere dovuto a condizione medica generale insomma) o, invece, quella sintomatologia derivasse proprio da una forte attivazione ansiosa ove ciò che provavi e se non ho capito male continui a sperimentare, non è che uno dei molti effetti fisiologici provocati da stati emotivi intensi, ansia e paura "in primis". Uno dei moltissimi effetti dell'attivazione ansiosa, oltre al colon irritabile o "più irritabile del solito", è sulla digestione, vale a dire che si inizia a produrre meno saliva, il cibo si ferma nello stomaco e può dar luogo a una sensazione di nausea o di nodo allo stomaco non necessariamente solo dopo pranzo. Tutto questo ha una logica e ti garantisco che è assolutamente normale, fisiologico perchè deriva dalla secrezione di catecolamine (una di queste è l'adrenalina), ma non mi sto a soffermare ora sulla biochimica. Ti dico solo che ansia e paura sono emozioni di allarme che sono assolutamente utili anzi indispensabili in molte occasioni e fanno sì che quando le percepiamo il nostro organismo convoglia il sangue nei distretti più utili per l'occasione (per esempio affluisce meno sangue in alcuni distretti come nello stomaco, a favore di altri come gli arti). Tuttavia queste emozioni possono divenire nostre "nemiche" quando i loro effetti ci spaventano e così vengono da noi percepite e amplificate in maniera esagerata o distorta rispetto allo stimolo. Questo ci porta ad avere un'attenzione selettiva verso qualsiasi stimolo del nostro corpo derivante proprio da quella data emozione, per esempio molti temono di soffocare quando percepiscono un senso di costrizione al petto o se percepiscono un nodo alla gola pensano di avere un tumore all'esofago e così, attraverso una serie di pensieri continui che facciamo proprio su ciò che ci potrebbe accadere,continuiamo a mantenere in atto quel circolo vizioso ansiogeno che mantiene il nostro star male perchè non fa nient'altro che aumentare il nostro livello d'ansia. Un'altra cosa che dici è che hai paura di farti del male fisicamente. Non ho ben chiaro se intendi che sei assalita da determinati pensieri che ti provocano angoscia perchè pensi di poterti fare del male. Se fosse così Questo è un punto molto importante e meriterebbe un approfondimento perchè ci potrebbe essere il rischio che questi pensieri che si chiamano pensieri intrusivi, inducano in te un forte rimuginio ansioso che potrebbe avere delle conseguenze negative. Ricordati per adesso che pensare una determinata cosa non significa metterla in atto!. Ti auguro di risolvere il tuo problema e spero seppur in minima parte di esserti stato utile. Qualora lo ritenessi opportuno, sono felice di aiutarti.

Buon giorno Sara, grazie per aver pubblicamente manifestato il suo disagio: non è forse già questo un riconoscere dei suoi stati d’animo che Le creano una qualche sofferenza? Sarebbe per Lei utile che comunicasse questi suoi malesseri ad uno psicologo per cercare di dare un senso a quello che Le succede. Ne troverà giovamento.

Buonasera Sara, mi ha colpito l'ultima sua frase, "grazie per l'ascolto". Apparentemente banale, ma significativa. Perchè sembra proprio che il suo corpo, o meglio la sua parte più profonda, le stia gridando a gran voce - attraverso questi sintomi - di essere ascoltato, perchè c'è qualcosa di importante da dirle, da farle capire. Di cosa si tratti è impossibile dirlo in base a quanto scrive, e verosimilmente non è ben chiaro neanche a lei. Proprio per questo sarebbe utile rivolgersi a qualcuno che possa aiutarla a capire "decodificando" insieme a lei questi importanti segnali di malessere. E ammettere di avere bisogno di aiuto, ammettere di avere problemi che non si è in grado di gestire, è segno di coraggio, non di debolezza! Ci rifletta. Un saluto con simpatia.

Gentile Sara credo lei sia già stata coraggiosa nel rivolgersi a degli esperti su un sito comunicando il suo disagio. La paura ad affrontare i propri problemi e le proprie emozioni rientra nelle fasi di un percorso di crescita e conoscenza di sè. Il suo tentativo di controllare queste emozioni, come ha potuto verificare, la porta a sperimentare vissuti di angoscia e di spostamento sul corpo del disagio. Abbia fiducia nelle sue possibilità di curarsi e in quelle di chi potrebbe accompagnarla in questa scoperta di sè aiutandola a "gestire" i suoi problemi. Affettuosi saluti.

Cara sara, quello che ti e' capitato mi pare un segno di una certa gravita' e credo proprio che dovresti andare a parlarne direttamente con uno specialista. www.trasformazioni-studio.it se hai un nominativo di un professionista di tua fiducia ti puoi rivolgere a lui/lei, altrimenti puoi anche andare ad un buon sevizio pubblico, come ad esempio il servizio di psicoterapia di affori. Non vuoi rivolgerti a qualcuno perche' questo sarebbe segno di una tua incapacita' a gestire la situazione: e' esattamente il contrario, sara' proprio la tua capacita' di gestire la situazione che ti fara' cercare la consulenza di un bravo medico o psicologo. se rimani in panne con la tua auto, sei brava a gestire la situazione proprio se riesci a trovare un meccanico... se hai male ad un dente vai dal dentista... mentre per quello che ti capita vorresti essere tu la tua stessa psicologa? dai sara, mi sembri una ragazza intelligente e capace, ragiona e cerca qualcuno che ti possa aiutare.

Cara Sara, credo che l'elemento dell'imprevisto, dell'inatteso l'abbia messa in uno stato di confusione e paura. Evidentemente era abituata a contare molto sulle sue capacità di tollerare lo stress. Direi che la cosa migliore sia innanzitutto escludere l'incidenza degli elementi organici andando dal suo medico di fiducia e, successivamente, effettuare una consultazione psicologica per affrontare gli aspetti emotivi connessi al suo attuale modo di vivere. Certe volte abbiamo bisogno che il corpo dia qualche segnale di intolleranza per renderci conto che stiamo eccedendo nel sottoporci allo stress e, alcune volte, in relazione a cose che non ci ripagano nemmeno con una appagante senso di soddisfazione. Si scatena così una sensazione di panico che è bene non sottovalutare.

Buon giorno Sara, immagino che il crollo psico-fisico del tuo organismo è la conseguenza dell'eccessivo e intenso lavoro, dovresti probabilmente incominciare a modificare la visione del tuo corpo e non considerarlo come una macchina che funziona con ritmi continui, ma come un organismo che funziona con le sue leggi e propri ritmi biologici, infatti come tu probabilmente già saprai, lo stress, la tensione intensa e prolungata risultano dannosi per tutto il nostro sistema mandandolo completamente in "tilt" così come è avvenuto con te, vi è anche un' abbassamento delle difese immunitarie esponendoti ulteriormente ai rischi; Nonostante tu abbia avuto dal lavoro degli esiti positivi, rimani abbastanza insoddisfatta proprio per il fatto che questo e la causa dei tuo disturbi; Per l'angoscia che provi, bisognerebbe capire l'origine se dovuta solo esclusivamente a questo periodo particolare o se ha anche altre origini, sarebbe opportuno per questo fare un piccolo percorso per conoscere un pò la tua storia personale per capire qualcosa di più e trovare una soluzione prima che tu possa arrivare a farti del "male"; Il tuo timore lo capisco, ma in questo caso, devi trovare la forza di metterlo da parte e pensare che esistono delle persone come noi pronte ad ascoltarti e sostenerti che svolgono questa attività con amore, impegno e dedizione e che potrebbero aiutarti a fare un pò di chiarezza, farti ritrovare un pò te stessa e riavvicinarti ad una vita più serena; Ipotizzo da quello che scrivi, che il tuo caso non sia grave, ma dal mio punto di vista, dovresti anche allentare questo bisogno di gestire tutto e ammettere a te stessa una piccola debolezza come quella che stai vivendo in questo periodo e pensare che si possa risolvere benissimo avendo solo un pò più di fiducia; A tal proposito, potrei consigliarti un piccolo percorso terapeutico con l'uso anche del Training Autogeno per risolvere definitivamente i disturbi somatici, ritrovare il senso di calma, spezzare il ciclo dell'ansia, ritrovare l'equilibrio psicosomatico momentaneamente perso per ridarti il piacere di una vita serena e piacevole.. Un saluto Sara arrivederci e buona vita

Carissima, hai solo somatizzazione di crisi di panico. Non è un problema gravissimo, certo che per te che lo vivi è invece molto invalidante. Credo che tu abbia bisogno di una terapia mirata a trovare cosa ti provoca il panico che somatizzi! un grosso abbraccio

Per potere rispondere ho bisogno di avere più dati ed informazioni, non mi dice niente sulla sua vita affettiva, familiare, amicale, sessuale...... provi ad avere più fiducia e ad aprirsi, solo cosi' può essere aiutata. A presto

Ciao Sara, la mia impressione è che il tuo malessere psicofisico scaturisca da una delusione. La delusione di non aver tratto dal tuo lavoro, malgrado i grossi sforzi, la soddisfazione che ti aspettavi, il giusto appagamento personale che ci gratifica dai nostri sforzi e ci spinge ad andare avanti e fare di meglio. Anche il senso di colpa, credo, scaturisca da ciò. Ti senti in colpa, forse, di esserti privata di tante altre cose per raggiungere il tuo obbiettivo, ma questo poi, alla fine, non era quello che volevi. Non sarà certo questo episodio la causa principale dei tuoi malesseri, ma sicuramente è stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Infine, circa la seconda parte del tuo messaggio, posso dirti che, riuscire a riconoscere a se stessi di avere un problema, è già per buona parte, la risoluzione del problema. Affidarsi ad uno psicoterapeuta ti aiuterà, nel tempo a rimuoverne le cause.

Tenga presente che anche i medici, gli psicologi, e qualunque "guru" (!) ha o ha avuto problemi a gestire delle forti emozioni, in quanto UOMO. Per cui si affidi oltre che alla scienza di un terapeuta, anche alla sua umanità e compartecipazione utile ad aiutarla. Inoltre, se per caso la incuriosiscono le tecniche orientali, trovo che lo yoga sia un passo molto potente nel conciliarci con gli altri e con noi stessi. Un saluto caloroso

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Forte depressione, ansia e rifiuto del sonno

Da un po di anni soffro di ansia, fortissima depressione, rifiuto anche, in modo violento, il sonno ...

3 risposte
Disturbo d'ansia e problemi di coppia

Buongiorno, il mio al momento ex compagno soffre di disturbo d'ansia generalizzata, che gli causa ...

4 risposte
Attacchi di ansia

Buonasera, da un pò di tempo mi capita di non riuscire a respirare, mi manca l'aria, seguito ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.