Salute Sessuale

Un uomo che occasionalmente desidera essere donna

Franco

Condividi su:

Buongiorno,
ho 35 anni e forse il titolo è un po' fuorviante, perché in realtà nella mia vita mi riconosco come etero, uomo, maschio biologico. È solo che ho sempre avuto un'attrazione per le donne che investe proprio l'essere donna in sé, come una sorta di invidia per ciò che rappresentano.

Da bambino di nascosto provavo l'intimo dai cassetti di mia madre. Poi ho smesso intorno ai 11/12 anni perché la cosa ha cominciato a non piacermi più e trovarla strana, sporca, perversa.

Quando ho iniziato ad avere delle fidanzate, qualche volta ho provato dei loro capi. L'idea mi eccita lì per lì ma poi sento un senso di vergogna e bruttezza: in effetti, guardandomi allo specchio, non è un bel vedere un uomo villoso in vesti femminili.

Ho capito allora di non avere un feticismo per il travestimento in sé; vorrei provare a indossare abiti femminili, ma con il corpo di una donna.

E questo aspetto investe anche la sfera sessuale: c'è una fantasia, occasionale, che mi passa per la mente. Fare l'amore con una donna avendo il corpo di una donna. Provo invidia per la sessualità femminile: la trovo più ricca, emozionante e coinvolgente (magari una donna può dire il contrario e trovare più semplice quella maschile!).

Aggiungo un'altra cosa: le mie ultime relazioni di coppia - compresa quella attuale - in questi anni sono state con donne bisessuali. Ho sempre trovato come confortante pensare che in me abbiano visto un "lato femminile" (qualunque cosa voglia dire: a essere sincero trovo privi di significato concetti come maschile e femminile, ci tornerò dopo) e piacesse loro. Non so poi se corrisponda al vero o meno: non ho mai chiesto a nessuna "trovi qualcosa di femminile in me?".

So per certo che mi trovo a mio agio in relazioni senza stereotipi di genere, senza che ci si aspetti che una persona "faccia l'uomo", allo stesso modo in cui non desidero affatto che la donna si atteggi come una Barbie principessa perché "le donne fanno così/le donne non fanno certe cose".

Se rifletto su di me non so che risposta darmi.

Ripeto, non ho dubbi sul sentirmi uomo: mi piaccio nel mio aspetto, nei miei abiti e non trovo alla fine interesse nel travestitismo - me ne sono reso conto negli anni. Quel che provo, come dicevo sopra, è più un'invida/interesse/curiosità, del tipo se fosse possibile mi piacerebbe trovarmi nelle vesti di donna, per poi tornare a esser uomo nella vita quotidiana.

Non riesco a capire se le mie siano perversioni, feticismi o una forma di disforia.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Franco. La sessualità, l’identità di genere e l’intimità personale sono concetti molto profondi e di natura fluida, tanto che darle una risposta definitiva in questa sede sarebbe riduttivo se non quasi controproducente. Tuttavia, sicuramente si può ipotizzare un sistema di valori, che guida i suoi gusti e le sue scelte, in cui l’apertura mentale e la voglia di sperimentarsi in altri panni fa da padrona, portandola a immaginarsi in una situazione pressochè speculare rispetto a quella che vive nella realtà.
La sua domanda presenta una natura complessa che meriterebbe, se lo ritiene necessario o utile, di essere indagata approfonditamente in un percorso articolato con un sessuologo, per dare risposte ai suoi dubbi in modo adeguato.
Mi rendo disponibile, anche online, per un percorso volto alla comprensione più profonda degli aspetti che la incuriosiscono e che, in un certo senso, la guidano nelle sue scelte relazionali.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.

Gent.mo, pone degli interrogativi su di sé e sulla sua vita sentimentale e erotico-sessuale a cui è complicato offrire una risposta esaustiva. Probabilmente, non è nemmeno utile ridurre a perversioni, feticismi o disforia la sua più articolata esperienza personale: sarebbe piuttosto più utile che potesse esplorare questi suoi sentimenti, pensieri e modalità di rapporto con sé e con le altre persone all’interno di un lavoro psicoterapeutico, in modo che possa col tempo cogliere le motivazioni (consce/inconsce) che caratterizzano le sue modalità di ricerca e di appagamento del desiderio, tenendo sempre presente che i suoi desideri e le sue modalità comportamentali sono un aspetto che fa parte della sua più ampia personalità. Qualora maturasse l’idea di chiedere aiuto per capire meglio sé stesso e i suoi comportamenti, potrebbe rivolgersi ad uno specialista per una consultazione e valutare con lui la sua specifica situazione personale: nel caso questi aspetti che descrive le rechino dubbio o dolore, una psicoterapia potrebbe aiutarla a trovare una via che la faccia sentire meglio con sé stesso e con le persone.


Stefano Golasmici – P.za Marie Curie 5 BUSSERO (MM2 Bussero)


Via Morgagni 32 MILANO (MM1 Lima)

Purtroppo l'instabiità dei tuoi " pensieri " dipende da un accumulo di eventi frustranti impregnati di Emozioni Spiacevoli ( rabbia, sensi di colpa, dispiaceri, e varie paure quali il non sentirti pienamente accettato, la vergogna, il sentirsi obbligati senza sentirti libero di scegliere, il timore della solitudine dell'abbandono, il timore del giudizio, il sentirsi incapace di conquistare ciò che si desidera, dell'impotenza, ecc. ). Queste Emozioni dissociano il pensiero allontanando la parte Razionale dall'Inconscio. Pertanto si generano 2 Pensieri non più uniti ma contrastanti generando il dubbio di scelta. E come se ci si trovasse in un bivio con 2 strade opposte e per dissipare il dubbio di scelta si è costretti a delegare la scelta al " passante ( pensiero introsivo ) " del momento che ci indichi o meglio ci accompagni verso la strada che lui a scelto. Per riunire il pensiero ( le 2 strade ) e dissipare il dubbio e la dipendenza dal passante (pensiero intrusivo ) e necessario fare una Psicoterapia per mezzo dell'Ipnosi Vigile atta a " resettare " e " consumare " le Emozioni Frustranti causa del tuo malessere. Per ulteriori delucidazioni mi puoi telefonare o contattare (artabano.febo@gmail.com - www.feboartabano.it ) Ciao, a presto. Dr. Febo Artabano - Studio di Dietologia, Psicoterapie brevi, Sessuologia, Ipnosi Clinica.- Pescara, Vasto, Termoli. Cosuenze anche per videochiamata.
 

Salve Franco,


le domande che lei si pone me ne fanno sorgere alcune, del tipo: vive come un problema questo suo interesse/curiosità/invidiea nei confronti del genere femminile? Lei ritiene che siano pensieri che non dovrebbero attraversarle la mente? In più, le comportano dei problemi e delle difficoltà a livello personale e/o relazionale?


Credo che, in quanto esseri umani, la nostra personalità e le nostre inclinazioni siano poliedriche e multisfaccettate. Credo che in ognuno di noi esiste un aspetto maschile ed un aspetto femminile, ciò che cambia da uomo a uomo è che rapporto si ha con queste parti di noi.


Per cui, l'unica cosa su cui deve porre attenzione è capire se questa sua inclinazione le causa o meno disagio. Non esiste la normalità, o un canone prestabilito di come dovremmo essere. Ma esiste la singolarità di ogni individuo. E l'importante è aver un buon rapporto con l'unicità che ognuno di noi rappresenta nel mondo.


Le auguro buona giornata!

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Salute Sessuale"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Perché l'amore corrisposto non arriva mai?

Buongiorno! Nonostante abbia superato i quarant'anni, non ho mai vissuto un amore corrisposto. Le ...

3 risposte
Sto bene con il mio ragazzo ma non sono attratta da lui

Sto da 3 anni con il mio ragazzo, conviviamo da due (io 29 lui 31 anni). Abbiamo una vita tranquilla ...

1 risposta
Coprofilia

Salve, da 2/3 anni circa mi sento attratto dai peti e dagli escrementi femminili, cercando un p&ogra ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.