Autostima

RIFIUTO AD USCIRE

Francesco

Condividi su:

Buongiorno,

ho un figlio di 16 anni che si rifiuta ad uscire e preferisce giocare con la playstation. Sarò più preciso, a scuola va volentieri, a calcio va volentieri, quando usciamo con amici esce volentieri, ma se gli diciamo di chiamare qualche amico o compagno di classe si rifiuta.

Devo dire che alle medie è stato oggetto di una forma di bullismo, veniva sempre mandato via.

Cosa posso fare per aiutarlo?
Distinti Saluti

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve,


purtroppo l’isolamento e’ Dettato dalle tante paure che nel tempo si accumulano subendo dai compagni. Un carattere più debole o meno prevaricatore vorrebbe essere trascinato ma se chi lo fa e’ poco coinvolgente lui preferisce il suo luogo sicuro come la casa e la sua stanza. Piuttosto sarebbe meglio che socializzasse con i compagni di calcetto, oppure creare un piccolo gruppo di ragazzi che lo coinvolgano e gli facciano acquisire fiducia

Direi che decisamente occorre aiutarlo a ripristinare certi Funzionamenti di Fondo (così diciamo noi Funzionali). Purtroppo la genitorialità è ancora troppo lasciata al caso, mentre oggigiorno sappiamo che non è una cosa scontata. Modelli ricevuti dai nostri genitori non è detto che siano adatti al nostro ruolo genitoriale. Così come non è detto che il rifiuto di tali modelli sia adeguato.


Oggi esiste una teoria dell'evoluzione della persona che non lascia molti dubbi su cosa è adatto o no ad un figlio. Esiste uno studio alquanto certo su quali siano i bisogni di un essere umano (che non sono solo il mangiare, il bere ed il riprodursi). Cosa sappiamo, ad esempio sul bisogno di accudimento o di Calore e come rispondiamo a tali bisogni.


Poi ci si mette il modo circostante (esterno alla famiglia) a creare ulteriori "prove". E' necessario che tutti facciano al meglio il proprio pezzo per favorire una crescita armonica, adeguata ed adattata di una persona.


Purtroppo sono tutte cose che - così - sembrano vaghe. D'altronde non è possibile darle una risposta univoca, sig. Francessco. Come sempre occorre valutare caso per caso. Se vorrà mi potrà contattare per capire meglio la situazione.


Grazie.


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Autostima"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mi sento un fallimento per me e la mia famiglia

Inizio col dire che la mia famiglia voleva che uscissi con voti diciamo abbastanza alti, vado in una ...

2 risposte
Autostima e depressione

Salve, sono un ragazzo di 16 anni, (quasi 17) spesso mi capita di essere triste, e a volte non so il ...

4 risposte
Non riuscire a fidarmi di nessuno

Buonasera, mi chiamo Francesca e ho 22 anni... ho trovato il coraggio finalmente di scrivere qualcos ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.