Fobie

Da più di un anno credo di soffrire di anginofobia

Marilisa

Condividi su:

Buongiorno,
Sono una ragazza di 21 anni.
Vi scrivo perché è un momento della vita in cui non vedo via d'uscita.
Da circa un anno (credo, non riesco a ricordare il momento esatto in cui ho iniziato a soffrirne) ho questa fobia che mi attanaglia: paura di deglutire, paura di soffocare con il cibo.
Ho iniziato a togliere molti cibi come gli affettati con grasso (prosciutto, bresaola, pancetta, salame ecc...), mozzarella sulla pizza, verdure con troppi "sfilacci, fettine si carne rossa... insomma, cibi che per me sono un pericolo. Un'altra cosa che non riesco a mangiare più tranquillamente è proprio la pizza. L'impasto, il condimento, mi mettono paura.
Fuori non riesco più a mangiare, ci metto 1 ora per mangiare mezzo panino. Stessa cosa a casa: mastico troppo, tendo a far risalire il cibo, vado in apnea per ingoiare e devo sempre avere il bicchiere di acqua pieno. A volte il corpo tende a buttare giù il cibo da solo. Non so se questa è solo una mia impressione o è proprio così.
Questa cosa mi fa stare male, perché ormai non riesco a mangiare con facilità più alcun cibo, a meno che non sia frullato o molto molto morbido.
Ho paura anche di deglutire i miei stessi muchi quando sono raffreddata o quando c'è molta polvere e mi si formano.
Delle volte non mi sento capita.
Mi viene detto: "ingoiare è una cosa automatica, non ci devi pensare, non puoi soffocare..." ma per me non è facile
Non mangiare fuori per me è una liberazione ma, contemporaneamente, mi sento sconfitta e sto male perché mi precludo a tutte le "attività sociali" che includano cene. Per me ora è impensabile anche andare a mangiare casa del mio ragazzo, per paura di non essere capita, di fare brutta figura e, fondamentalmente, di soffocare.
Il mio stato d'animo attuale? "Dovrei essere una donna, perché non riesco ad essere forte e ho questi problemi che non mi fanno sentire una persona matura, capace di controllare se stessa, le proprie emozioni e il proprio corpo?"

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Marilisa, io invece ti capisco perfettamente. Sono proprio tutte le precauzioni che adotti che ti convincono sempre di più del rischio di soffocare. Come un allarme sempre acceso, indipendente da quello che credi o pensi al livello cosciente. E' un disturbo abbastanza comune, con buone possibilità di risoluzione, se preso nel modo giusto. Ne ho trattati diversi. Ci vogliono alcune sedute, nemmeno tante, ma devi prendere la cosa sul serio. Cari saluti.


Dott. Andrea Bottai

Gentile Marilisa, il problema che lei descrive non si può considerare esclusivamente "psicologico" da un punto di vista sintomatologico in quanto l'idea che mente e corpo siano qualcosa di nettamente separato, è ormai ampiamente superata. Quella che lei definisce sensazione, non è soltanto "immaginata" ma vede anche la complicità del sistema nervoso che in quel momento provvede a irrigidire i nervi che passano per la trachea e ciò, effettivamente, rende più complicata la deglutizione. Ad essere psicologica, invece, è sicuramente la causa di questo sintomo, sulla quale si potrebbero avanzare molteplici ipotesi e molteplici diagnosi (ansia, stress, tensione nervosa...). Il punto però è che, sebbene il suo sintomo sia piuttosto comune, la sua storia umana e clinica è unica e andrebbe studiata e approfondita attraverso la psicoterapia. Vede, se circa un anno fa questo sintomo ha fatto la sua comparsa, non è affatto casuale, ma deve essere stato la conseguenza di un evento o di una serie di eventi che le sono accaduti i quali le hanno generato un'emotività intensa che tuttavia è rimasta sullo sfondo della sua coscienza (cioè lei non se ne è appropriata in modo pieno e consapevole) ed ecco la comparsa del sintomo che svolge il ruolo di spia accesa sul cruscotto. Il problema non è la spia in sè, ma ciò che segnala e che l'ha fatta accendere. Le suggerisco, pertanto, un percorso di psicoterapia e, se vuole, sono a sua disposizione. Cordiali saluti.


Dottor Giovanni Romito


Riceve in presenza a San Lorenzello (BN) e on line tramite piattaforma Skype o Zoom.

Gentile Marilisa,


è chiaro che il suo è solo un sintomo di un disturbo più generale e profondo, che può essere affrontato e risolto, ma solo attraverso una adeguata psicoterapia psicodinamica del profondo.


L’ansia, lo stress, le paure profonde e irrazionali, i problemi relazionali e di personalità, i problemi psicologici sono sempre propriamente non un disturbo, ma i sintomi di un disturbo, che riguarda chiaramente tutta la personalità, nel presente come nella Sua storia personale.


La soluzione è infatti – su tempi medi - affrontare una terapia del ‘profondo’, che risolva le radici dell’ansia e della depressione e, di conseguenza, anche i suoi sintomi.


Tale approccio potrebbe in tal caso essere valido per ristrutturare le parti immature e ancora infantili della Sua personalità ed eliminare dai suoi ‘meccanismi’ quei granelli che – per così dire – ne ostacolano il corretto e felice funzionamento in direzione della crescita personale e dello sviluppo adulto della Sua identità, oltre ogni psicopatologica insicurezza e disistima.


Le invio cordiali saluti.


prof. Roberto Pasanisi
psicologo clinico e psicoterapeuta, docente universitario

Cara Marilisa,


Quello che descrive è un Disturbo che va affrontato con una psicoterapia, a mio parere, di orientamento cognitivo comportamentale. Capisco che a volte può sembrare faticoso ed economicamente impegnativo, ma purtroppo la nostra salute psichica è fondamentale per vivere una vita che valga la pena di essere vissuta. Non sottovaluti il suo diritto ad essere felice! 


Cordialmente 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Fobie"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Paure e difficoltà relazionali

Buongiorno, sono mamma di una bambina di 3 anni a giugno. Ultimamente noto che reagisce piangendo e ...

4 risposte
Come affrontare le ossessioni

Salve Dottori, sono una ragazza di 22 anni e da circa tre mesi soffro di pensieri intrusivi. È ...

3 risposte
Prodromico stato ansioso

Carissimi Dott.ri, prima di partire con il mio discorso vorrei porvi una domanda, "perche l'ansia ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.