Psicologia scolastica

ADHD

Ornella

Condividi su:

Buongiorno,

un mio alunno, con spiccate capacità nell'ambito logico-matematico, già dalla prima classe della scuola primaria (ora frequenta la terza) ha manifestato disturbi dell'attenzione e del comportamento irrequietezza, si calma soltanto quando disegna in b/n sempre la stessa città, permalosità eccessiva, oppositività, scarsa coordinazione motoria e soprattutto... non alza lo sguardo verso la lavagna o lo distoglie quando interagisce con insegnanti e compagni. Abbiamo adottato tutte le strategie proposte per l' ADHD, ma senza risultati.
La famiglia è stata convocata più volte e ci è stato detto che trascorre molte ore con i videogiochi e diventa nervoso se non lo assecondano. Cosa fare?

Grazie.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno,
sicuramente non deve essere una situazione semplice gestire un ragazzino con queste difficoltà e contemporaneamente dedicare attenzione a tutto il resto della classe.
Non è chiaro dalla sua domanda se il bambino ha un adhd certificato; se così non fosse è necessario procedere a una valutazione specialistica. E’ da tenere in considerazione che oltre all’ADHD ci sono una notevole rosa di altri disturbi clinici che potrebbero avere un ruolo nel suo comportamento. La cosa migliore da fare è pensare a una valutazione del profilo funzionale, anche con l'esperto esterno di riferimento o interno alla scuola, così da comprendere meglio le sue azioni e comportamenti ed emozioni, e nel caso essere più preparate a farvi fronte.
I genitori possono rivolgersi a un qualsiasi studio privato con equipe di valutazione dsa e/o al’asl della vostra provincia
A presto

Buonasera,


per caso è stata fatta una valutazione per le difficoltà riscontrate? È fondamentale capire se dietro alle difficoltà attentive e comportamentali non ci siano altre difficoltà legate ad esempio alla coordinazione e al movimento. In queste situazioni è fondamentale creare una forte alleanza scuola- famiglia perché è importante mettere in atto strategie il più possibili simili. Una figura esterna di riferimento potrebbe fare da ponte tra i due contesti e fornire delle strategie utili. Spero di averle dato qualche informazione utile.


Le auguro una buona serata


 

Buongiorno,


sicuramente immagino la frustrazione e le fatiche di gestire questo bimbo in classe. Come docenti potreste chiedere alla scuola una supervisione con un esperto per aiutarvi a dare una lettura più precisa della situazione.


Indubbiamente la segnalazione con la famiglia è il primo passo anche se non tutti accettano le difficoltà andando a fare accertamenti e visite. Senza la collaborazione della famiglia non si possono fare interventi clinici sul bambino ma voi potete adottare strategie didattiche vincenti ed eventualemente predisporre un PDP come Bes. Con adhd molto funzionano i rinforzi positivi sulle capacità del bambino (ambito logico matematico, disegno..) e nelle situazioni dove lui (seppur con i suoi limiti) è conforme agli obiettivi dati.
Concordate per lui obbiettivi realistici (se c'è irrequietezza è inutile pensare che farà 1 ora seduto ma magari si può concordare con lui partendo da 10-15 minuti rinforzando sempre ogni piccolo traguardo e obiettivo raggiunto. Più difficile è la risposta nelle situazioni di crisi o dfi frustrazioni dove immagino si verifichino comportamenti problema, qui il suggerimento che vi dò è di ignorare il più possibile cercando di non creare situazioni che involontariamente colludono con queste sue manifestazioni rendendole per lui utili.


Le difficoltà che ha scritto raccontano di un'interazione difficile con questo bambino. Provate a valorizzare le capacità al di là dell'etichetta ADHD che avete individuato. Meglio un obiettivo più semplice raggiunto con serenità che aver puntatao troppo in alto con conseguente frustrazione del bambino e di voi insegnanti.


Buona fortuna!


Cordialmente

Buongiorno,


se l' interesse verso il bambino mi arriva dalla scuola è singolare e mi fa anche pensare.


Il primo interrogativo è dov'è la genitorialità' o dove si colloca in termini di assunzione di responsabilità?


Per il bimbo alunno : Potreste avere di fronte un disturbo emotivo relazionale dato il quadro comportmentale presentato e andrebbe inviato presso un servizio di diagnosi di approfondimento anche per capire se la distraibilità e le difficoltà relazionali sono primarie o secondarie ad altro quadro.


Il sistema famiglia andrebbe a sua volta guidato presso un servizio psicologico che la prendi in carico sul piano delle relazioni primarie e dinamiche in disfunzione.


Cordiali Saluti


 


 

Buonasera signora Ornella,


Le strategie per la gestione dell'adhd da chi sono state proposte? C'è già stata un'osservazione, una valutazione specifica? Forse queste modalità non funzionano perché non si tratta di Adhd?  Sarebbe utile un approfondimento presso un servizio di NPI, se i genitori fossero d'accordo. Com'è il rapporto con loro?


Se lo desidera mi scriva pure privatamente, se desidera condividere altre informazioni.


Cordiali saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicologia scolastica"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mio figlio si annoia a scuola

Salve, sono mamma di un bellissimo bimbo di 7 anni. Quest' anno è entrato alla primaria e per me ...

1 risposta
Bambina esclusa dalle compagne di classe

Buongiorno, mia figlia Stella ha 6 anni ed ha appena terminato il primo anno di scuola primaria...

6 risposte
Vomito nella mia bimba di 7 anni

Buongiorno purtroppo da ottobre ad oggi, mia figlia che frequenta la seconda elementare quasi tutti ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.