Psicoterapia

Dispnea psicogena bimbo 5 anni

Anna Rita

Condividi su:

Buongiorno Dottore,
Da circa 3 settimane, in concomitanza con l'inserimento al nido della piccola di 2 anni, mio figlio più grande di 5 anni ha iniziato a manifestare opposizione verso qualsiasi richiesta di attività necessarie (tipo lavare i denti o fare la doccia, che prima faceva senza problemi) reagendo con capricci e pianti esagerati e inconsolabili. Inoltre ha iniziato ad avere diversi e ripetuti episodi di "fame d'aria" sia durante la settimana che nel weekend, in diversi momenti della giornata, ma soprattutto sono molto frequenti quando esce da scuola durante la merenda del pomeriggio e alla sera prima di addormentarsi (ieri sera ho contato 25 respiri di "ricerca di aria" a circa 10 secondi uno dall'altro). Giorni fa l'ho portato al pronto soccorso ma dalla visita non è emerso nulla di patologico.
La tata della materna mi ha riferito che in due giornate distinte è successo che mio figlio si è distaccato dagli amici per mettersi in un angolo, triste, e ha pianto dicendo che gli mancavo. Poi non è successo altre volte.
Tuttavia alcune mattine mi chiede di non andare a scuola oppure di andare a prenderlo prima. Io rare volte gli concedo quest'ultima per riservarmi un paio d'ore per stare con lui senza dover rispondere alle esigenze e richieste della sorellina che intanto è all'asilo.
Anche quando era più piccolo ha sempre avuto molta difficoltà al momento del distacco e gli anni del nido ha quasi sempre pianto. Anche i primi due anni di materna sono stati caratterizzati da pianti al mattino, tranne gli ultimi tre mesi dello scorso anno. Quest'anno ha iniziato volentieri e senza pianti, ma da circa due settimane alcuni giorni ha ripreso a piangere e ad attaccarsi fortissimo alle gambe mie o di mio marito al momento del distacco. Poi una volta dentro va tutto bene e quando andiamo a riprenderlo è sereno. La stessa cosa succede quando lo accompagnamo a fare 1 ora alla settimana di baby sport...mi ha detto che le insegnanti sono brave, le attività che svolgono gli piacciono, ma gli viene mal di pancia al pensiero di entrare in un posto con tanti bimbi che lui non conosce anche se sono bravi.
Dottore può consigliarmi su come dovrei rapportarmi io rispetto alle sue richieste ed ai suoi comportamenti per aiutarlo a superare tutto ciò e così risolvere probabilmente anche il problema della mancanza di respiro?
La ringrazio molto per l'aiuto che potrà darmi.
Anna Rita

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve, mi spiace molto per la situazione  descritta. Dopo aver escluso le cause organiche.  Ritengo comunque utile intraprendere un percorso di parent training  per aiutarla ad analizzare la situazione e trovare strategie utili per far fronte alla richiesta d'attenzione del bambino e per gestire la sua ansia. Se sceglierà di affidarsi ad un professionista, io faccio anche consulti online, resto a disposizione, Dott.ssa G.Mangano

Cara Anna Rita diventare grandi non è un percorso lineare, ma anzi a volte richiede soste e quasi ripiegamenti in cui i bambini possano colmare i loro bisogni per poi ripartire verso nuove tappe.
Io ipotizzo che il suo bambino sia in uno di questi momenti di sosta in cui chiede di 'fare il pieno' di contatto con la mamma e di sostare. Quando avrà colmato questo bisogno sarà pronto per riprendere un percorso evolutivo.
I genitori sono figure che possono garantire al bambino la sicurezza di cui ha bisogno se in grado di 'sintonizzarsi' con lui/lei e dare risposte congruenti, quindi é sempre un buon esercizio quello di provare a chiedersi: che cosa mi sta comunicando con questo comportamento? Quale tipo di bisogno ha mio figlio/a in questo momento?
Questo vale per i bambini molto piccoli che non hanno ancora acquisito competenze linguistiche, ma anche più avanti anche se arriva il linguaggio.
Le auguro di riuscire a trovare il modo di ascoltare il suo bambino, ma qualora le occorresse approfondire queste riflessioni può contattarmi.


Stefania Pizzetti

Buongiorno Signora Anna Rita,


Dalle informazioni contenute nella sua domanda deduco che suo figlio stia vivendo uno stato d’ansia da separazione, probabilmente dovuto al bisogno di attenzione che vorrebbe soddisfare, l’oppositività sembra sia un modo per ricercare attenzioni che non sente dì avere in questo momento. Posso immaginare che l’inserimento della figlia più piccola al nido possa essere fonte dì preoccupazione per Lei e inevitabilmente, se questo è corretto, ha dovuto focalizzarci su questo passaggio, magari mandando messaggi al figlio che l’hanno fatto sentire messo da parte, possiamo chiamarla gelosia.


Quello che le posso consigliare è:


Cercare dì dare dei messaggi distensivi che possano tranquillizzalo e dare un nome a quello che prova, può provare con alcuni libri per bambini che trattano dell’ansia


Ascoltate e caricare dì comprendere i suoi sentimenti, accogliere le opposizioni e le crisi d’ansia mettendosi nei panni dei bambini.


Gestite la vostra eventuale ansia e mantenete la calma, i bambini sono sensibili alle emozioni che provano i genitori e le  utilizzano come sensori per capire se c’è qualcosa da temere, spesso sono i messaggi emotivi e verbali che diamo ai nostri figli a scatenare le loro piccole paure o gelosie.


Incoraggiare il bambino comunicando la sua fiducia sul fatto che potrà affrontare e gestire la situazione con successo, senza fare paragoni con la figlia più piccola.


Sviluppare insieme al bambino un pensiero realistico, affrontare insieme le paure del bambino esaminando il contenuto dei suoi pensieri per decidere in merito all’aggettivo pericolosità temuta.


Premiate gli sforzi rinforzando i singoli risultati, lodandolo.


Ovviamente è difficile dare una risposta esaustiva circa la problematica trattata in queste poche righe, sarebbe quindi necessario un consulto per approfondire gli argomenti trattati e avere più informazioni.


Il Dr. Orazio Danny Perna opera aiuto specialistico per qualunque situazione/problema di competenza psicologica. 


Oltre a svolgere attività di consulenza psicologica individuale e di coppia e sostegno psicologico, in presenza e in modalità telematica, si occupa di valutazioni psicodiagnostiche.


DR. ORAZIO DANNY PERNA
STUDIO DI PSICOLOGIA
perna.psy@gmail.com
Via Torre Bianca Weissenturmgasse, 6 -39042 - Bressanone - BZ - Italy

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicoterapia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

C'è uno specialista che esegue terapia psicologica online per problemi di pornodipendenza?

Ciao a tutti, io sono un pornodipendente, purtroppo è una dipendenza molto subdola e molto ...

1 risposta
Problematica scuola materna

Buonaseramia figlia di 3 anni ha iniziato quest'anno la scuola materna, è una bambina molto ...

6 risposte
guida sui viadotti

Circa due anni fa ho cominciato ad avere difficoltà a guidare, quasi dovunque. Appena salito ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.