Psicoterapia

Genitori oppressivi e con pregiudizi

Cristiana

Condividi su:

Salve, sono una ragazza di 28 anni, da un pò frequento un ragazzo che i miei genitori hanno scoperto muovendosi subito nel cercare informazioni in merito. Premetto che è un ragazzo tranquillo, poco piu piccolo di me, fa l'elettricista e lavora molto ma il suo lavoro gli piace e sta bene cosi. I miei non approvano assolutamente questo ragazzo, sia per il suo ruolo lavorativo (io studio, secondo loro non è alla mia altezza) e perchè la sua famiglia vive all'estero e da ciò che hanno saputo i miei hanno qualche problema economico, sono una famiglia modesta, ma che io sappia persone normali. Lui vivi nel mio paese da solo con la nonna, perchè ha voluto staccarsi dal nucleo familiare e tornare nella sua terra per lavorare e investire qui. Purtroppo ho avuto una storia in precedenza molto lunga, con un ragazzo che lavorava nella carpenteria e con delle problematiche un pò legate anche alla famiglia. I miei non approvano assolutamente che io frequenti un'altra persona a parere loro grezza, che non può starmi vicino, che non sa come sbarcare il lunario, loro esagerano molto, senza conoscere, solo perche la gente gli ha parlato in modo poco positivo di lui. Ad ogni modo lui con me è dolcissimo e si comporta bene, mi fa capire che gli interesso davvero, e vuole conoscermi. Una settimana fa avevo interrotto la comunicazione perchè tra le discussioni a casa e i vari pareri, ho ritenuto fosse giusto cosi...non rendendomi conto che per natura se allontano o mi impongo qualcosa, finisco per non seguire questa linea davvero, perchè sono molto testarda e se ad una cosa ci penso spesso e ho l obiettivo di testarla da me, non ascolto tutto il resto. In sintesi dopo una settimana che non parlavamo e non ci vedevamo più, gli ho riscritto, perche lo pensavo e in tutto ciò ne abbiamo riparlato. I miei non sanno nulla, secondo loro ho chiuso con questa persona, ma in realtà se non mi tolgo i miei dubbi, non chiuderò. Non so come devo comportarmi, ho fatto tira e molla, e lui si stava stancando, ma adesso sto semplicemente seguendo le emozioni, non so se faccio bene o male, mi sento di far cosi.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Cristiana. È giusto che lei sperimenti e si misuri in una relazione di questo genere, cercando di capire se possa essere l’uomo giusto per lei oppure no. È quello che si sente di fare ed è giusto che ci provi.
I suoi genitori potrebbero essere in parte oppressivi forse anche per proteggerla da un’eventuale sofferenza viste le circostanze simili a quelle della relazione precedente, con una situazione famigliare alle spalle del partner particolare. Di sicuro comunque avranno le loro ragioni per agire in questo modo.
Provi a parlare con i suoi genitori e chiedere il motivo per cui agiscano in questo modo: il dialogo è essenziale in una relazione che vuole essere vissuta senza attriti e in modo trasparente.
Se le servisse supporto e volesse approfondire maggiormente la questione, mi rendo disponibile anche online.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.

Cara,


emerge una confusione legata al parere esterno dei Suoi genitori su una sua scelta relazionale.


I Suoi genitori sembra abbiano una forte influenza su Lei.


Se vuole fare chiarezza e prendere una decisione in linea con i Suoi personali valori, pensieri, emozioni e sentimenti, è necessario che si individui, ovvero che si evolva senza dipendere emotivamente dalla loro approvazione, ad esempio, o che mitighi il tutto.


Distaccarsi dalle dinamiche familiari di origine, considerare il loro parere non come indicazione esclusiva su cosa sia giusto o sbagliato per Lei, non è cosa facile, ma neanche impossibile.


Un percorso mirato potrebbe aiutarla sia rispetto a questa relazione che alla gestione delle dinamiche familiari. E' importante vivere la vita seguendo i propri interessi, bisogni e credenze. Anche eventualmente sbagliare di testa propria affinché si cresca, si maturi e si capisca cosa fa o non fa al caso proprio.


Resto a Sua disposizione, qualora avesse necessità, ricevo anche online.


Dr.ssa Annalisa Signorelli

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicoterapia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Sesso nello studio del terapeuta

Salve, mi chiamo Francesco e da circa 1 anno sto vedendo un terapeuta e mi trovo benissimo, abbiamo ...

1 risposta
Ansia

Salve Ho 22 anni, frequento l'università e ormai da 1 anno le lezioni in DAD. Sono fidanzato ...

2 risposte
Non capisco questo momento.

Buongiorno, sono una signora di 49 anni, ho una bella famiglia con un marito e una figlia che mi ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.