Psicoterapia

Impegno simmetrico

Massimo

Condividi su:

Il mio terapeuta da 3 anni, ieri non si è presentato alla seduta prefissata!

E non mi ha neppure telefonato, preventivamente, per avvertirmi, facendomi spostare in un’altra località e differire impegni che avevo preso ecc.

Ho atteso, invano, per mezz’ora davanti al suo portone, poi me ne sono andato. Oggi mi ha telefonato per scusarsi e candidamente mi ha detto “La nostra seduta mi era del tutto passata di mente…” Ma si può? Quando mi ha salutato dicendomi “vabbè ci vediamo mercoledì prossimo” gli ho risposto “per posizione simmetrica alle condizioni di dover pagare comunque l'eventuale seduta mancata senza un minimo di 24 ore di preavviso, condizioni che Lei aveva stabilito tre anni fa (io non ho mai saltato né rinviato neppure una seduta), mercoledì prossimo io non le pagherò la seduta”.

Prima è rimasto in silenzio per alcuni secondi e poi è nata un’accesa discussione e polemica durata vari minuti.

Risultato?

Ho interrotto e concluso definitivamente via telefono la mia psicoterapia con quel “professionista”!

Ecco, la faccenda dell'”impegno simmetrico” la trovo già più ragionevole, rispetto all’obbligo solo unilaterale da parte del paziente-utente.

Ovvero: se io non mi presento alla seduta e non avverto, la prossima volta avrò l'obbligo di pagare due sedute, quindi anche quella mancata. Se invece non si presenta lo psicoterapeuta, senza aver avvertito, la seduta seguente non verrà pagata dal paziente. Personalmente la trovo un "impegno" molto sensato e ragionevole. Perchè di cialtroni totali, credetemi, è pieno anche il "vostro mondo"!

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Sig. Massimo,


è importante sottolineare che anche noi terapeuti siamo persone umane con la nostra vita, i nostri problemi e preoccupazioni. Questo, però, non esclude di scusarsi, di trovare un accordo e di parlare dell'accaduto. A me viene, però, da sospettare che il vostro lavoro terapeutico fosse in un momento critico che, probabilmente, ha portato a questa "dimenticanza" nel terapeuta. Gli atti mancati succedono nei pazienti ma....anche alle volte nei terapeuti.


Buon proseguimento.

Salve Massimo


la sua posizione è comprensibile e giusta ed anche la risposta simmetrica.


Chiaramente il collega ha avuto un comportamento non corretto.


A me è capitato (anche se molto raramente nella mia lunga carriera clinica) di avere imprevisti seri da dover spostare delle sedute in modo anticipato. In una sola occasione ho dimenticato l'appuntamento fino all'orario della seduta in cui il cliente mi ha telefonata ed allora mi è ritornato il ricordo.


Mi sono molto scusata di ciò, sono rimasta molto mortificata ed ho ricambiato con un favore professionale. Soprattutto quello di cui mi sono preoccupata è stato di non danneggiare una relazione terapeutica che è uno strumento di lavoro e di cura.


Quindi valuti quanto serve a lei questa relazione oppure quanto le serve romperla.


Mi faccia sapere. Buon prosieguo

Salve, 


Comprendo la sua frustrazione ed il disagio vissuto, la questione non è semplice, può capitare che il professionista per svariate ragioni si trovi impossibilitato a presentarsi all'appuntamento, per ragioni urgenti o imprevisti. Ogni collega ha il suo modo di gestire questo tipo di imprevisti,  Di certo non è chiaro quali sono stati gli accordi nel contratto stipulato all'inizio del rapporto professionale, anche in casi di forza maggiore. Ritengo che un modo intelligente, senza entrare nel merito delle ragioni e dei torti, sia confrontarsi col suo terapeuta, nel cercare di capire meglio la situazione e trovare assieme una soluzione adeguata, anche magari a beneficio del percorso già intrapreso. 

Buongiorno Massimo, sono d’accordo con te, vedo anche io purtroppo troppo spesso poca flessibilità e buon senso nel mondo della psicologia. 


Talvolta per seguire i protocolli, il setting e via dicendo si perde di vista la cosa più preziosa e fragile che è la relazione umana,  sia personale che professionale. 


Qualunque cosa tu scelga di fare adesso, ti auguro di trovare serenamente la tua strada. 


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicoterapia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Terapia di coppia o individuale?

Non sono in grado di valutare se io abbia bisogno di uno psicologo o di uno psicoterapeuta e quale ...

10 risposte
Come posso liberarmi da questa fobia?

Salve, sono un ragazzo di 40 anni, soffro di ansia sociale generalizzata..che mi porta a non vivere....

7 risposte
Ho bisogno di aiuto?

Vorrei fare una domanda semplice, quanto complessa. Come faccio a sapere se ho bisogno del supporto ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.