Psicoterapia

Mio figlio di 10 anni ogni giorno dice di avere dei brutti pensieri, cosa gli sta succedendo?

Rosa

Condividi su:

Buonasera,
vorrei sottoporle questo comportamento che da circa un mese manifesta mio figlio di 10 anni.
Il mio bambino è introverso, ha difficoltà ad aprirsi subito e di conseguenza non subito riesce ad instaurare rapporti d'amicizia, infatti è stato anche vittima di bullismo e sono dovuta intervenire varie volte per cercare l'aiuto delle maestre e metterle al corrente. Ultimamente man mano che cala la sera, ma capita anche nel pomeriggio, inizia a dire: “mamma ho un brutto pensiero” e l’angoscia prende il sopravvento, quasi sempre inizia a piangere.
I brutti pensieri sono ad esempio: "mamma nella mia mente immagino di aggredire qualcuno ma io non lo farei mai", sono quasi tutti pensieri aggressivi che ha, ad esempio che possa succedere qualcosa a me, o alle sorelle o che addirittura il male possa esserci fatto direttamente da lui, il tutto piangendo. Una volta che ce ne ha parlato è come se si liberasse ma il giorno dopo siamo punto e daccapo.
Cosa succede al mio bambino? devo preoccuparmi?
grazie mille

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve! Probabile che suo figlio inizi a provare delle emozioni a lui sconosciute e per dargli un senso le ridefinisce sotto forma di immagine inventata..un po' come accade nei sogni...ma la brutta sensazione lui la prova realmente, bisogna capire a quale situazione reale è associata o a che stato d'animo reale...è angosciato, ha paura di qualcosa...varrebbe la pena approfondire le dinamiche che sta vivendo in questo periodo...gli faccia tenere un diario dove poter esprimere le sue emozioni, questo potrebbe aiutarlo! In bocca al lupo!

Gentile Rosa,


dalla descrizione che dà di suo figlio capisco che sia un bambino che utilizza strategie "internalizzanti" per gestire le proprie emozioni e che probabilmente questo aspetto possa essere (purtroppo) attraente per quegli altri bambini che tendono a cercare un compagno da tormentare. 


Riguardo ai "brutti pensieri", ci sono delle maniere utilizzate in psicoterapia che possono aiutarlo efficacemente a contenerne l'insistenza e l'invadenza. Se riuscisse a contattare un buon psicoterapeuta nella sua città, sarebbe certamente d'aiuto, poiché solleverebbe gran parte del peso che suo figlio sta portando.


Peraltro tali "brutti pensieri" possono essere visti come "reazioni", che tuttavia permangono in forma di pensiero, a quanto suo figlio ha già subito e ha dovuto sopportare da parte del bullo o dei bulli che lo hanno vessato.


I bambini hanno molte risorse e basta che incontrino le giuste persone per poterne trarre beneficio immediato. Le auguro di risolvere al più presto la situazione.


Un saluto cordiale.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicoterapia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Quanto influisce l'esperienza del terapeuta nella riuscita della terapia?

Quanto influisce l'esperienza del terapeuta nella riuscita della terapia? Ho già fatto terapi ...

9 risposte
Terapia sistemico-familiare e disturbi d'ansia

Una terapia di questo indirizzo si concilia con i disturbi d'ansia? Soffro di fobia sociale, ansia ...

8 risposte
Setting terapeutico

Buongiorno sono una persona che è alle prese con una relazione terapeutica dove il setting ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.