Stress

Quando ci si trova in situazioni stressanti insorge il pianto

23 Luglio 2017

contattami

Condividi su:

È piuttosto frequente che durante un percorso di psicoterapia il paziente - dopo i primi incontri necessari alla conoscenza ed all'insorgere dell'aspetto empatico - inizi a piangere.

In genere, il pianto insorge quando si prova un dolore, derivante da qualsiasi evento, ma dal soggetto in questione avvertito come "dolore profondo", ed ha una funzione liberatoria, di purificazione attraverso una sorta di "catarsi" che poi, lentamente, imprime un nuovo significato all'accaduto.

Spesso, ogni persona, prova pudore a manifestare al mondo esterno questa "fragilità" (se tale si può definire), per quella profonda "paura di sentirsi giudicati", anche da persone vicine. In un contesto clinico, il soggetto-paziente ha la consapevolezza di essere capito e non giudicato e, quindi, abbastanza presto fuoriescono le lacrime.

Sorge opportuna la domanda: perché ogni uomo è così avviluppato nel proprio microcosmo da non consentire ad un suo simile - con cui ha un certo rapporto amicale, amoroso - l'espressione del pianto? La risposta va ricercata in quel profondo egoismo presente in ognuno e che, purtroppo, non consente l'esistenza di rapporti umani, più profondi ed allontana, sempre di più dai valori veri, quelli dettati dall'Amore che come già scrisse Dante "l'amore che move il sole e l'altre stelle". Io ho voluto affrontare il significato del pianto e non di quella semplice commozione che si può provare nel rincontrare una persona o nell'ascoltare una musica che trascina verso i ricordi del passato.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Stress"?

Domande e risposte

Rapporto madre-figlia

Salve a tutti, sono una ragazza di 22 anni e sono qui perché la convivenza con mia madre mi ...

2 risposte
Non voglio più fare questa vita ma non so come fare?

Forse questo è più uno sfogo ma ne sento il bisogno di parlarne qui perché ...

3 risposte
E' possibile ricevere aiuto dallo Stato per poter andare via di casa?

Salve. Ho 24 anni e sto vivendo gli anni più brutti della mia vita. Dato che ho sempre avuto diffic ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.