La mia sofferenza interiore

Simone

Ciao a tutti spero la mia domanda verrà presa in considerazione...
Inizio:
Sono un ragazzo di 18 anni normale come tutti gli altri ma solamente che a volte quando mi trovo con amici, familiari, persone, parenti sono con loro a divertirmi facendo battute e chiacchiere e vengo sempre interpellato così scherzo anche io, ma in quel attimo che parlano tra di loro mi viene un vuoto così forte come se ripensassi a tante cose del passato che sono successe e non dovevano succedere, come se avessi sbagliato qualcosa o mi mancasse qualcosa per far si che la mia vita e più bella, premetto che sono un ragazzo introverso con me stesso ma altruista nei confronti degli altri, quando sono solo vedo film e robe varie ma a volte piango perché non lo so e come se mi mancasse una cosa necessaria per farmi sopravvivere ma il mio dolore lo esterno da solo piangendo e dicendo dentro di me andrà tutto bene devi essere forte forse qualche situazione mi turberà non so dare una risposta a questa domanda ma so solo che mi manca qualcosa che dovrò scoprire sono stato bullizzato da piccolo alle elementari perché non parlavo mai non mi è mai piaciuto giudicare o parlare dei fatti degli altri non è che sono asociale, ma sono determinato nel mio comportamento spero troverò una persona che mi sappia dire perché ho questi sfoghi grazie

3 risposte degli esperti per questa domanda

Salve Simone,

Lei ha bisogno di tirare fuori un "mondo" che la schiaccia (anche se non è detto che sia all'apparenza così traumatico), di liberarsi, di "svuotarsi"...uno psicologo potrà sicuramente aiutarla, anche con un breve percorso. A volte non si tratta di problemi, ma di caratteristiche, cui associamo una connotazione negativa.

Nel caso in cui volesse, vista la nostra distanza, potremmo effettuare dei colloqui online.

A presto, Katia Stoico

Gentile Simone,

da come scrive mi piacerebbe sapere lei crede in sè stesso? cosa ha già ottenuto "di buono" per lei nella sua vita? si sente giudicato dagli altri?

Le consiglio di valutare un breve percorso di psicoterapia per capire cosa sta accadendo dentro di lei, quali risorse ci sono, cosa accade in riferimento al "vuoto", come si sente verso gli altri, quali pensieri ed emozioni emergono, ecc. Gli incontri sono coperti da segreto professionale e senza giudizio. Detraibili inoltre come spesa sanitaria da 730.

Le linko degli articoli scritti da me:

-https://www.psicoterapiacioccatorino.it/quando-richiedere-una-consulenza-psicologica/

-https://www.psicoterapiacioccatorino.it/terapia-individuale-minori-adulti-cognitivo-costruttivista/

-https://www.psicoterapiacioccatorino.it/aumentare-la-propria-autostima/

Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza o se volesse rispondere in privato alle domande poste.

Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino, provincia e online

Salve Simone, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stesso utilizzando parole più costruttive.

Bisognerebbe sintonizzarsi con la parte più autentica di sè al fine di poter capire quale dettaglio possa mancare alla sua vita che potrebbe renderla come desidera e, soprattutto, cosa sia necessario per poterla raggiungere.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL