Varie

Il Covid mi ha davvero distrutto la vita?

Domenico

Condividi su:

Sento di vivere come sul filo di un rasoio. Ho vissuto l'ultimo quinquennio in una situazione assurda e a peggiorare la situazione è stato il covid. Un anno fa mio padre è stato ricoverato in terapia intensiva per molte settimane, è stato un caso long covid, e questo ha segnato profondamente la mia vita. Non riesco a non ripensare continuamente quelle giornate infinite scandite da notizie di peggioramento continuo fino alle poi definitive dimissioni dell'ospedale. Da quel momento in poi la mia vita ha subito un inesorabile cambiamento, non vivo più, diffido tutti per paura di rivivere la stessa esperienza e tutto sembra remarmi contro. Pur facendo volontariato, non riesco a trovare svago neanche nelle sezioni di corsa. Sbatto continuamente in un muro di gomma, nessuno stimolo nuovo riesce a darmi conforto. Momentaneamente non lavoro, purtroppo, e spero che ogni candidatura sia quella giusta, aspetto e aspetto per poi non essere mai contattato. Sono una persona positiva e allegra caratterialmente, ma anche questa caratteristica sembra voler cambiare. Sento un peso sulle spalle che tende a schiacciarmi ed io inerme lo lascio fare. Com'è possibile che a 30 anni mi ritrovi a vivere in questo vuoto? È normale? Quando ancora è possibile resistere cosi? Grazie!

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buonasera gent.mo Domenico,


la condizione psicologica che sta vivendo è sicuramente difficile, dolorosa, faticosa e che, ci accomuna un pò tutti noi, almeno a qualche livello. Detto questo, è anche vero che ognuno di noi è diverso e quindi affronta anche un evento come la pandemia con gli strumenti e risorse a disposizione. "Normale" è, di conseguenza, un concetto relativo/soggettivo e molto ampio.


C'è comunque sempre un prima e un dopo, e in qualche modo, i momenti di maggior sofferenza sono anche quelli di maggior crescita. 


Sarebbe utile, a mio avviso, che riflettesse su cosa veramente la spaventa in questo momento della sua vita e cosa ha significato per lei il lungo ricovero di suo padre. Veda se le due risposte sono collegate, indaghi sulla paura più profonda e provi a iniziare ad affrontarla, a piccoli passi, un pò alla volta, anche solo prendendo atto di ciò che lei teme e poi, trovando possibili modi di affrontare e risolvere ciò che emerge.


Buona riflessione.


Cordialmente,


Dott.ssa Bianchini Margherita.

Salve Domenico, mi spiace moltissimo per la situazione che descrive poichè immagino la sofferenza esperita.


Mi spiace che gli ultimi 5 anni abbiano lasciato in lei delle tracce vivide ancora oggi, bisognerebbe capire cosa ha provato, cosa ha pensato e come si è sentito in queste situazioni e capire cosa le hanno lasciato e cosa ha impedito una loro naturale elaborazione.


Fa bene comunque ad inviare candidature perchè prima o poi arriverà quella giusta.


Sarebbe importante che lei possa richiedere un consulto psicologico per affrontare la situazione e per trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la spirale negativa possa irrigidirsi.


Resto a disposizione, anche online.


Cordialmente, dott FDL

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non so cosa ho

Buongiorno, vorrei esporre il mio problema che consiste in stati di confusione mentale, affaticament ...

2 risposte
Psicologo inglese

Per favore sto cercando uno psicologo clinico che parli in inglese e possa fare terapia online.

1 risposta
Credo di essere lesbica

Ciao...mi vergogno un po'...e non so se capirete bene la mia domanda perché non sono brava a ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.