Varie

Invece di vivermi una storia a 2 passi dal mio paese con una persona che mi vuole davvero bene, vado ad impegolarmi in storie impossibili

Rossella

Condividi su:

Buongiorno…Ho 25 anni, penso di essere una persona matura, mi reputo una ragazza solare, di compagnia, una buona compagna di coppia che però…tende a prendersi davvero in coppia quando il/la partener vivono lontani da me…Ho avuto una storia di 4 anni con un ragazzo conosciuto dove abito io a Brescia, che però era di origini siciliane e di conseguenza ci si vedeva una volta al mese se ci andava bene… Dopo di lui storielle di massimo 2-3 mesi perché dopo poco non mi sento stimolata… Ad ottobre sono stata in vacanza a capo verde e mi sono presa di uno conosciuto in pochi giorni…mi sento un po' ridicola..però ecco…torno a capo verde a gennaio e la cosa mi fa sentire viva, non vedo l'ora.. Però ecco mi sembra ridicola la cosa..non so nemmeno che carattere abbia questa persona, chissà quante turiste passano nel suo letto ogni settimana e io invece di vivermi una storia a 2 passi dal mio paese in provincia di BS magari con una persona che mi vuole davvero bene, vado ad impegolarmi in storie impossibili…Perché????

13 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

BUON POMERIGGIO

sono la dott.ssa filomena lopez psicoterapeuta , credo che uno non decide di chi innamorarsi , dove abita può succedere ovunque perchè non parla in modo chiara con questo ragazzo di quello che prova cosi può decidere cosa fare della vostra relazione prima di farsi domande che la portano lontano dalla realtà , comunichi con lui, poi decida , non c'è un perchè delle storie a distanza forse non vuole impegni definitivi, e più impegnativa una relazione tra persone nella stessa città che distante , credo che le risposte le troverà nel momento in cui sarà sincera con se stessa , con il tuo partner.

 

Gentile utente,

l'innamoramento può non obbedire a criteri e aspettative razionali; tuttavia in base a quanto espone sarebbe opportuno indagare come mai nelle precedenti storie sentimentali sia stato scelto un partner non troppo "vicino" o stabile nel tempo. Potrebbe esserci un bisogno di evadere da una realtà provinciale o l'influenza di fattori legati alla situazione lavorativa o di studio, ma queste sono soltanto ipotesi che possono essere avvalorate o disconfermate solo dalla valutazione professionale di uno psicologo.

Cara ragazza probabilmente le persone che la attraggono le consento di mantenere la sua normale vita senza troppi cambiamenti e messe in discussioni che un reale e vissuto rapporto di coppia comporta specie alla sua età. 

 

Buongiorno, per vivere una relazione è necessario essere pronti a mettersi in gioco e scambiare con qualcuno che è altro da noi. E nello scambio cresciamo sia come persone che come coppia e può essere che avvengano in noi anche degli spostamenti imprevisti. Questo però è possibile se la relazione è vissuta concretamente. Per mettersi in gioco e vivere una storia vera però bisogna essere pronti a farlo. Se lo siamo allora abbiamo la disposizione d'animo adatta per fare incontri con persone vicine a noi. Probabilemente Lei ha voglia di innamorarsi e provare tutte le belle emozioni associate a quello stato ma non è ancora pronta per mettersi in gioco. La distanza o gli amori impossibili ci permettono di sognare e avere a che fare con idealizzazioni evitando la realtà che è sicuramente piena di cose belle ma a volte anche molto difficile. Credo che si debba dare del tempo e magari fare un lavoro su di sè che Le permetta di conoscersi meglio e capire da dove deriva la sua reticenza a relazionarsi davvero. Per ogni dubbi mi contatti pure

 

Potrebbe essere una difficoltà ad impegnarti in una relazione sentimentale adulta che prevede responsabilità, impegno nella quotidianità e una progettualità futura....ma queste sono solo ipotesi la cosa migliore è parlarne con uno specialista si rivolga ad uno psicologo privato o a un consultorio dell' asl (c'è a Manerbio, Leno....)

Buona sera Rossella,

leggendo i suoi pensieri, mi vien da pensare che forse non è veramente interessata ad una relazione affettiva stabile.....
inconsciamente si "innamora" di uomini con i quali è difficile stabilire un contatto intimo significativo.
Molto probabilmente dentro di lei si agita qualche "impedimento" che sposta il suo interesse verso situazioni inconsistenti.
Sarebbe interessante analizzare con lei la questione....
 
Un saluto cordiale

Cara Rossella, così in maniera molto superficiale mi vien da pensare che il fascino esotico delle persone lontane ti permetta di sperimentarti senza darti vincoli di impegno. Ma ovviamente è solo una lettura leggera... se vuoi parlarne in maniera più approfondita, ti aspetto in studio!

Salve,

Questa sua "fame" di storie impossibili non è casuale ma è espressione di un moto interno alla sua "economia" sentimentale e relazionale. Il perchè sia presente, dai pochi elementi che dice, non è possibile saperlo con certezza, se non indagando più a fondo nella sua personalità. Mi permetto di consigliare un aiuto psicologico nel caso questa modalità si ripeta in modo reiterato nel tempo, arrecandole disagio. Mi permetto di farle una domanda: si chieda che cosa è, invece, che la attrae in questi incontri fugaci?

Probabilmente se sarà sincera con sè stessa, troverà ciò che vuole sapere.

Cara Rossella, la sua difficoltà probabilmente e' riconducibile ai suoi vissuti, alle relazioni con i suoi genitori o le figure significative di accudimento, il suo IO al momento non e' stabile, e' oppresso da vincoli e "chiusure" imposte dal suo contesto. Cerca sempre relazioni che Le permettano di non impegnarsi. Sarebbe molto importante inoltre poter esplorare i suoi lutti e come ha vissuto l'infanzia. Data la sua giovane età, ritengo abbia tutte le risorse e possibilità per risolvere la sua difficoltà. Se vuole fare un primo colloquio gratuito nel mio studio a Bergamo non esiti a contattarmi,

Cara Rossella,

forse ancora non hai incontrato la persona giusta, forse per il momento sono queste avventure poco impegnate a regalarti le emozioni che cerchi in questo fase della tua vita. Per valutare la presenza di una difficoltà relazionale seria avrei bisogno di altri elementi, per capire come tu funzioni negli altri ambiti della tua vita. In generale ti sei mai chiesta come ti senti quando hai vicino questi uomini? Quando finalmente li vivi e li vedi come ti senti? Desideri condividere con loro delle esperienze, aprirti, conoscerli? Ti crea angoscia e oppressione il fatto che ti possano essere troppo vicini? O semplicemente ti annoia come descrivi nella lettera? Se per te non è un grosso problema la cosa ti consiglio di aspettare e vivere serenamente questo momento della vita. Se invece vivi con difficoltà questa tua incapacità a legarti seriamente a qualcuno ti consiglio di provare ad affrontare con uno psicologo/a della tua zona la cosa e cercare di andare più a fondo alla questione. In bocca al lupo!

Cara Rossella, la domanda che ti stai ponendo è molto importante. La consapevolezza..è il primo grande passo verso un cambiamento! Ci saranno sicuramente delle ragioni importanti che spiegano e motivano questa tua scelte di relazioni a distanza, comprenderle è molto importante per cambiare e rispondere a questo tuo bel desiderio di avere un compagno che tia sia vicino. Se vuoi possiamo farlo insieme, ho uno studio a Fontanella (BG), facilmente raggiungibile anche da chi abita in provincia di Brescia, il primo colloquio è conoscitivo e gratuito. Se ti va contattami pure, un caro saluto

Cara Rossella, le domande che pone fanno emergere il suo desiderio di capirsi e di guardarsi dentro, soprattutto riguardo ad un tema così fondamentale come quello dell’amore e della relazione di coppia. Penso che la risposta si possa trovare tentando, insieme, di capire cosa la porta a scegliere relazioni da vivere prevalentemente a distanza, i significati che stanno alla base di queste modalità. Una consulenza psicologica potrebbe essere l’occasione per provare a rispondere a questi interrogativi. Se desiderasse un colloquio conoscitivo, trova i miei recapiti nel modulo contatti. Ricevo a Castel Goffredo (MN).

Gent.le Rossella,

il fatto che lei stessa si stia ponendo questa domanda significa che inizia ad avvertire che nel suo mondo di affetti c'è un qualcosa che non la soddisfa fino in fondo. Probabilmente i rapporti a distanza le permettono di non toccare delle aree emotive che sarebbero invece coinvolte in un rapporto vissuto quotidianamente. Credo che al di là del suo prossimo viaggio (su cui lei stessa ha già molte perplesità) varrebbe la penba approfondire questi aspetti, anche perchè è ancora molto giovane ed ha la possibilità di poter oinizare a costruire un rapporto stabile ed importante nella sua vita. Spero di esserle stata di aiuto con queste, pur limitate, riflessioni.

Cari sluti.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Enuresi giornaliera

Buongiorno, sono una mamma di una bimba di 6 anni e mezzo. Mia figlia fino a marzo di quest'anno non ...

4 risposte
Ho bisogno di aiuto?

Vorrei fare una domanda semplice, quanto complessa. Come faccio a sapere se ho bisogno del supporto ...

3 risposte
Mi sento sola e senza un obiettivo nella vita

Buonasera, grazie a chiunque risponderà. Scrivo soprattutto perché ho bisogno di un ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.