Varie

Questi pensieri vengono a causa del trauma?

Ani

Condividi su:

Ciao a tutti sono nuova in questo Sito. Ho una domanda e cerco qualcuno che mi possa aiutare. Ho 22 anni e due anni fa sono stata quasi violentata sono riuscita a scappare. Dopo ciò me la sono vista abbastanza brutta tra incubi e paure varie, ma sono riuscita a riprendermi la mia vita anche grazie ai miei genitori e amici. Quest anno hanno trovato il mio carnefice e io sono andata a testimoniare contro di lui. E`stato orribile perché mi hanno chiesto ogni particolare e ho pianto davanti ai giudici perché il ricordarmi mi distruggeva. Due Settimane dopo la testimonianza ad un tratto di notte mentre stavo per addormentarmi mi sono apparse immagini orribile e una paura tremenda di poter far del male alla mia gattina che amo all´infinito e che proteggerei da tutti con tutta me stessa. Erano cosi orribile che ho incominciato strillare a piangere a chiudermi nel bagno per paura di poter farle veramente del male. Ora questi pensieri vanno avanti non mi lasciano tregua e io sto malissimo. Qualcuno sa cosa possa essere? se vengono a causa del trauma? e come ne posso uscire?

10 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara

Purtroppo nella tua lettera mancano molti elementi per cui è molto difficile azzardare qualsiasi tipo di ipotesi. Ad esempio mancano dati su come sei riuscita a riprenderti la tua vita, cosa è accaduto in questi due anni e se oltre ai tuoi genitori e amici hai consultato uno specialista e hai intrapreso un percorso psicoterapico di elaborazione del tuo vissuto connesso alla tentata violenza.

Avere accanto tante persone che ti amano non sempre è utile per affrontare situazioni tanto complesse come quella che hai sperimentato. Questo per svariati motivi. Alcuni di questi possono riguardare i tuoi genitori come ad esempio la paura che ti possa accadere di nuovo una situazione del genere; il senso di colpa per non essere stati “genitori attenti”; l’impotenza di fronte al non riuscire ad aiutare la propria figlia abbastanza; l’iperprotezione; la rabbia; la tristezza e chissà quant’altro ancora. Rispetto ai tuoi amici può esserci ad esempio la tendenza a distrarti dai pensieri e dagli incubi o al contrario a parlarne “troppo”. In ogni caso ti potrebbe capitare la sensazione di non sentirti compresa appieno rispetto all’esperienza vissuta e sperimentare un senso di solitudine. Potrebbe essere utile “Parlare” o meglio affrontare la situazione con un esperto che possa prendere in carico anche la tua famiglia per orientarla sulle reali possibilità di aiutarti nel modo più adeguato rispetto anche al tuo ciclo di vita di giovane donna.

Non si comprende cosa tu intenda quando dici “sono riuscita a riprendermi la mia vita” e quanto tu abbia potuto rielaborare i tuoi vissuti emotivi rispetto alla sessualità e alle relazioni sentimentali e il peso di aver “dovuto subire” una tentata violenza. Non si parla della tua eventuale “rabbia” naturalmente fisiologica o della tua paura. Ci sono i tuoi incubi a parlare, ad esprimere emozioni che razionalmente non riescono ad emergere. C’è la tua gattina, piccolo soggetto neutro, su cui convergono tutte le tue emozioni negative approfittando di un momento in cui le tue difese sono più basse (di notte mentre stavo per addormentarmi).

Ti consiglio di non sottovalutare quello che ti è accaduto e di affrontarlo con l’aiuto di esperti che possano realmente aiutarti a superare il dramma che stai ancora vivendo. Parlarne con i tuoi familiari o con i tuoi amici non basta. Loro, con il loro affetto, rappresentano sicuramente una rete di supporto efficace ma non possiedono gli strumenti e le tecniche per consentirti di “uscirne”.

Gentile Ani,

dal suo messaggio credo di comprendere che l'esperienza traumatica che ha vissuto due anni fa si sia riattivata con un potente sentimento di angoscia correlata sicuramente dal dover portare questa sua dolorosa testimonianza davanti ai giudici in tribunale. Durante la notte i  "pensieri terribili" relativi all'aggresione si sono poi ripresentati sotto forma di attacco di panicio proiettati sulla sua gattina a cui lei è molto legata.  Da quello che posso cogliere dal suo scritto credo che per lei potrebbe essere  di grande aiuto consultare uno specialista per cercare di meglio elaborare e dar voce a questa sua esperienza per poter davvero riprendersi appieno la sua vita.

Cordialmente

Gentile ragazza,

questi pensieri potrebbero essere legati all'evento traumatico subito e/o ad altro ancora che, tuttavia, non emerge nel suo racconto.

Un consulto online è, tuttavia, insufficiente: come mai non ha pensato anche prima di rivolgersi ad uno psicoterapeuta?

Se lo ritenesse opportuno, può contattarmi per un primo consulto presso una delle seguenti sedi: Napoli (Soccavo), Pompei e San Giuseppe Vesuviano.

Un caro saluto

Cara Ragazza di 22 anni, i sintomi che lei descrive fanno parte di una sindrome post traumatica da stress ma credo che nel suo caso questa reazione sia dovuta a qualcos'altro, qualche cosa che questa esperienza ha riattivato in lei e sta tentando di riemergere, ce lo dimostra il fatto che si sono ripresentati dei sintomi che sono peggiorati. Le consiglio di andare da uno Psicologo perchè questo genere di problematiche si passa da periodi in cui i sintomi non sono presenti a periodi nei quali i sintomi ritornano; quindi, è difficilmente superabile da soli. Le porgo i miei saluti. Cordialmente.

ciao Ani, innanzitutto voglio dirti che mi dispiace tantissimo per quello che ti è successo. Credo tu abbia sviluppato un disturbo post traumatico da stress in seguito all'evento, da qui, incubi, paure e credo, anche se sono poche le informazoni che ci hai dato e sarebbe importante approfondire, tu abbia cercato di scacciare via dalla mente quest'evento,reprimere le emozioni, e stare lontana da tutto ciò potesse riportarti alla mente l'accaduto. Ecco perchè nel momento in cui hai visto il carnefice e hai testimoniato, tutte le emozioni che portavi dentro di te e che reprimevi con tanta forza sono venute fuori in questo modo così intenso, e la mancanza di strategie di contenimento e di regolazione di queste intense emozioni ti ha portato ad avere questi pensieri che sono correlati alla violenza che tu stessa hai subito, nonostante tu sia riuscita a scappare, è pur sempre una violenza.

Io ti consiglierei di iniziare un percorso terapeutico, ne hai bisogno, per liberarti in maniera adeguata di questo grande peso che ti porti dentro... 

Per quanto riguarda i tuoi pensieri sulla tua gattina, stai tranquilla, si chiamano pensieri intrusivi, e non portano a mettere in atto ciò che pensi.

In bocca al lupo.

Dott.ssa Rita Messini Latina (LT)

Salve in merito a quanto da te raccontato, la tua storia è triste e dolorosa, quindi ricordarla per te non è facile è normale. Potresti rivolgerti privatamente ad un collega della tua città e in un percorso personale, dove la tua privacy è protetta e puoi sentirti accolta e sicura di parlare liberamente, puoi affrontare i ricordi per te dolorosi e dargli un senso, che ti aiuterà ad elaborarli e a gestire i tuoi pensieri in maniera diversa. Spero di esserti stata di aiuto, cordiali saluti.

Dott.ssa Federica Iesce Benevento (BN)

Cara Ani, la tua reazione a questa spiacevole disavventura rientra nella sintomatologia tipica del disturbo da stress post traumatico. Ovviamente, non è possibile fare una diagnosi per via telematica, ma potrebbe insorgere in te una difficoltà che potresti invece affrontare serenamente seguendo una psicoterapia. Accolgo la tua preoccupazione, ma non ti spaventare per quello che ti accade; piuttosto cogli questa richiesta di aiuto da parte del tuo inconscio, per cui hai una soluzione, appunto la terapia psicologica.

 

Cara Ani, la sua vicenda è molto toccante. Purtroppo, non accade di rado che esperienze come quella che ha vissuto lascino come "traccia" i pensieri che descrive. Quindi si, possono essere legati al tentativo di violenza. E' stata molto coraggiosa ad affrontare la vicenda dal punto di vista legale e, se sente di essere pronta, potrebbe cominciare ad affrontarla anche sotto un piano diverso. Le consiglio di rivolgersi ad uno psicologo o ad uno psicoterapeuta per iniziare, con la dovuta cura, un percorso di elaborazione sotto la guida di uno specialista. Puo' rivolgersi allo psicologo dell'ASL (consultorio familiare), dove i costi sono più accessibili, oppure privatamente ad un professionista.

In bocca al lupo.

Salve Ani, la situazione che lei descrive sembra rientrare in un quadro da stress post-traumatico. Ansia,  insonnia, incubi, sogni angoscianti, sensi di colpa sono i sintomi ricorrenti nel disturbo. E poi, l'intrusione nella mente di fantasie e pensieri disturbanti, apparentemente senza senso, bizzarri. Le consiglio una psicoterapia che possa aiutarla a comprendere cosa le sta succedendo e a decifrare quelle fantasie che apparentemente sono così prive di senso. Ha avuto il coraggio di andare in tribunale a denunciare il suo carnefice, non è stato facile per lei, come scrive, rivivere fin nei minimi particolari ciò che era successo. A mio parere potrebbe fare anche un passo in più: richiedere una valutazione psicodiagnostica (si può rivolgere alla sua ASL) che attesti lo stato traumatico. Poi, iniziare la psicoterapia e richiedere al giudice, se non l’ha già fatto, di addebitare i costi a chi ha deciso un bel giorno di trasformarsi in un animale. Coraggio!  

Buongiorno, 

da quello che scrive pare ci siano alcuni sintomi del disturbo post-traumatico da stress, ma anche una forma di identificazione con l'aggressore. Normalmente in questo tipo di traumi, da parte della vittima, c'è un senso di derealizzazione (distacco dalla realtà)  o l'amnesia dissociativa, che causa difficoltà a ricordare l'evento oppure incubi notturni relativi alla scena del trauma. Per questi sintomi trova molto materiale su internet e personalmente ho dedicato una pagina sul mio sito (http://www.psicoverona.it./index.php?page=pensieri-ossessivi).

L'azione di reiterare la scena traumatica su un oggetto o su un animale o in un disegno è un processo naturale del trauma, ma normalmente si riproduce la stessa scena (in questo caso la violenza sessuale). Quando invece le emozioni provate: impotenza, paura, rabbia, vulnerabilità, senso di minaccia alla propria integrità fisica, si trasformano o si canalizzano in aggressività (in questo caso verso ciò che ama, la sua gattina) allora è il caso di iniziare un percorso di psicoterapia da uno psicoterapeuta della sua zona che lavori specificatamente sul trauma con l'obiettivo di elaborare il trauma e le sue componenti.

Spero di esserle stata utile.

Buona giornata.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come gestisco la enuresi secondaria diurna e notturna?

Buona sera, mia figlia ha tre anni e mezzo; a due anni ha tolto il pannolino di giorno e sei mesi ...

0 risposte
NON MANGIA ALL'ASILO

Buongiorno, mi rivolgo a Voi perchè non so più come comportarmi. Mio figlio non &egrav ...

1 risposta
Controllo dello sfintere con grande difficolta'

Ho un bimbo di tre anni che si rifiuta categoricamente di recarsi in bagno per scaricarsi. Lui ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.