Ansia

Ho delle crisi di pianto continue

Susy

Condividi su:

Salve dottori, sono una ragazza di 20 anni. Da due anni frequento l'università, e durante la fine del primo anno ho iniziato ad avere delle crisi di ansia. Mi si manifestano con un pianto continuo. Finito il primo anno volevo lasciare per questo motivo, ma per fortuna ho proseguito. Inizio del nuovo anno scolastico ogni qual volta io arrivi all'università non vedo l'ora di tornare a casa ( premetto che studio a Roma e sono uno studente che viaggia, non ho casa a Roma). Ora che si avvicinano gli esami ho in continuo delle crisi di pianto continue in quanto ho il terrore di essere bocciata e di deludere i miei genitori. Il mio ragazzo che spesso è fuori per lavoro è al corrente di questa mia situazione, mentre i miei no. Una delle cose che mi fa più soffrire è proprio la lontananza da lui, e quando parte e io sono all'università a volte si ripresentano le crisi. Vorrei tanto che mi aiutaste a risolvere questa situazione, anche dandomi dei semplici consigli mi sareste di molto aiuto! Vi ringrazio anticipatamente. Susy

11 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Susy, 

nel suo racconto sembrano emergere due ragioni che lei associa ai vissuti d'ansia : da una parte il timore di essere bocciata agli esami e di deludere i suoi genitori, dall'altra la lontananza del suo fidanzato. Credo che le due questioni vadano considerate come connesse e che esplorare i possibili elementi di connessione possa essere un punto da cui partire per riflettere su ciò che sta accadendo. Dice che le crisi d'ansia sono iniziate verso la fine del primo anno di università: cosa è avvenuto in quel periodo? Riesce ad individuare un evento particolare, un cambiamento importante, magari nella relazione con il suo fidanzato o i suoi genitori? Mi sembra che lei sia molto motivata a continuare il suo percorso di studi e a questo proposito penso possa essere molto utile esplorare meglio il significato di questi vissuti d'ansia.  Per qualsiasi dubbio, domanda, chiarimento o approfondimento può contattarmi tramite questo portale.

Cari saluti.

Buongiorno Susy, come già risposto da molti colleghi, ciò che la sta facendo soffrire in questo momento, non è risolvibile con dei semplici consigli. Sembra emergere un problema sia con la lontananza ma anche con la paura di deludere un esterno significativo. Questo porta anche ad ipotizzare alcune criticità tra cui un basso livello di autostima. Naturalmente, il tutto è collegato dalla sua coerenza emotiva e dai suoi attributi di significato che, entrambi, sarebbero da esplorare all'interno di un percorso di psicoterapia o, almeno, di consulenza psicologica. Nel caso ci fossero difficoltà economiche, non esiti a rivolgersi alle strutture pubbliche dove, anche se per problemi di "quantità" e di liste di attesa, forse non potrebbe essere seguita settimanalmente, ma potrebbe essere un inizio. Un primo passo per cominciare a cambiare la rotta che sta seguendo in questo momento ma che sembra non garantirle una qualità di vita apprezzabile. L'unica altra cosa che mi sento di poterle dire, è di riflettere sulla sua motivazione interna. In questo momento quanto ha voglia, realmente, che ciò che la fa star male cambi? Quanto (di fatica emotivo-cognitiva) sarebbe disposta a mettere in gioco pur di cercare di sentirsi meglio e con una immagine di Sè più soddisfacente? Buona fortuna.

 

Cara Susy, alla tua età (post-adolescenza) a volte possono venire delle crisi di ansia dovute a svariate  concause che vanno meglio analizzate ed approfondite.

La paura di non riuscire nel raggiungimento dei propri obiettivi, di non essere accettata, di non sentirsi amata, paura di separarsi dalle persone e dai luoghi cari.... sono tutte (o alcune) situazioni  che ti procurano stati emozionali  che non sempre riesci a gestire con modalità adeguate. Stai attraversando un periodo di stress psico-fisico, ti consiglio, pertanto, di iniziare un percorso di psicoterapia che ti possa aiutare a prendere consapevolezza delle tue attuali crisi di pianto e quindi a meglio affrontarle, gestirle  e a superarle.

Parlane con il tuo medico curante affinché ti possa indicare il professionista più adatto (ASL o privato)  che si trovi nella tua zona territoriale.

Con i miei migliori auguri e un cordiale saluto.

Buonasera Susy, le crisi di pianto alla fine dell'università sono cominciate in concomitanza di qualche evento? 

Quello che lei riporta sembra legato ad un'ansia da prestazione visto che ammette la paura di deludere i suoi genitori.

La vicinanza del suo fidanzato o di una persona cara è rassicurante in una situazione di ansia e preoccupazione ma quello che è importante capire è se questo percorso universitario davvero la soddisfi o se è una cosa che ha scelto per idea di qualcun'altro. L'università è un momento importante nella vita in cui ci si dà la possibilità di fare un percorso che possa essere scelto e piacere. Se questo non accade può essere utile prendersi del tempo e valutare cosa fare. L'università è l'unico posto in cui ha questi attacchi d'ansia?

Le consiglio di parlarne con un professionista in modo che possa riconoscere l'evento che le causa questo stress, imparare a gestirlo e agire in una direzione che possa rassicurarla e aiutarla in una scelta che sia consona a ciò che sente in questo momento.

Salve Susy. Sarò molto breve.

E' necessario che tu ti faccia aiutare da una persona competente, anche per pochi colloqui, giusto per inquadrare la situazione, e poi decidi se vuoi continuare.

Al momento il suggerimento che sento di darti, è quello di chiedere al tuo ragazzo di sostenerti in questo periodo sul piano verbale/dialogico: l'affetto sincero che puoi riceviere da lui penso sia insostituibile. Salvo che le crisi di pianto non provengano dalla vostra relazione!

Resto a disposizione.

Cara Susy, l' unico consiglio che posso darti per iscritto è quello di iniziare un percorso di psicoterapia strategica breve. So che sei una studentessa e che quindi hai difficoltà economiche, ma la salute viene prima di tutto. Parlane con i tuoi genitori e se decidi, contattami così ti fornisco indicazioni precise su a chi rivolgerti. Dopo 7-8 incontri inizierai a stare già molto meglio.

Cari Saluti

Gentile Susy,  sarò franco nel dirle che dubito possa ricevere  dei semplici consigli atti a risolvere definitivamente la sua situazione. Un percorso di psicoterapia invece potrebbe essere il più grande investimento e la soluzione più efficace! Le dico ciò non perché voglio spingerla nello studio di qualche mio collega, ma perché in un contesto terapeutico potrà approfondire i temi necessari ad una giusta valutazione e al raggiungimento di obiettivi per ora poco chiari. Ci dice che non vuole deludere i suoi genitori e che la paura di  non superare gli appelli previsti nell'anno in corso sembrerebbe più invasiva...i temi sono molto più numerosi e solitamente concatenati! Ritengo che parlare con i suoi genitori sia un consiglio che certamente troverà il consenso di molti miei colleghi, ma non dimentichi di prendersi cura del proprio malessere, quindi cerchi uno psicologo psicoterapeuta nella zona a lei più comoda, potrebbe essere specializzato in psicoterapia sistemico relazionale o in cognitivo comportamentale entrambi gli approcci conducono a risultati eccellenti! In ogni caso non è determinante l'approccio l'importante è non indugiare! Buon lavoro 

Cara Susy,

non è così semplice attraverso dei semplici consigli risolvere delle crisi, come tu le chiami, che possono avere radici profonde, piantate su dinamiche familiari che si riproducono da anni.

Da quanto scrivi mi sembra chiaro che la paura di non superare gli esami sia legata al timore di deludere i tuoi genitori. Possiamo pensare che siano eccessivamente richiestivi? Cosa accadrebbe se tu deludessi i tuoi genitori? Come mai puoi parlarne liberamente con il tuo ragazzo, mentre non puoi rivelare questo tuo disagio a loro?

Sarebbe importante conoscere la tua storia di vita, il rapporto che hai avuto con tua madre e tuo padre e altre informazioni che potrebbero essere utili per definire un quadro più preciso e dettagliato.

Una cosa che puoi tenere in considerazione, oltre a rivolgerti ad un terapeuta se il tuo disagio permane, è che soddisfare le aspettative degli altri può distoglierti dal dare una direzione autonoma e libera alla tua vita.

Cara Susy,

da quanto dici posso comprendere benissimo le tue difficoltà. L'ansia può essere considerata come un segnale di allerta, che ci indica che c'è qualcosa che non va nella nostra vita: rifletti su quello che vuoi, su quello che ti manca. Potresti ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta che sappia darti i giusti consigli per affrontare le tue crisi ed evitare il loro ripresentarsi, in modo da permetterti di riprendere in mano la tua vita.

In bocca al lupo!

Buongiorno Susy,

è difficile poterle dire come gestire le sue crisi di ansia e pianto, senza comprendere meglio da cosa sono provocate e del perché della loro insorgenza. L’ansia è infatti un’emozione che va ascoltata e compresa, è un segnale che ci vuole avvertire di prendere consapevolezza di noi stessi, della nostra vita, dei bisogni che forse non ci stiamo riconoscendo e soddisfacendo, delle mancanze che neghiamo, di conflitti che non vediamo o che crediamo di non saper affrontare e tanto altro ancora.. Il timore di deludere.. il bisogno di approvazione e accettazione altrui.. sono altri tasti delicati, a cui occorre prestare tempo e considerazione. Hanno tutti un loro significato e motivo di esistere. Forse, anzi sicuramente, però ci sono modalità più flessibili e migliori di raggiungere il proprio benessere e questi bisogni interiori, senza arrivare alla dis-regolazione emotiva.

Le consiglio di intraprendere un percorso di consapevolezza e scoperta interiore, che l’aiuti a dare un senso a tutto ciò che sente e prova, per poi apprendere una sua propria modalità (personalizzata su di lei) di reagire agli eventi.

Noto che è distante dalla mia zona di lavoro, quindi dovrebbe ricercare qualcuno che operi nel suo territorio. In alternativa, se volesse contattarmi, offro la possibilità di consulenze tramite skype.

Un caro saluto.

Ci sono tanti elementi che la portano a sentirsi vulnerabile: lontananza da casa e dalla famiglia, lontananza dal ragazzo,  ritmi da pendolare, una nuova fase di vita con l'università. L'ansia è per la paura di fallire probabilmente, la tristezza potrebbe essere conseguente rispetto al fatto di sentirsi non in grado di farcela da sola o, semplicemente, rispetto a una sgradevole sensazione di solitudine che sta vivendo.

Bisogna vedere se ci sono elementi che la sostengono e la motivano a continuare. Almeno le piace ciò che studia? Quello potrebbe essere una risorsa. Deve trovare qualcosa che le piaccia autenticamente per andare avanti.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Disturbo d'ansia e problemi di coppia

Buongiorno, il mio al momento ex compagno soffre di disturbo d'ansia generalizzata, che gli causa ...

3 risposte
Attacchi di ansia

Buonasera, da un pò di tempo mi capita di non riuscire a respirare, mi manca l'aria, seguito ...

6 risposte
ENURESI

Buongiorno, mia figlia di 13 anni spesso si fa la pipi addosso. Sembra che non riesca a trattenerla ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.