Ansia

Non riesco a stare più bene

Alessandra

Condividi su:

Salve, sono una ragazza di 21 anni e sono mesi ormai che sto malissimo, passo intere giornate a piangere e non so proprio cosa fare nella vita.
Frequento il secondo anno di laurea in lettere moderne ma sono intenzionata a mollare dato che non voglio fare l'insegnante ma soprattutto perché è una facoltà che non dà tanti sbocchi lavorativi.
Perciò sto pensando di provare i test per infermieristica non perché mi piaccia davvero ma soltanto per avere un posto sicuro dato che anche mia sorella è infermiera e lavora anche se a suo parere dovrei continuare con lettere.
Ora non so davvero cosa fare dato che non mi piace nulla, non ho mai avuto passioni e ultimamente va sempre peggio, anche le cose che prima amavo ora non mi fanno più effetto.
Come posso uscire da questa situazione?

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Alessandra,


cosa è capitato da qualche mese a questa parte? Ha vissuto dei cambiamenti importanti?


Come mai nel tempo ha cambiato gusti nel suo percorso di studi? Con la laurea in lettere , inoltre, non c'è solo la strada dell'insegnamento! Cosa le crea paura?


Se però ha delle sue motivazioni non ci sarebbe niente di male nel voler cambiare la propria strada. Vorrei solo farla riflettere, lei dice di star valutando infermieristica. A lei però piacerebbe questo lavoro? Si sentirebbe realizzata come persona?


Vorrei che ragionasse bene sul tipo di lavoro perchè il lavoro, come anche lo studio, occupa la maggior parte del nostro tempo di vita e quando è possibile scegliere o entrare nel "proprio" mondo è una gran fortuna e una grande e importante conoscenza anche personale.


Non giudichi in negativo per questo momento di messa in discussione personale e in alcune scelte di vita. Può capitare e anzi è un quando succede, fermarsi un attimo e riflettere nel modo più opportuno possibile.


La sua famiglia le è vicino in questo momento? Come sta provando a risolvere i suoi dubbi? Ha già provato dirsi quale lavoro la farebbe sentire realizzata?


Le consiglio, inoltre, di valutare un percorso di supporto psicologico dove in un luogo neutro, senza giudizio e coperto da segreto professionale potrebbe provare a: imparare a no giudicarsi in negativo, a trovare le sue risposte interne, a tirar fori il coraggio di portare avanti la strada che potrebbe piacerle di più, rovere a capire cosa può aver creato questo senso di disagio e di "Mancanza" di obiettivi.


Resto a disposizione per domande, richieste, informazione e/o eventuale consulenza.


Dr.sa Federica Ciocca 


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo: Torino, Collegno e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ansia per colpa del rossore al viso

Buongiorno sono una donna di quasi 45 anni e soffro di saltuari stati di ansia dovuti al rossore del ...

4 risposte
Non riesco a lavorare per ansia

Buongiorno,Ho un problema di ansia, ansia anticipatoria, ansia sociale, agorafobia, attacchi di ...

4 risposte
Depersonalizzazione: non riesco a capirne la causa

Buonasera, mi chiamo Elena, ho 21 anni. Dopo molto tempo che non mi ricapitava, stasera, mentre ero ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.