Ansia

Paura di pensare

Pauline

Condividi su:

Buona sera,
Ho deciso di richiedere un consulto su questo forum perché fino ad ora non ho riscontrato alcun problema analogo da parte di altri utenti.
È difficile riuscire a descrivere le sensazioni che provo e che ormai mi sembrano insostenibili.
Da circa un mese e mezzo nutro una grande paura nei confronti del mio pensiero.
Non riesco più a vivere serenamente, nonostante lo desideri con tutto il cuore.
Non si tratta di pensieri negativi che non riesco a scacciare, non c'è niente nel mondo esterno che giustifichi questa mia paura, potrei vivere molto tranquillamente e invece mi trovo a fare i conti con questo enorme conflitto interiore.
È come se un giorno mi fossi accorta che noi non siamo altro che pensiero, che tutta la nostra vita di fatto è legata alle elaborazioni del nostro cervello, perché in fondo è quello che siamo, pensieri, idee, ragionamenti, reazioni al mondo esterno, tutto avviene nella testa e così vale per la nostra stessa coscienza, siamo perennemente legati a questo flusso di parole/coscienza da cui non possiamo staccarci mai se non quando ci addormentiamo.
Non avrei mai voluto rendermi conto di questa "fregatura", adesso mi sento imprigionata dentro me stessa e temo di non riuscire più ad adottare la prospettiva più giusta e umana/normale con cui ho felicemente affrontato la vita fino a poco tempo fa (ho 23 anni).
È come vivere con una sconosciuta, vorrei scappare da me stessa, ho paura di rimanere da sola, di andare in giro da sola e di poter perdere il controllo dei miei pensieri (e al tempo stesso, paradossalmente, me ne sento intrappolata).
Non sono mai stata così male.
E non si tratta neanche di attacchi di panico, anche se la situazione ovviamente mi crea una certa ansia e angoscia, ma è piuttosto una consapevolezza costante.
Tendo ad immaginare graficamente i miei pensieri/ragionamenti nella testa, come se fossero scritti.
È come se non sapessi più come pensare in maniera normale.
Non so davvero come uscirne e ho paura che la situazione possa peggiorare, è una sofferenza continua.
L'unico sollievo a questo mio tormento è esternare il mio pensiero (qualsiasi esso sia) con la voce, quindi parlare oppure cantare; per lo stesso motivo preferisco leggere a voce alta, mentre leggere a bassa voce mi spaventa.
Solo così sento di avere i pensieri/le parole sotto controllo.
Tutto questo mi sta portando ad una sorta di avversione verso me stessa / perdita di identità perché ormai mi considero più come "cervello" piuttosto che nella mia totalità.
Vi chiedo gentilmente un parere e un consiglio sul percorso da intraprendere per provare a risolvere questo mio problema.
Vi ringrazio infinitamente.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Pauline, mi ha sinceramente colpito quello che scrive e vorrei rassicurarla che la realtà esiste ed esiste il pensiero, incarnato nel nostro sistema nervoso per mezzo del quale, attraverso gli organi di senso percepiamo questa realtà. Tutti gli esseri viventi percepiscono la realtà tramite organi di senso ed è in base a questa percezione che il sistema nervoso centrale formato dal cervello che riceve informazioni tramite i nervi da tutto il corpo si costruisce una mappa del mondo che lo circonda per potersi muovere correttamente in esso. Come ci appare il mondo dipende dalla sensibilità nei nostri organi di senso: è per questo che lo stesso “prato” appare di colori diversi a un’ape, un gatto ed un essere umano, perché i rispettivi organi visivi sono sensibili a parti diverse dello spettro di luce … ma il prato c’è, solo che lo percepiamo in modi diversi.


Per noi esseri umani poi, la cosa è ancora più complicata perché il nostro sistema nervoso si è molto evoluto ed è diventato molto complesso. Abbiamo un cervello che produce pensieri, emozioni, sensazioni esterocettive cioè che provengono all’esterno (suoni, contatti sulla pelle, vista …) ed interocettive cioè che provengono dal nostro corpo (temperatura del corpo, pruriti, tensioni, dolori,rumori corporei come i gorgoglii dello stomaco e dell’intestino ecc.). Il nostro cervello è così evoluto che può diventare consapevole della sua stessa attività di pensare e provare emozioni. Ci sono attività, come la meditazione che aiutano a sviluppare e migliorare questa consapevolezza, utile per cogliere in ogni situazione quanto il mio modo di vedere la situazione condiziona il mio modo di reagire ad essa. Mi sembra che lei sia diventata consapevole, in modo spontaneo a tutta questa situazione che è assolutamente normale, com’è normale che a volte certi tipi di consapevolezza possano provocare all’inizio un po’ di turbamento.


Se le piace leggere potrebbe cercare qualche libro divulgativo su come funziona il nostro sistema nervoso centrale o di psicologia … a me viene in mente come autore Oliver Sacks un neurologo di fama internazionale che ha trasformato in racconti/romanzi casi clinici da lui seguiti mettendo in evidenza come la percezione della realtà di questi pazienti fosse influenzata dallo stato del loro sistema nervoso (da un suo romanzo è stato tratto il film “Risvegli”).


Se la sua situazione di turbamento dovesse persistere ancora per dei mesi e/o sfociare in sensazioni sgradevoli di estraneazione dalla realtà e/o da sé stessa si rivolga ad uno specialista psicologo/a per approfondire meglio la situazione.


La saluto cordialmente.

Si può trattare del fenomeno della dissociazione. Sarebbe molto interessante fare tutta una serie di domande per fare una valutazione


più approfondita per questo consiglio di poter iniziare un percorso da un professionista che possa fare una buona valutazione. Consiglio un terapeuta EMDR practicioner che puoi tranquillamente trovare nella tua città basta vedere nel sito. E' vero che noi siamo come anche come ragioniamo "cogito ergo sum". Sulla base dei nostri ragionamenti che possiamo farci molto male, intrappolarci in modo disfunzionale, così come stai sperimentando. Per certi versi sei riuscita a capire il lato pericoloso di questa funzione, e questo è un bene, ma ne sei rimasta intrappolata, e questo è un male. La paura è solo una conseguenza.Una piccola e semplice strategia iniziale è quella di rimanere assolutamente ancorata alla azione presente, a ciò che devi fare lel quotidiano, riducendo il pensiero ai minimi livelli e ancorati alla realtà contingente. 


Ma credo sia utile che lo faccia inizialmente con uno psicoterapeuta.

Buongiorno, trovo molto profonde le sue riflessioni . La coscienza é un flusso - é giusto quanto dice- ma non solo di pensieri, ma anche di altri contenuti che per lo più derivano dal nostro corpo, dal nostro cuore e dalla nostra anima, non solo dal cervello. 


Vi é un epigramma cinese che indica la simultaneità della crisi e dell’opportunitá. É quello che le auguro: che da questo momento d’ombra possa maturare un’opportunita Evolutiva. Come consiglio, per rispondere alla sua domanda, mi sentirei di dirle una psicoterapia transpersonale. Non perché sia il mio approccio. Non voglio tirare l’acqua al mio mulino, per così dire. Non l’ho mai fatto rispondendo a questo forum, ma perché mi sembra che potrebbe veramente aiutarla a trovare quanto stia cercando. 

Cara Pauline,


la psiche a volte , può giocare brutti scherzi, soprattutto quando ci si sottoponga a livelli di stress  molto elevati. Sicuramente , quella che sta attraversando rappresenta una esperienza limite e andrebbero indagate al più presto e con cura le motivazioni che possono avere influito sulla eziologia del disturbo che accusa. Lei stessa è certa- quasi sicuramente non sbagliando - non si tratti di un disturbo d'ansia anche se, sicuramente quest'ultimo sintomo, ne può essere conseguenza . Non è certo possibile ipotizzare diagnosi via mail, se non in un modo assolutamente generico che potrebbe peraltro rivelarsi inadeguato. Sarebbe necessario comprendere , analizzando con cura i suoi trascorsi di vita e le esperienze attuali , nonchè la sua vita onirica, cosa intenda trasmetterle attraverso questo sintomo , il suo sè , ovvero la parte più profonda del suo inconscio. Potrebbe trattarsi di qualcosa del suo passato che non è stato sufficientemente elaborato  e digerito o più semplicemente della  fragilità della sua struttura emotiva, che andrebbe rafforzata attraverso un buon percorso psicoterapeutico , che sarebbe in ogni caso consigliabile . 


Cordiali saluti.


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Consulto su una diagnosi

Salve, poco tempo sono stato al CSM a una seduta con uno psicologo e un neuropsichiatra al termine ...

4 risposte
Figlio 12enne

Buongiorno sono una mamma separata di un ragazzino di 12 anni. Mi dice di odiarmi. È un bambi ...

7 risposte
Ansia o altro?

Buongiorno a tutti sono qui per esporre il mio problema e sperare di trovare una via di uscita.Allor ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.