Attacchi di panico

E' un approccio corretto per combattere gli attacchi di panico?

ALESSIO

Condividi su:

Buonasera, sono un ragazzo di 27 anni con un rapporto complicato con mio padre, i miei si sono separati che io avevo 5 anni e sono cresciuto senza il minimo affetto paterno, anche se ho sempre mantenuto un minimo di rapporto, negli ultimi anni a causa dei vizi dell'alcool e del gioco mio padre ha accumulato molti debiti e non sembra più in grado di autogestirsi quindi ho avviato una pratica di amministrazione di sostegno. Io inoltre ho un lavoro da circa 6 anni e a parte un po' di frustrazione non mi ha mai creato particolari problemi, per quanto sia abbastanza un lavoro stressante e di responsabilità. Per finire ho una relazione da circa 3 anni e mezzo e che negli ultimi tempi si è assopita in una volersi bene e aiutarsi reciproco senza amore e da agosto 2015 senza sesso, per quanto ci vogliamo un bene incredibile. Ora arrivo al dunque, a dicembre mentre ero in macchina che mi recavo da mio padre con ennesimi problemi e a una settimana dall'udienza per l'amministrazione di sostegno, ho avuto un attacco di panico ed essendo solo in auto dalla paura ho chiamato il 118 e sono stato portato in ospedale dove dopo aver constatato che “fisicamente“ non avevo niente mi hanno malamente invitato a calmarmi etc finendo per somministrarmi un calmante, dopo lo shock dei giorni seguenti, mi sono lentamente ripreso e ho evitato di vedere mio padre, di comune accordo con lui, dopo 3 settimane 1 mese senza attacchi di panico pensavo di essere “guarito“, finchè un giorno particolarmente stressante con violenti cali dei mercati finanziari, ho avuto un secondo attacco che sono riuscito a calmare dopo ore e solo con l'intervento di mia madre. Dopo aver eliminato la componente finanziaria del mio portafoglio per ridurre lo stress pensavo di aver risolto nuovamente i miei problemi, ma... un sabato di pioggia mentre ero andato a lavoro in macchina ho avuto un problema che non sapevo in quanto tempo si sarebbe risolto e invece che finire alle 18:00 ono uscito alle 20:00 e dalle 19 in poi ha iniziato a venermi un'ansia incalzante che ho controllato fino alla notte, visto che il giorno seguente sarei stato da solo a lavoro in un posto nuovo ho avuto un attacco di panico notturno dal quale non riuscivo a calmarmi, per paura di non riuscire a guidare e a lavorare per via del panico, così ho chiamato mia madre alle 6 di mattino e mi è venuta a prendere e mi ha accompagnato a lavoro che sono riuscito a svolgere senza ulteriori ansie. Per finire ho rimesso in discussione tutta la mia vita, ho deciso di prendermi una pausa dalla mia relazione sentimentale. E' stata una tragedia in quanto c'era un forte legame per quanto non si potesse parlare più di vero amore in quanto da tempo non c'era più sesso ne passione...probabilmente nemmeno amore, ma la consapevolezza di esserci sempre uno per l'altro e la routine di coppia. E' passato solo un giorno dalla rottura ma tra pianti e sconforto ho deciso di provare a vedere se potesse essere questo il problema. Sono talmente determinato nel combattere gli attacchi di panico senza arrendermi agli psicofarmaci, che sto affrontando tutto quello che penso potrebbe non andare bene nella mia vita...è una sensazione strana, il mio corpo si ribella ai comandi della mia mente, io avevo scelto che quella vita con quella routine mi andasse bene, ma il mio corpo mi sta obbligando a rimettere tutto in discussione. Secondo voi è un approccio corretto per combattere gli attacchi di panico? Grazie mille per l'aiuto Alessio

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile ragazzo, 

Ansia e attacchi di panico vengono affrontati efficacemente mediante la psicoterapia: il suo "approccio", giusto o sbagliato che sia, non tiene conto dell'origine del suo malessere su un piano personale, più specificamente emozionale, e poi anche familiare. 

Perché non chiede un consulto ad uno specialista della sua città? 

Resto a disposizione 

Gentile Alessio.,

potrebbe essere un approccio corretto nei limiti del "fai da te", ma probabilmente sarà insufficiente. Infatti lei farà fatica doppia e tripla, rispetto ad uno psicologo, per trovare la causa o le cause inconsce della sua ansia e poi non avrà quasi sicuramente tutti gli strumenti per contrastarle efficacemente.

Infatti la psicoterapia funziona non soltanto in base ai contenuti, ma anche alla relazione ed è logico che una relazione terapeutica, lei (come nessuno), non può darsela da solo.

Le consiglio perciò vivamente di consultare uno psicologo psicoterapeuta. Gli attacchi di panico recedono con una certa facilità. Sul mio sito professionale può trovare degli articoli sulla loro terapia.

cordiali saluti

Caro Alessio,

purtroppo gli attacchi di panico sono un disturbo difficile da gestire in modo autonomo, che possono irrompere improvvisamente nella vita di ciascuno di noi senza un apparente perchè  e impedendoci di svolgere le normali attività. 

Ti consiglio di rivolgerti ad uno specialista che possa fornirti il supporto adeguato  nell'affrontare il problema, sicuramente risolvibile con le giuste competenze.

Gentile Alessio,

da quello che ha scritto avverto quanto possa vivere con fatica e grande carico emotivo alcune situazioni che sta vivendo, legate alla sua vita lavorativa, sentimentale e professionale. L'attacco di panico è un segnale che, (seppur manifestandosi anche a livello corporeo), si origina dalla mente. La sua mente le sta segnalando che qualcosa forse richiede un cambiamento, non attuabile soltanto rivedendo razionalmente alcune sue scelte di vita, il cambiamento di cui parlo è molto più profondo ed interno. Prenda questo segnale come una risorsa, non lo viva con paura, ma come un'opportunità per fermarsi e ascoltarsi a fondo. Se lo ritiene, mi contatti, ricevo anche a Genova e sarò disponibile ad ascoltarla per poter dare un senso insieme a quello che le è accaduto e valutare la possibilità di un percorso terapeutico da fare insieme.

Cordialmente.

Dott. Stefano Alberto Genova (GE)

Buondì Alessio, mi pare di capire che la radice principale dei suoi problemi attuali, sia il rapporto con suo padre; insicurezza, paura, ansia e diversi sintomi psico-fisici sono i segni inequivocabili che spingono a cercare di risolvere una situazione che non è più sopportabile e che si trascina da troppo tempo. I farmaci possono essere utili in una fase acuta quando il malessere risulta insostenibile, però, come lei ha intuito, non sono una soluzione a lungo termine (nel senso che eliminano o smorzano - temporaneamente - i sintomi ma al di sotto di essi le cause, che in questo caso sarebbero in buona parte dipendenti da esperienze negative, situazioni di vita stressanti, fattori relazionali scoraggianti, resterebbero e tornerebbero a galla). Le farebbe bene cercare di parlarne con uno psicoterapeuta che possa aiutarla a trovare il modo più efficace (il suo modo) per dare un nuovo senso alla sua vita, nel rapporto con la sua famiglia, nel rapporto di coppia, nel lavoro, riattivando fiducia in se stesso e autostima mediante nuove esperienze positive.

Cordialità.

Dott. Rosario Caruso Savona (SV)

Gentile Alessio, l'attacco di panico in questo caso può essere considerato come un sintomo di una situazione ormai tropo complessa e difficile. Purtroppo nel momento in cui arriva un attacco di panico si rischia di innescare i centri dell'apprendimento e si rischia di cronicizzarlo in una triste sequela di vissuti che possono diventare invalidanti. Va gestito con un'adeguato trattamento (con strumenti cognitivo comportamentale ). Purtroppo spesso viene sottovalutato, si interviene in maniera sbagliata e persino in pronto soccorso non danno le corrette indicazioni per cui si vaga nel disagio crescente anche per diversi anni prima di affrontare il problema. Tuttavia è un disturbo i cui dati epidemiologici dimostrano che, nonostante sia estremamente diffuso, è anche risolvibile se trattato adeguatamente. Per qualsiasi altro chiarimento resto a disposizione.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Attacchi di panico"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Problema nell'affidare i bambini ai nonni

Buongiorno, sono madre di tre figli (4 - 3 - 1 anno) figli voluti, desiderati e tanto amati. Premett ...

3 risposte
Aiuto: vomito improvviso ogni volta che mangio fuori con il mio fidanzato

Salve! Sono una ragazza di 23 anni, studio Giurisprudenza e sono anche diplomata in una scuola di ...

1 risposta
ATTACCHI DI PANICO?

Buongiorno, scrivo per aver un primo consulto e capire se rivolgermi verso un terapista. Premetto ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.