Attacchi di panico

Mi capitano giorni in cui piango e ho paura di aver sbagliato

Francesca Pia

Condividi su:

Buongiorno,  sono una studentessa, ho 19 anni e sono al primo anno di matematica. È sempre stata la mia unica scelta, dal terzo anno di liceo ho sempre pensato fosse la mia strada. Eccellevo in tutte le materie, ho frequentato il liceo scientifico, e quindi avrei potuto scegliere di tutto. La matematica mi ha sempre affascinata, la vedo come un linguaggio universale a cui tutti possono accedere e da cui trarre risposte. Al primo anno ci sono solo esami annuali, 5 per la precisione, e da febbraio per via del Covid-19 ho seguito le lezioni online. In questo periodo di quarantena l'unica cosa che facevo era alzarmi, seguire la lezione e poi guardare telegiornali. Ho attraversato duramente questo periodo, mio padre ha lavorato per tutta la quarantena, tenendoci sempre in allerta. Mia madre non ci faceva uscire nemmeno per prendere la posta, quando faceva la spesa dopo andava tutto disinfettato e quando abbiamo iniziato ad uscire nella fase due ogni volta che tornavamo dovevamo lavare i vestiti e fare la doccia. È stato tremendo. Ovviamente per tutti è stato orribile non vedere fidanzati, famiglia e amici. A maggio ho dato 2 esami, Programmazione in cui ho preso 18 e ne ero davvero felice perché è stata una materia davvero complessa e un 22 in Fisica I. Da qui ho iniziato ad avere dubbi. Ho visto 1 anno di studio buttato e non avevo la forza di rifarlo. Quindi ho accettato. Mi sono detta "è una materia che non mi entusiasma". Anche se ho convinto tutti che mi andasse bene non era così. Quando facevo la doccia piangevo. Mi sono graffiata il polso mentre pensavo di essere un'incapace. Poi ho iniziato a studiare per un altro esame. Analisi I, corso che ho amato e che ho seguito assiduamente perché il professore era molto coinvolgente. Faccio lo scritto e lo passo con 19. Lo sconforto più totale. Ora sto studiando per l'orale e mi sembra che nulla mi resti in testa. Mi sveglio alle 5 di mattina con l'ansia che mi comprime il petto. Per fue settimane con la scusa che ero a dieta e mi faceva male lo stomaco non ho mangiato quasi nulla, infatti ho perso 3 kg. Parlo con miei amici che sono al secondo o terzo anno e mi dicono che è normale, che il primo anno è difficile per tutti, che devo trovare il ritmo. Io so che sto soffrendo perché nella mia vita programmo tutto. E quando le cose non vanno come vorrei vado in tilt. Di solito però mi succede che magari passo una giornata a piangere e poi mi rimetto in sesto. Questa volta non accade. Mia madre è preoccupata per me, mi ha suggerito di cambiare facoltà ma io penso solo che mi spaventa troppo il cambiamento. Perderei 1 anno, un anno che mi ero guadagnata facendo la primina. Altri mi dicono che non sarebbe sprecato perché mi è servito a capire cosa mi piace veramente. Ma a me non piace nulla, ora come ora non so più nulla, non mi sento più io. A volte mi ritrovo a fare battute con i miei amici sul fatto che forse morire sarebbe molto più facile. Poi torno a casa e ci piango sopra, perché ho capito che le difficoltà le attraverso soffrendo. Forse tutto ciò non può aiutarvi a capire cosa ho, ma io ci provo perché ormai mi sembra tutto inutile

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Francesca, nel leggere la sua lettera mi fa pensare che l'università e la facoltà di matematica che ha scelto, non sono i responsabili di questa sua crisi momentanea. Mi colpisce la descrizione che fa del lokdown, deve essere stato davvero frustrante. Sua madre l'ha gestito oltretutto con un  tantino di ossessività. Perciò riterrei che il periodo della quarantena ha generato in lei una forma di ansia e soprattutto ha sovvertito quel bisogno di programmazione e di autogestione personale. Le suggerirei di pensarci prima di procedere ad un cambiamento di facoltà, considerando queste sue difficoltà  invece come dovute al doversi essere misurata con una parte di se stessa nuova, che non accetta facilmente. La parte che vive la perdita dei voti attesi nello studio, che vive la frustrazione di non raggiungere i risultati voluti, o di non riuscire a vivere nei suoi standard abituali. Ma ripeto, l'improvviso cambiamento di stile di vita nella pandemia ha modificato questi equilibri psicologici. Vada avanti credendo nelle sue capacità, che sono molto valide, e vedrà che torneranno le soddisfazioni in se stessa


Sinceri auguri,


 


Dr Cameriero Vittorio 

Salve Francesca, mi dispiace per il momento che sta attraversando.


La sua storia è ricca di particolari e ci sarebbero alcune cose da approfondire: lei che rapporto ha con l'ansia? Come gestisce in generale gli imprevisti? Cosa intende per "non mi sento più io"?


Rifletta su queste domande.


Inoltre, credo che il COVID19 abbia accentuato alcune problematiche preesistenti.


Comunque, le consiglio di rivolgersi ad un terapeuta per trovare le risposte che cerca.


Rimango a sua disposizione.


Buona giornata.


Dott. Fiori


 

Gentile Signorina,


è semplice: ha una psicopatologia in atto, è un'evidenza clinica.


Non c'è altro.


Tutto quello che racconta ne sono i sintomi, ovvero la manifestazione, l'epifenomeno.


C'è un'unica soluzione valida ed efficace: iniziare quanto prima una psicoterapia di tipo psicodinamico.


Altrimenti, questa problematica se la porta dietro a vita.


Cordiali saluti.


Prof. Roberto Pasanisi


psicologo clinico psicoterapeuta - docente universitario

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Attacchi di panico"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come mai nell'ultimo mese e mezzo ho più ansia e attacchi di panico?

Ciao, sono Guglielmo ho 32 anni soffro di attacchi di panico da circa 10 anni... Ho fatto uso di ...

6 risposte
L’ansia mi sta distruggendo tutte le occasioni

Salve, ho un problema che mi sta letteralmente distruggendo, ogni volta che esco con qualcuno ho ...

2 risposte
Fobia in gravidanza

Buona sera, Sono una donna di 34 anni, dopo un lungo periodo di ricerca sono finalmente rimasta ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.