Autostima

Mi faccio schifo

Federica

Condividi su:

Per la prima volta in vita mia mi sono trovata di fronte ad una scelta che mi avrebbe cambiato la vita: partire per andare dall'altra parte del mondo o rimanere qui. Entrambe le soluzioni avevano pro e contro, ma io avrei voluto partire... Ho scelto di restare. Il problema non è partire o restare, il problema sono le motivazioni: non sono partita perché ho avuto paura di fallire, di nuovo.... Ero nel lancio ed ho scelto la cosa meno rischiosa nonostante non fosse quella che volevo. Non ne posso più di vivere nel terrore di fallire, terrore che non mi fa neanche provare: ho passato la mattina a piangere e a sentirmi una fallita, mi odio per questo mio modo di pensare e mi faccio schifo per la persona che sono diventata.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Federica, io mi chiederei quali sono i motivi che la spingono a non partire, forse non ha "scelto" di restare, forse è "obbligata" perchè qualcosa che lei ancora non conosce la sta trattenendo.


Facendo un lavoro su se stessa e rivolgendosi ad uno specialista potrebbe far luce su quali sono i "veri rischi", i motivi potrebbero essere tanti, cosa la spinge a non partire? E' mai riuscita a prendere decisioni importanti da sola? Per chi o per cosa si sta trattenendo visto che il suo desiderio è quello di riuscire a partire?


Non è una fallita, ha solo fatto una scelta che non la soddisfa, ma ha anche 29 anni e tante altre occasioni. Mi chiedo se il rischio qua sia di fare la scelta di partire o "fare una scelta" che mai ha potuto fare. Le consiglio di rivolgersi ad uno specialista e affrontare queste catene invisibili che la legano, prendere consapevolezza di questo la aiuterà anche a migliorare la sua autostima e sul suo senso di fallimento.

Ciao Federica, la paura di fallire in progetti nuovi e imprevedibili è del tutto normale. Siamo portati a scegliere in alcuni casi quelle strade che in qualche modo sappiamo già dove ci portano. Valutare i pro e i contro è sicuramente un modo per valutare le decisioni da prendere ma ti consiglio di affrontare questa paura e questo senso di non farcela è capire alla base che motivazioni ci sono e trovare in te stessa perché sicuramente ci sono, quei mezzi per realizzare i tuoi obiettivi. 

Superare la paura del fallimento è un processo graduale. A breve termine la paura di fallire influenza tutti i tipi di obiettivi che si perseguono, le strategie che usiamo per raggiungerli. quando abbiamo paura di fallire concentriamo i nostri sforzi più sulla prevenzione delle perdite che sul raggiungimento dl guadagno finale. Quando cominciamo ad affrontare le cose, iniziamente anche piccole, ci accorgiamo di aver sovrastimato la nostra paura.


Comincia dal porti piccoli obiettivi e a cercare di raggiungerli. Obiettivi chiari , in questo modo anche le emozioni collegate lo saranno. Quando gli obiettivi non sono chiari anche le emozioni sono confuse e ciò rende più difficile decidere.


Ti consiglio un libro: Vincere la paura del fallimento di Hans Morschtzky, comprende un piccolo programma di addestramento

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Autostima"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mi sento un fallimento per me e la mia famiglia

Inizio col dire che la mia famiglia voleva che uscissi con voti diciamo abbastanza alti, vado in una ...

2 risposte
Autostima e depressione

Salve, sono un ragazzo di 16 anni, (quasi 17) spesso mi capita di essere triste, e a volte non so il ...

4 risposte
Non riuscire a fidarmi di nessuno

Buonasera, mi chiamo Francesca e ho 22 anni... ho trovato il coraggio finalmente di scrivere qualcos ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.