Autostima

Perchè i miei genitori non credono in me?

Anastasia

Condividi su:

Ho 22 anni e da sempre i miei ricordi sono di genitori che non credono nelle mie capacità.
Per intenderci, alle elementari mi trattavano come se fossi una dislessica; alle medie e al liceo non facevano altro che paragonare i risultati che ottenevo con quelli degli altri e anche se prendevo il massimo dei voti mi rispondevano che potevo fare di più; quando c'erano delle riunioni dove i prof facevano delle domande al gruppo di studenti, se non ero la prima a rispondere mio padre mi diceva che se non sapevo le cose allora era inutile rimanere e dovevamo andarcene.
Adesso sono all'università, indirizzo scelto su mio personale interesse ed inutile dire di litigi con loro ed il resto della famiglia perché avevo rinunciato a medicina per seguire il mio sogno. Ogni volta che passo un esame, e lo passo sempre con voti alti, sento sempre il loro tono di voce cambiare a seconda del voto preso. Alle volte rimangono impassibili persino se prendo la lode. Quando cerco di raccontare a loro o al resto della famiglia quello che faccio e imparo vengo trattata come se fossi una stupida e ciò che so assolutamente inutile.
Il risultato è una depressione altalenante durante tutto l'anno, la completa sfiducia in me stessa, l'ansia ad ogni esame e il fatto che ho smesso di parlare con loro sui miei interessi, sui miei sogni e su quello che faccio.
Perciò mi chiedo e vi chiedo, c'è qualcosa che secondo voi possa aver scatenato questa sfiducia? Qualcosa che possa fare per risolverla o se semplicemente devo solo accettarla ed andare avanti?

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

A volte bisogna ammettere che i genitori non sono dei giudici infallibili, che hanno sempre ragione e che vedono le cose nel modo migliore. E' necessario tenere presente che anche loro hanno avuto delle difficoltà nella vita e queste possano ripercuotersi negativamente all'interno della famiglia. A volte una atavica necessità di riscatto personale e sociale passa anche attraverso richieste eccessive e insensate nei confronti dei figli. Cerca di comprendere e accettare queste limitazioni dei tuoi genitori, vai tranquillamente avanti nel tuo percorso di vita ed abbi maggiore fiducia nelle tue sensazioni e nei tuoi progressi scolastici.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Autostima"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Genitore possessivo all'università

Buonasera, gentili psicologi. Nel parlarvi del mio problema, comincio raccontandovi un aneddoto ...

2 risposte
Insicurezza e paura del confronto

Buongiorno a tutti. Sono una ragazza di 22 anni. Sto affrontando un periodo difficile e da poco ho ...

1 risposta
Come uscire al più presto da un blocco universitario?

Salve, sono una ragazza di 22 anni e sono all'inizio del mio primo anno fuori corso. Sono sempre ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.