Autostima

Quale sport è più adatto a un ragazzino timido e non competitivo?

Katia

Condividi su:

Salve.
Mio figlio di 12 anni è molto timido, non competitivo, ha "paura" degli altri anche se vorrebbe tanto interagire e quindi fa molta fatica a fare amicizia. I ragazzini che conosce e in qualche modo frequenta, raramente, sono troppo esuberanti per i suoi gusti, volgari e aggressivi. Quello con cui vorrebbe interagire di più (perché a suo dire meno arrogante e più educato) vedo che lo evita appena può.
Lui vorrebbe un amico tranquillo con cui parlare, giocare senza essere sempre in competizione.
Non vuole fare sport perché non si sente capace.
Vorrei però fargli fare un po' di attività fisica che lo aiuti ad acquistare più sicurezza in sé.
Quale sport mi suggerite sia il più adatto per sbloccarlo e infondergli sicurezza?
Un altro suo problema è la fobia al formaggio e altre "piccole" fissazioni. Per il formaggio, in particolare il parmigiano, arriva addirittura a scappare se lo vede. Non basta non metterglielo nella pasta, dobbiamo proprio toglierlo dalla sua vista. Ne prova un grande disgusto.


Grazie

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buona sera, comprendo perfettamente il probema e sono dell'idea che il ragazzo dovrebbe iniziare e anche velocemente una terapia per evitare che tutte le fobie si possano cronicizzare e impedirgli di vivere serenamente. L'adolescenza è un'età difficile, dove i cambiamati ormonali e non solo dominano alcuni aspetti emotivi. Bene per lo sportpotrebbe fare calcio oppure potreste iscriverlo agli scout, dove la relazione e lo spirito di gruppo sono caratteristiche predominanti. anche la fobia per il formaggio va comunque arginata e un collega psicoterapeuta dovrebbe lavorare per aiutarlo superare la paura. 

Buongiorno Katia, il contesto attuale con bambini e famiglie tendenzialmente meno regolate, con difficoltà più accentuate portano a una riduzione della capacità di educare e dare un riferimento ai figli nella maniera più adeguata. Per questi e altri motivi è importante fornire sicurezza a tuo figlio nel modo adeguato, con un lavoro psicologico adeguato si possono immettere delle risorse di sicurezza di fiducia in se stesso a tuo figlio in modo da trovare nuove strade per relazionarsi con i suoi pari. la scelta dello sport più adeguato arriva i un secondo momento, una volta strutturatosi di più la sua identità. Per quanto riguardo il formaggio e le piccole fissazioni occorre entrare più in profondità per coglierne i momenti di queste modalità e sciogliere quelle non adatte e funzionali. rimango a disposizione. 

Buonasera cara Katia,


non esiste uno sport specificatamente pensato a questi scopi: nello sport è infatti insito uno spirito competitivo che porta a migliorarsi e a superare i propri limiti. D'altro canto posso capire che alcuni particolari tipologie di sport potrebbero non essere adatte.


Di conseguenza potrei consigliarle fondamentalmente 3 strade:


1) Puntare effettivamente su uno sport non competitivo, consiglio quindi l'Aikido (arte marziale orientale molto spirituale che punta alla consapevolezza e alla conoscenza interiore, non finalizzata al combattimento e alla sottomissione ma alle dinamiche di movimento e relazione, le consiglio di informarsi per saperne di più);


2) Andare in controtendenza e puntare su uno sport che promuova il suo spirito competitivo e solleciti le sue abilità relazionali (sport di squadra come calcio, basket, pallavolo ecc);


3) Lasciare che sia lui stesso a decidere, secondo le proprie inclinazioni. Anche giochi di ruolo o di società potrebbero andare bene. Non c'è cosa peggiore per l'autorealizzazione di un bambino di un'imposizione. 


Nella speranza di essere stato d'aiuto, le porgo i miei cordiali saluti, rendendomi disponibile per ulteriori consultazioni. 

Gentile Katia,


da quel poco che lei ha scritto mi sembra di capire che suo figlio manifesti una certa quota di disagio.


Visto che suo figlio ha un'età in cui può descrivere quello che gli succede sia intimamente che nella relazione con gli altri, e visto che manifesta vari comportamenti di tipo ansioso, perchè non aiutarlo innanzitutto a farlo parlare di queste sue difficoltà con un esperto nel campo dell'età evolutiva?


Lei da madre osserva con molta attenzione i suoi comportamenti, un esperto invece può aiutare suo figlio ad affrontarli e a superarli, prima che diventino un vero ostacolo nel rapporto con gli altri. 


Qualche colloquio potrà aiutare suo figlio a mettere a fuoco le proprie difficoltà, a capirne l'entità e a cercare insieme all'aiuto di un esperto delle strategie per far fronte alle sue paure. Uno spazio sicuro, dunque, nel quale parlare di se stesso, di ciò che gli piace, di ciò che gli interessa, di ciò che lo spaventa. Raccontare di sè a un orecchio esperto e attento, potrà permettere a suo figlio anche di arrivare ad esprimere da sè, in base al suo interesse o curiosità, quali attività sportive o non sportive sperimentare. 


 


Cordialmente

Buonasera Katia, mentre leggevo la descrizione che ha dato di suo figlio ho pensato al rugby, è uno sport di squadra, con regole ben precise, per chi non lo conosce potrebbe sembrare uno sport aggressivo ma è per gentiluomini. Porti suo figlio a vedere qualche partita. Per quanto riguarda la fobia del formaggio probabilmente non gli piace e il solo odore lo infastidisce. Le altre piccole fissazioni?


Resto  a disposizione

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Autostima"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

La poca comunicazione di mio figlio

Il mio nome è Yanis ho 35 anni sono arrivata in Italia 14 anni fa ho un figlio di 18 anni con ...

5 risposte
Problemi relazionali e timidezza

Buonasera, mi chiamo gianni ho 44 anni, nella mia vita sono stato sempre caratterialmente timido, ...

3 risposte
Mi sento un fallimento per me e la mia famiglia

Inizio col dire che la mia famiglia voleva che uscissi con voti diciamo abbastanza alti, vado in una ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.