Autostima

Stabilire una relazione tra vita concreta e vissuto interiore

Henri

Condividi su:

Salve gentili psicologi , vi scrivevo perchè ho bisogno di un aiuto, un consiglio per una situazione che è ormai evidente non riesco più a controllare. Cercherò di non perdermi in mille cose sicuramente inadeguate ad una lettera di questo tipo provando a scrivere soltanto ciò che penso sia sufficente per spiegare la mia condizione. Ho 19 anni , vado a scuola con i miei coetani, tranne in quest'ultimo difficilissimo mese esco regolarmente con i miei amici, ho la fortuna di non aver mai subito gravi lutti in vita mia , fino all'anno scorso ero tra i migliori della mia classe, la mia famiglia non è ricca ma neanche troppo povera , ho dei professori eccezionali e motivanti ,dei compagni che non ho ragione di odiare , sono in salute e non ho meno di quello che materialmente parlando desidero nella mia vita. Questa è la descrizione di me che potrebbe fare un nonno, una zia o un amico lontano. (Non è proprio il metodo più consono per una presentazione ma mi piacerebbe dercrivermi in questo modo, penso che possa aiutare) . Un amico potrebbe aggiungere che sono un pessimo conversatore , che mi terrorizza guardare in faccia le persone , che mi muovo in modo goffo,che non “mi apro“, che spesso mi allontano dal gruppo, che sono molto timido e che ho difficoltà nel creare un rapporto sereno e puro di amicizia (forse qui mi sbaglio) . mia madre potrebbe aggiungere che non esco mai , che non mi impegno abbastanza , che non sa se sono felice o meno e che spesso sono nervoso e passo troppo tempo tra videogame e telefono (che è la stessa cosa) . Non so se è veramente così , ma altri che non so sinceramente dove collocarli, mi credono una persona burbera , uno che non ride mai , schivo e solitario , una persona che non si gode la vita , uno che vuole avere sempre ragione , una persona noiosa che anche quando vuole far ridere si tradisce con il tono di voce e il generale atteggiamento , un bloccato, privo di carattere e di una vera personalità a cui però ci si abitua facilmente. Ecco , questo sono io. Credo sia una rappresentazione abbastanza fedele di chi sono , tutto qui , sulla mia tomba nessun epigramma potrebbe dire di più. Venendo al dunque il mio problema è stabilire una relazione tra vita concreta e vissuto interiore , tra l'immagine assolutamente inconsistente di chi sono nel mondo reale e un disperato , stracolmo io che grida inascoltato nel mondo del pensiero . L'uno non studia bene e purtroppo nell'ultimo anno riesce a leggere solo con grande difficoltà , non fa nulla , nulla di nulla, l'altro esplode dal desiderio di vivere brucia di vitalità , ama la vita , la ama in tutte le sue forme dall'inferno al paradiso e vorrebbe gridare al mondo intero il suo entusiasmo e il suo infinito amore per tutte le cose. Uno reale parla o no di cose frivole con persone inconsistenti, l'altro ama la compagnia di Jim Morrison , Chopin e Nietzsche. La realtà è che mi sento dannatamente irreale , io non potrei parlare a nessuno dei miei problemi perché non c'è nessuna connessione tra ciò che penso e ciò che faccio . Ciò che vorrei essere ha senso solo nel mio pensiero , non in questo mondo nel quale di fatto non so chi sono (credo che mi sentirei molto stupido altrimenti) . Io non so se possiate capire cosa significa essere così separati in mente e in corpo . Un prigioniero potrebbe pure gridare , farsi sentire , far sapere di esistere invece io no, colui che vi parla non esiste se non come lettera . Per farvi un esempio è da tantissimo tempo che desideravo parlare con la mia professoressa di Inglese (l'unica persona con la quale riesco ad avere un briciolo di autostima) e dirgli del mio entusiasmo per William Blake , l'altro giorno ne ho avuto l'occasione e l'unica cosa che sono stato capace di dire è stato “Si si lo conosco , si è un autore che mi piace molto“, lo so,sembra una cosa stupida ... ma non lo è , per me è stato dolorosissimo . Vorrei scrivere altro ma finisco qui , per me non è mai facile scrivere , è come se fossi un ubriaco privo di lucidità (Se ne fossi in grado non smettere mai e sicuramente sarebbe più facile uscire dal mio problema .) spero di essere stato sufficientemente comprensibile . Non ho parlato di una ragazza che amai moltissimo da cui difatto dipendono tutte le mie crisi , non lo faccio mai eppure so che è lì il cuore del mio problema . Vi ringrazio più di quanto potrei con una lettera , scrivere è ormai l'unica cosa che mi resta da fare dato che ormai sono 7 anni che ho crisi suicidiare violente quanto inutili. Lo so che mi direte di andare da uno psicologo e lo so che è la mossa migliore , ma spero possiate comprendere da quanto ho già scritto perché non potrei mai parlare faccia a faccia dei miei problemi . Mille volte grazie!

7 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

​Caro Henri, ho letto la tua lettera con molto interesse e voglio comunicarti le mie impressioni circa le difficoltà che esponi.  Percepisco che c'è  una parte di te molto profonda che pulsa di vita e ha voglia di esprimersi e farsi conoscere al mondo esterno e poi c'è anche l' altra parte di te, quella parte  che non si "apre" agli altri, timida,goffa, insicura, sfiduciata e forse anche molto impaurita del mondo esterno e delle relazioni con gli altri  e che sembra non abbia nulla da dire, come dici tu, sembra un po "noiosa" agli altri. Queste due parti di te stesso,  immagino ti creino  il "conflittto" interiore che ti porta a sentirti in "crisi" con te stesso nello  stabilire una connessione con la tua interiorità e la realtà esterna.  Come dimostri scrivendo questa lettera, nella scrittura trovi un canale che ti permette di esprimerti con maggiore libertà e di farti conoscere agli altri, riesci a comunicare il tuo vissuto interiore e contestualizzarlo in modo pertinente nel ricondurlo a fatti quotidiani che vivi. Quindi hai le risorse dentro di te  per riuscire a comunicare e farti conoscere per come veramente sei anche nella relazioni "concrete".  Di certo, attraverso un percorso psicoterapeutico, nella relazione terapeutica con uno psicoterapeuta( ti consiglio di orientamento Gestalt ) potresti avere l'opportunità di fare esperienza di queste parti di te in conflitto, sperimentare le tue  risorse interne che possiedi e comprendere meglio quali sono le tue paure, blocchi, conflittti e cosa ti accade in quei momenti in cui ti senti "in crisi" con te stesso per poter  riuscire finalmente ad aprirti agli altri con coraggio e fiducia e farti conoscere per quello che sei oggi, nei tuoi 19 anni come hai fatto  in questa lettera. Come dice Fritz Perl, il padre fondatore della psicoterapia della Gestalt : "Lo scopo della psicoterapia della gestalt è di trasformare  persone di carta, in persone reali e farsì che l'uomo vuoto del nostro tempo giunga alla vita" . Ti scrivo questo pensiero proprio perchè attraverso  la psicoterapia la persona  riesce ad integrare i propri vissuti personali con la vita reale e quindi raggiungere una condizione di benessere e soddisfazione con  se stesso e con gli altri. Ci sono molte persone di diversa età che hanno  difficoltà simili alle tue, e ti dico questo perchè immagino tu ti senta un pò "un pesce fuor d'acqua" a volte. Essere consapevoli delle proprie difficoltà, come lo sei tu  è un buon punto di partenza per riuscire a lavorare su di sè  in un percorso psicoterapeutico. Quindi nel salutarti, sebbene comprendo le tue difficoltà nella relazione "faccia a faccia" con un terapeuta, (come tu scrivi)  ti consiglio di trovare un terapeuta della tua zona per poterti "sperimentare"  e parlare di te in una relazione reale, con un professionista che ti possa aiutare ad esprimerti  per quello che sei, se vuoi cambiare quello che non ti piace di te stesso.  

Un caro Saluto!

Caro Henri, come hai intelligentemente previsto darti un consiglio è quasi impossibile. Tu stai male dici, ma ciò che descrivi è una situazione dalla quale non sembri voler uscire. Stai male per questa scissione fra la tua vita fuori, nel mondo e quella che vivi nell'interiorità, ma a questa condizione sembri anche molto affezionato. Come darti un consiglio? come aiutarti, quando in conclusione -dato che fai le domande ma hai già anche le risposte- dici che non ha senso consigliarti di vedere uno psicologo, perchè questa è la tua difficoltà? In realtà sembra che tu chieda come affrontarla, ma metta le mani avanti avvisando che non puoi farlo, per esempio provando a vedere qualcuno. Insomma vorresti cambiare tutto ma non sei disposto a cambiare nulla. Desideri con tutto te stesso avere una vita piena e appagante là fuori nel mondo, ma al tempo stesso hai paura di questa eventualità, o forse addirittura ti sei convinto che non sarà mai possibile. Vedi l'inconscio funziona così, tenendoci in bilico fra il desiderio e la sua negazione; fino a che non lo smascheriamo sarà praticamente impossibile realizzare ciò che davvero vogliamo. Ma qui il discorso si fa complesso.

Sono convinta  che sei troppo intelligente per rimanere bloccato in questo "giochetto". Inoltre sei molto giovane e confido che la vita ti insegnerà presto come lasciare questi territori dolorosi dell'anima per goderti la vita come meriti. Tuttavia se dovessi ripensarci e sentire che puoi affrontare un colloquio di approfondimento puoi chiamarmi o scrivermi ancora. ne sarò felice. Ricevo a Milano.

Un caro saluto

Caro Henri,

hai mai pensato di fare lo scrittore? Leggendo queste righe mi sono trovata di fronte ad un romanzo tormentato, quasi davvero surreale, come tu stesso lo definisci. Io credo che tu debba semplicemente trovare la tua strada, e imparare ad accettarti per quello che sei. E ancor più credo che tu debba imparare a fidarti di qualcuno al di fuori di te stesso, a cui aprire il tuo mondo interiore così ricco e prezioso. Inutile dirti che confrontarti con uno psicologo potrebbe esserti di grande aiuto, ma solo se tu deciderai di svelare il tuo vero io, togliendoti la maschera in cui ti costringi. Infondo essere se stessi non è poi così terribile, anzi, forse potrebbe persino piacerti e piacere anche a chi ti sta vicino! In bocca al lupo.

Gentile signora, 

nel suo caso di specie se non parla "faccia a faccia" con un capace ed esperto psicoterapeuta non resta altro che la richiesta di ecventuale consulenza "a distanza" (possibile). L'alternativa: tenersi i suoi disturbi ancora per 7 anni

Cordialmente

Buongiorno Henri, la sua lettera così intensa e viva lascia trasparire il suo ricco mondo interiore, al momento ingabbiato da una corazza protettiva che la difende ma che al contempo la sta isolando dal mondo esterno e da alcune parti di sé probabilmente per ora non tollerabili. Lei stesso riconosce di aver individuato un nucleo problematico da cui hanno avuto origine le sue “crisi“, come le ha chiamate, e questo mi sembra un fondamentale punto di partenza. Sta chiedendo aiuto, anche se teme di non riuscire a trarre beneficio da un percorso psicologico, temendo di non riuscire ad esprimersi in una relazione faccia a faccia, ma il terapeuta potrebbe aiutarla proprio in questo, portandola gradualmente ed attraverso vari strumenti (compresa la scrittura) a manifestare i suoi vissuti e ad elaborarli, liberando il suo presente ed il suo futuro da ciò che appartiene al passato. Provi a dare una possibilità a questa strada ed in questo modo anche a se stesso. Cordiali saluti Dr.ssa 

Caro Henri,

Partiamo dalla fine: mai dare per scontato nulla nella vita, come fa a sapere che non riuscirà mai a parlare faccia a faccia dei suoi problemi? Solo attraverso l'Altro, che in questo caso potrebbe essere uno specialista, potrebbe trovare una via per ridurre il godimento del pensiero e di conseguenza aprirsi ad una relazione intersoggettiva. Diminuire la portata del pensiero e spingere, trasformare quella stessa energia nella direzione dell'atto, dell'azione. Data la sua giovane età e, mi sembra, delle buone capacità introspettive nonché un buon livello culturale, penso che nel suo caso il percorso psicoterapeutico potrebbe avere ottimi risultati. Ovviamente solo uno specialista nel suo studio, dopo un corretto inquadramento del suo caso e una sufficiente raccolta anamnestica, sarebbe in grado di guidare la cura adatta, dato che, almeno è quello che penso io, ogni cura deve rispondere dell'unicità del soggetto. 

Per questo motivo, le rinnovo l'invito a pensare, ma non troppo, a considerare l'idea di iniziare un percorso anche perché sarebbe di per sè quello un atto.

Stia bene.

Buongiorno,

il conflitto interiore che descrive lo si legge forte e chiaro. Una parte di lei molto giudicante e critica la ritiene burbero, distaccato dagli altri e sul "Non è mai abbastanza.." (la vita concreta di cui parla che le chiede di più), l'altra invece la invita a star da solo, a rifugiarsi (perchè così ho la sensazione che sia) nella lettura, nella filosofia o comunque a non esporsi (il vissuto interiore che, seppur non si vede, è comunque una parte concreta di lei)

Il conflitto tra due parti così diverse sembra che sia dovuto ad un essere come vuole e ad un "dover" essere così come vogliono gli altri. I modi che usa per descriversi sembrano sull'ottica del "aut/aut" (se è una cosa non è l'altra). 

Quello su cui posso invitarla a riflettere, visto che la possibilità di parlarne con qualcuno di persona sembra non essere ciò che vuole, è di pensare e sentire un modo di far comunicare queste due parti così diverse ma così unite nell'essere appartenenti ad una persona sola, se stesso. 

Oggi giorno ci sono diversi modi di comunicare e i social network, i telefonini e i videogiochi ce ne suggeriscono qualcuno, quindi se avesse voglia di confrontarsi e fare ordine pensi anche alla possibilità dell'uso di skype. 

La invito a non lasciarsi solo, proprio come ha fatto in questa sua lettera ricca di significato e ricca di lei. Con le sue consapevolezze e le sue risorse, può trovare il modo di comunicare con le sue due parti per conoscerle e per imparare a instaurare un dialogo contra loro.

Resto a disposizione

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Autostima"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Paura di ricevere

Salve, ho 24 anni e la mia vita è abbastanza movimentata: sono cresciuta con un gruppo di ...

5 risposte
Ho paura di me stessa e del mio futuro

Non so cosa mi capita. Sempre più spesso penso al suicidio, anche se non voglio morire, vorre ...

6 risposte
RIFIUTO AD USCIRE

Buongiorno, ho un figlio di 16 anni che si rifiuta ad uscire e preferisce giocare con la playstatio ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.