Psicologia del Lavoro

Nessun lavoro o quasi mi va bene

Vincenzo

Condividi su:

A 39 anni penso al lavoro e sto male, ho lavorato diversi anni in un azienda, stavo benissimo, poi fallita, dopo ho cambiato una moltitudine di lavori, ma alla fine mi sono licenziato ovunque....mi sento un verme perché vedo mia moglie andare a lavoro, oltre al fatto di aver perso la dignità.
Sono creativo, amico di tutti, ma gli ultimi lavori erano infestati di gente che bestemmiava e non contenta del lavoro...sono 2 anni che sono fermo, e ogni volta trovo una scusa quando trovo un lavoro, ma dentro ho forte desiderio di lavorare....mi piacerebbe trovare un nell'ambiente, ma ormai credo che è solo un sogno.

10 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Vincenzo,


posso solo immaginare il peso di dover lasciare una condizione lavorativa soddisfacente, che ricorda, ma che non è più. Cosa si porta dentro che La faceva stare benissimo? Quale valore ha per Lei?


Creatività e relazionalità sono ottime caratteristiche e potenzialità, che inviterei a valutare come spendere. Un sostegno con uno psicologo del lavoro potrebbe aiutarLa a far emergere capacità e potenzialità, magari anche oltre quelle che ha riportato qui, ed aiutarLa ad orientarsi professionalmente.


Disponibile attraverso il modulo contatti, le auguro buon percorso e buon lavoro.


drssa Chiara Lecca

Caro Vincenzo, 


Mi sembra che lei sia intrappolato in quello che si chiama circolo vizioso: l'importanza del lavoro le dà la dignità ma è talmente pesante da schiacciarla e da renderla indegno. Così non riesce ad affrontare questa enormità e si sente sempre peggio, ma più si sente schiacciato più il problema sembra pesare.


Allora le chiedo: dove sta il piacere? Capisco che il lavoro non sia sempre associabile al piacere, ma credo che sia difficile uscirne se restiamo sui temi dell'obbligatorietà. Certo lei è obbligato, ma nessuno può toglierle il gusto.


Il gusto è ciò che ci rende tollerante ciò che non ci piace, senza di quello chiunque bestemmierebbe tutto il tempo. Mi rendo conto che non sia una cosa facile. Bisognerebbe capire perché lei lo ha perso questo gusto e come ritrovarlo.


Faccia un colloquio, la aiuterà a capirsi meglio.


Le auguro di assaporare al meglio la sua vita


Dr.ssa Michaela Mortera 

Buongiorno, 


comprendo bene la sua situazione ed anche la frustrazione che ne consegue. Le posso consigliare di esporre queste sensazioni con sua moglie, se non lo ha già fatto, e trovare insieme a lei una modalità per affrontare il momento difficile. Potrebbe considerare di esporre le emozioni che descrive, il malessere, ad un professionista che possa aiutarla ad uscirne al meglio. 


Cordialmente, 


Dr. Matteo Radavelli 

Ciao Vincenzo, 


mi fai dal punto di vista umano un po’ di rabbia .... intanto tua moglie porta il peso del tuo mantenimento ... Ovvio devi reagire e se non lo fai devi capirne il motivo.


Vuoi essere dipendente, farti mantenere, regredire allo stato adolescenziale...?


Se non vuoi questo prendi in mano la tua vita e diventa un uomo indipendente. 


Puoi farcela. Comincia con un lavoro umile, impara, cresci...


Troverai in seguito un lavoro migliore e allora cambierai. Mai    mollare finché non si trova di meglio.


Scarseggia in te la capacità di adattamento e finché c’è chi pensa a te, non ti fai problemi ... 


Ti ricordo che hai 39 anni! La tua crisi forse d’identità va affrontata e risolta. 


Se puoi fatti aiutare: trovati un lavoro x pagarti le sedute e fallo se sei motivato.


La parola lavoro viene da labor che significa sudore...


Lavorare stanca ma ci rende liberi!


Pensaci e non ti arrendere!


Faccio il tifo per te!


dott.ssa Patrizia Tombaccini 

Caro Vincenzo, molte ipotesi possono essere valide riferite a questo suo blocco. probabilmente non ha elaborato la perdita di un lavoro che la soddisfaceva, si è sentito spersonalizzato nelle occupazioni successive, ecc.


Quali che siano, vanno indagate per far emergere la motivazione profonda di questo rifiuto che, data la sua giovane età, non può essere portato avanti. Il mio consiglio pertanto è di intraprendere un percorso di psicoterapia per uscire da questo stallo che la porta a svalutarsi sempre di più. 


Cordiali saluti

Buongiorno Vincenzo.


dentro te sembrano coesistere due esigenze, quella di lavorare e quella di trovare un buon ambiente accogliente, senza pensare che potresti contribuire tu a creare un ambiente buono..... Sembri in balia degli eventi, di ciò che trovi e ti accade... Prima che queste dinamiche proseguano occorre fermarsi e dare il punto sulla situazione.


Cerca di individuare uno psicoterapeuta, trova un lavoro e analizza prontamente in terapia le dinamiche che ti porterebbero a mollare. Intercetta ciò ne accade, le emozioni, le esigenze, vedrai si può fare un ottimo lavoro.


Saluti cordiali


Drssa Angioni

Salve Vincenzo,


purtroppo la realtà lavorativa nella nostra città è altamente performante e per certi versi limitante la creatività personale se ci si ritrova a doversi interfacciare esclusivamente in un ambiente aziendale restrittivo e poco autentico. E tutto questo inevitabilmente posta ad interrogarsi sulla società in cui viviamo. Le maschere cadono e le insicurezze aumentano, ma non perda la speranza e dia ascolto alla sua creatività, non è detto che debba conformarsi alla norma ma può trovare un modo di esprimere la sua voglia di fare e di lavorare al meglio.


Resto a disposizione


Dott.ssa Paola Gianfrotta

Salve Vincenzo, mi colpisce l'espressione "stavo benissimo" nell'azienda in cui lavorava per anni. Ma che poi per cause esterne a se stesso, è fallita. Siamo sicuri che questa perdita non voluta, abbia determinato in lei un atteggiamento mentale diverso verso gli altri lavori che sono arrivati, come una sfiducia ad investire e a crederci di RI-partire per una nuova avventura? Al di là di un ambiente malsano che può incontrare e anche rifiutare, si chieda se non scatti in lei, anche inconsapevolmente una resistenza a portare avanti un nuovo lavoro. Ci pensi. Perché ho l'impressione che le possibilità non le manchino, grazie anche al suo carattere, creativo, socievole. Forse ha la necessità di superare del tutto un certo passato, per metterselo completamente alle spalle.


Auguri, 


dr.Cameriero Vittorio 

Ciao Vincenzo, da quello che scrivi emerge che molti dei lavori che hai svolto, successivamente a quello che invece hai "amato", probabilmente, non erano ciò che desideravi. A seguito di una buona esperienza professionale, cosi come quelle personali, è molto comune che si resti legati a "Come e Cosa" eravamo prima. Parli di ambienti di lavoro con gente scontenta e aggressiva, caratteristiche che non fanno altro che rendere il luogo di lavoro ancora più "deludente". A 38 anni non è un sogno fare dei nuovi progetti, cercare un lavoro ma soprattutto un ambiente "umano" che rispetti la tua persona e i tuoi desideri. Fermati e rifletti molto su questi aspetti, magari facendoti supportare da uno specialista, recandoti presso un'agenzia per il lavoro (APL) o da operatori dei Centri per l'impiego. Io sono certo che troverai, nel tempo, un posto adatto a te. In bocca al lupo.

Gentile Vincenzo,


Cosa faceva prima di questi 2 lavori? Cosa L porta a voler cercare lavoro ma poi a bloccarsi?Come trascorre la sua giornata quotidiana?


Ha mai provato a chiedersi come mai trova una scusa? Cosa prova appena sente di aver un lavoro? Quali paure insorgono?


Lei si sente giudicato? Ha paura di far soffrire o pentire qualcuno?


Le chiedo delucidazioni per poter esser maggiormente esaustiva nella risposta. 


Le consiglio però anche un consulto psicologico dove poter indagare questo suo comportamento che le sta creando dubbi e domande. Li porrebbe conoscere meglio se stesso e osservare quale motivazione è alla base di questo blocco.


 


Resto disponibile se volesse rispondere in privato alle domande poste, per maggiori informazioni o se volesse richiedere una consulenza psicologica.


 


Dott.ssa Federica Ciocca 


Psicologa e psicoterapeuta 


Ricevo a: Torino, Collegno e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicologia del Lavoro"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come smettere di sentirsi in ritardo a 21 anni?

Salve, sono una ragazza di 21 anni. Due anni fa mi sono diplomata al liceo e da allora non so cosa ...

3 risposte
Mancanza di stimolo, non voglio andare al lavoro

Buongiorno,ho 32 anni e sono sempre stata una ragazza attiva e molto “flessibile” in ...

6 risposte
Aiuto per una decisione

Buonasera, Data l emergenza covid 19 ho avuto tempo di riflettere sul mio attuale lavoro. È ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.