Relazione terapeuta-paziente

Laura

Buongiorno a tutti.

Sono una ragazza di 22 anni, sono in terapia da 2 anni (ero già stata in terapia con lo stesso terapeuta anni fa).
Sento di voler bene al mio terapeuta e sento che questo sentimento è ricambiato (come se fosse un rapporto padre-figlia).
Sono cresciuta in una famiglia con dei genitori che non sono stati cattivi, so per certo che hanno sempre desiderato il meglio per me e che abbiano usato tutti gli strumenti che avevano a disposizione, ma hanno avuto tante mancanze affettive nei miei confronti. Mi sono sempre stati vicini fisicamente, ma è mancato il sostegno morale, sono mancate le parole, gli abbracci, le carezze, il rispecchiamento, il contenimento... È mancata tutta la parte emotiva.
Sento che il terapeuta ha riempito e sta riempendo questi vuoti, le cose che mi dice e che mi riconosce mi fanno tanto piacere, perché so che sono davvero sentite, ma allo stesso tempo mi fanno tanta paura. Ho paura di essere legata più a lui che ai miei genitori, ho paura di non trovare nessun altro che sia in grado di riempire questo vuoti.
Ho paura di non riuscire a interrompere la terapia.
La terapia non è stata tutta in salita, ci sono stati dei momenti davvero difficili, lo psicologo si è preoccupato per me e mi è sempre stato vicino (nel rispetto del setting e dei limiti) con messaggi e parole di conforto che nessuno ha mai avuto per me.
Sono sola, ho qualche amica che vedo saltuariamente, ma si tratta di rapporti superficiali.. no ho mai avuto un ragazzo.
Sento di non aver ancora risolto tutto ciò che mi ha spinto ad andare in analisi, ho ancora tanti obbiettivi da raggiungere e sento di avere bisogno della terapia ma allo stesso tempo sono davvero preoccupata per questo rapporto col terapeuta, ho paura che in questo momento possa farmi più male che bene.

Non so cosa fare, sono molto confusa.

4 risposte degli esperti per questa domanda

Carissima Laura,

mi sembra di capire che tu abbia instaurato una bella relazione di fiducia con il tuo terapeuta che riesce a fornirti quel sostegno emotivo che, sempre a quanto scrivi, ti è mancato da parte dei tuoi genitori. In un primo momento mi viene da pensare che tutta la paura che senti in relazione a questo rapporto potrebbe derivare proprio dal fatto che non hai fatto esperienza di un "padre" emotivamente competente e adesso che la stai facendo ti senti bene ma anche spiazzata perché è una sensazione piacevole ma comunque sconosciuta e quindi ne sei in qualche modo angosciata, spaventata. Penso che potrebbe essere molto interessante per te stessa poter "lavorare" su queste tue sensazioni.

Presumo che in questi anni tu ti sia trovata spesso a condividere le tue emozioni con il tuo terapeuta per cui perchè non farlo anche adesso? Facendolo potrai arrivare ad acquisire nuove consapevolezze su te stessa.

Per qualsiasi altro chiarimento e per una maggiore privacy può contattarmi mediante il modulo di contatto.

Dott.ssa Valentina Zanlari - Psicologa

Svolge colloqui presso il suo studio a Parma e online

 

 

Gentile Laura, 

non c'è un modo giusto per chiarirsi questi dubbi, se non quello di affrontarli col suo terapeuta. Forse teme che esponendoglieli lui possa sentirsi ferito? Ma la persona che meglio la conosce  e che è in più un professionista, non avrà alcun problema a parlarne con lei e capire insieme cosa la preoccupi. Da quanto ci scrive non mi sembrerebbe proprio il momento di interrompere la terapia. Potrebbe essere invece un momento in cui sente di dipendere troppo da lui e la cosa la spaventa un po'. Penso proprio che serva parlarne e fare eventualmente qualche piccolo cambiamento. Ma lo deciderete insieme.

Si rivolga a lui con la fiducia di sempre.

Molti auguri

 

Buongiorno

Una cosa che mi viene da chiederle e' se si questo ne ha parlato con il terapeuta, il rapporto paziente terapeuta va affrontato durante le sedute, fa parte del processo terapeutico, non deve temere di legarsi al terapeuta poiché durante il percorso e' possibile che divenga una figura importante. Spero che lei possa trovare quella forza e quell'affetto di cui ha bisogno dentro di sé, solo così potrà essere indipendente

Buongiorno. La relazione paziente terapeuta a mio avviso deve essere così. Calda, affettiva. Deve risanare le mancanze. Non si preoccupi di dipendenze o cose del genere. Se un terapeuta sa il fatto suo saprà portarla ad una naturale crescita. Come accade normalmente nelle nostre vite. Nessuno (salvo patologia) resta in casa coi genitori vita natural durante. Si cresce e si va. Ma la relazione sana coi genitori (o il terapeuta poi) sarà da modello per le altre relazioni nel mondo. Le auguro una terapia non lunga e una vita felice.
Per qualsiasi informazione, mi trova facilmente: dr. Marcello Schmid