Varie

Come andare dallo psicologo senza che i genitori lo scoprano

Fed

Condividi su:

Esiste un modo per andare dallo psicologo senza che i miei lo scoprano? Ho 24 anni ma sono ancora dipendente a livello finanziario, è da quando vado alle superiori che sento di aver bisogno di aiuto per un sacco di cose ma ogni volta che provo a tirar fuori l'argomento a casa mi sento solo ripetere che è perché non mi impegno abbastanza che rimango indietro sugli studi (prima erano i 10, ora i 30... anche i 28 e i 29 non bastano, non bastano mai per non parlare dell'ultimo 20 risicato... se mamma sapesse che ho dovuto lasciare un concorso a metá e non stessa cosa ad un esame per un attacco di panico poi, come minimo mi ammazza) e che è perché voglio attenzioni che mi vengono attacchi di panico a star in mezzo alle folle o a dover parlare con qualcuno che non siano le tre persone con cui mi sento a mio agio.

Anno scorso mi hanno diagnosticato il cancro, come da prassi l'ospedale mi ha offerto uno psicologo che ho dovuto rifiutare perché come la dottoressa ha parlato di un terapeuta mamma ha cominciato a inveire e a dire come gli psicologi e psichiatri siano inutili "basta guardare come la zia abbia cominciato ad andare da uno psicologo due anni fa ed è ancora depressa" e non volevo mi iniziasse a rinfacciare anche quello se avessi accettato e l'avessi quindi "costretta" ad accompagnarmi all'ospedale ancora piú spesso di quanto non dovesse perché la conosco e ancora mi rinfaccia ogni singola cosa che ho o non ho fatto e ora me ne pento, perché mi sento morire

Avrei dovuto aspettare di entrare nella stanza della chemio, dove lei non è ammessa, e pregare l'infermiera di aiutarmi a dire alla dottoressa che sí, ho bisogno di aiuto, che anche se probabilmente non è della psico-oncologa che ho bisogno, se non altro avrebbe saputo aiutarmi a trovare una direzione ed ora è troppo tardi perché ho finito la chemio da mesi e non posso chiamare l'ospedale senza che mia madre lo scopra o andarci da me senza il rischio che lo venga a sapere

Non so piú cosa fare, ho provato a chiedere aiuto alla mia migliore amica, quando ne ho avuto bisogno per altre situazioni mediche tramite sua madre ce l'ho fatta a convincere la mia, anche se poi mi ha fatto sentire come un cane per averla fatta passar male, ma uno psicologo non lascia cicatrici, non mi lascia senza capelli e non fa svanire bozzi dal collo, uno psicologo non mi fa tutori su misura per le braccia e non mi fa occhiali per veder meglio, uno psicologo non mi lascia prove tangibili che diano modo alla mamma della mia migliore amica di dire "hey mamma di fed, perché lasci che fed soffra? Ne abbiamo giá parlato" senza che lei trovi il modo di darmi la colpa (e in parte perché mi sento male a chiedere sempre alla mia migliore amica e sua mamma di risolvere i miei problemi)

Quindi, quali possibilitá ho per trovare aiuto?

9 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Fed, credo che tu abbia compreso già da parecchio tempo di aver bisogno di un aiuto professionale ed esterno che ti supporti e ti accompagni per un periodo, fornendoti strategie e risorse per vivere con più serenità.


Dalle parole che scrivi si intuisce quanto tua madre sia ancora ingabbiata nel vecchio e stantio stereotipo dello psicologo che non serve a nulla, in quanto vende aria fritta e quant'altro! Ancora non si dà il giusto rilievo ad una professione che andrebbe vista come risorsa di prevenzione e mantenimento del benessere interiore. Visto che non hai risorse finanziarie ( ma ti chiedo: non hai dei risparmi tuoi dai quali attingere senza che i tuoi lo sappiano e interferiscano?), prova ad indagare se esistono nella tua città servizi gratuiti, associazioni che si occupano del sostegno psicologico, o se non dovessi trovare nulla rivolgiti pure al Servizio sanitario pubblico. La privacy sarà garantita e non c'è nessun bisogno che tu comunichi la tua scelta in famiglia.


Magari in futuro al termine del tuo percorso, con i giovamenti e  benefici ricevuti, potrai parlarne a tua madre smantellando le sue false credenze e resistenze a riguardo. Attivati per trovare un aiuto, hai già iniziato  rivolgendoti a questo portale, ma non si può fare terapia scrivendo! Ti faccio tanti auguri per il tuo futuro e se ti fa piacere tienici aggiornati!


A presto!


Un caloroso saluto!

Ciao Fed,


tutti i professionisti sono legalmente e deontologicamente tenuti al segreto professionale, quindi nessun psicologo a cui ti rivolgerai divulgherà tale informazione ad altri, neppure familiari stretti, senza il tuo consenso. Di questo puoi stare certo.


Per quanto riguarda i costi, in quanto mi è sembrato di capire che non hai indipendenza economica e molta disponibilità, la nostra associazione offre un servizio di psicoterapia a costi sociali (moto inferiori ai costi di mercato) riservato a persone con problematiche socio-economiche. Se vuoi chi puoi contattare per un primo colloquio interamente gratuito.


Di seguito il link alla pagina del nostro sito web dove puoi trovare una breve descrizione del servizio


WWW.PSYCORESOURCE.IT/ATTIVITAGRAVE.HTML


Rimango a tua disposizione per qualsiasi domanda o richiesta.


Un abbraccio

Gentile Fed,


certamente si sente incompresa e vittima di pregiudizi riguardo la figura professionale da cui vorrebbe aiuto e sostegno. È molto precisa nel suo racconto. Le auguro che, per qualche cavillo, dovuto alla assistenza medica e sanitaria , privata o pubblica, Lei riesca ad incontrare e potersi affidare ad uno psicologo. Non si arrenda mai.


Naturalmente con l'augurio di avere le cure migliori e la guarigione. Le lascio un abbraccio grande.


 

Gentile Fed,


uno psicologo, sia in struttura pubblica sia privata, è tenuto al rispetto della privacy ed al segreto professionale. Lei è maggiorenne, quindi non ha bisogno del consenso dei suoi genitori per accedere a una visita.


Può chiedere un appuntamento presso una struttura pubblica (consultorio, ospedale, ...) dove per accedere solitamente serve una ricetta medica, oppure presso struttura privata. Mi pare di capire che abiti a Firenze. Può trovare l'elenco dei terapeuti della sua zona qui: https://www.ordinepsicologitoscana.it/iscritti-ricerca-avanzata.php


Ci sono altri timori dietro la richiesta di aiuto?


Buona serata


 

Carissima Federica, 


sei maggiorenne, oramai sei libera di fare le tue scelte di vita personale senza coinvolgere tua madre, o la sua incredulità, o la sua ignoranza verso la figura dello Psicoterapeuta. Per tale motivo prendi il coraggio o di andare in una struttura pubblica ( consultorio familiare) che è gratuita oppure privatamente che ti possa andare incontro con il prezzo. Per es. Io per i più giovani pongo delle riduzioni in modo che possano pagare la Psicoterapia con la paghetta senza che i genitori sappiano. Sii libera interiormente di chiedere aiuto senza sentirti in colpa di dover dire a tua madre. Se lei non ti capisce fino in fondo puoi comunque intraprendere una scelta per te stessa.


Cordiali saluti


 

Cara Fed (nome utente), mi spiace per questa situazione, dalle sue parole si sente tutta la stanchezza e la difficoltà che sta provando. Non posso, in un messaggio, aiutarla a risolvere la situazione nel quotidiano, ma quello che posso fare è provare a renderle chiare alcune “norme”. Prima di tutto, lei ha 24 anni e quindi non è obbligata a dirlo ai genitori, perché maggiorenne, così come (invece) lo psicologo è tenuto al segreto professionale per lo stesso motivo. Cio’ significa che se sua mamma venisse casualmente a sapere nome e cognome dello psicologo e lo chiamasse, lo psicologo sarebbe tenuto a dire “non so di chi parla” perché per legge non può nemmeno confermare/disconfermate di avere in carico qualcuno in quanto lei maggiorenne. Per la questione economica, sicuramente il pubblico è la formula più facile, con pochi soldi (circa 40€) si riesce a fare 8/10 incontri, se presi in carico, mentre nel privato la questione è più difficile (circa 50€ a seduta). Se ha un lavoretto (anche ripetizioni o baby sitteraggio) potrebbe pensare di investirlo in un percorso privato (cercando su google uno psicologo della sua città, io personalmente lavoro su Prato), altrimenti per il pubblico basta digitare su google “asl psicologia + nome città” e esce fuori in automatico il numero di telefono da chiamare per un primo colloquio. Francamente penso, vista la situazione psicologica e fisica, che un aiuto di uno psicologo possa essere particolarmente valido. Io lavoro in oncologia ed è difficile attraversare la malattia a livello mentale se i presupposti personali e familiari invece di “sostenere” sembrano “scoraggiare”. Un valido aiuto può essere quello dello psico - oncologo, anche lui tenuto al segreto professionale come quello della asl e il privato! Continui a chiedersi come “chiedere aiuto” e provi a buttarsi e chiederlo davvero, e vedrà che pian piano l’aiuto arriverà davvero. 

Buongiorno Fed, potresti rivolgerti al servizio pubblico, consultori a Firenze dove ci sono psicologi con cui affrontare queste difficoltà. Cercali su internet chiedi al tuo medico di base. Invece di chiamare l'ospedale potresti andarci e chiedere della psicologa, in che modo tua madre verrebbe a scoprirlo?


Hai parlato di tua madre, tuo padre in tutto questo? Puoi parlare con lui, cercare di far capire come ti senti e cosa stai vivendo?


Resto a disposizione

Buongiorno, le consiglio vivamente di chiedere aiuto nei consultorii della sua zona che offrono i servizi di psicologia e psicoterapia a costo zero perché compresi dal sistema sanitario nazionale. Non consentono di fare percorsi lunghi ma è comunque un inizio e credo le possa giovare. Se ha bisogno possiamo cercare insieme la struttura più adatta a lei nella provincia in cui abita. In bocca al lupo

Salve, 


Lei ha 24 anni, pertanto è maggiorenne, di Firenze quindi ha la possibilità di rivolgersi al Centro Artemisia che potrebbe accogliere la sua richiesta di aiuto. Potrebbe optare di essere inserita in un percorso per donne in difficoltà economica e bisognose di un aiuto psicologico. Nessuno può impedirle di prendersi cura della sua salute emotiva! Impedirle di curarsi è maltrattamento. 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mio figlio è preso in giro dagli amici

Buongiorno,mai avrei pensato di dover chiedere un consiglio a proposito di quanto sta accadendo a ...

1 risposta
Come aiutare persona che non riconosce di avere problemi.

Salve, cercherò di illustrarvi un quadro abbastanza complesso che spero di riuscire a rendere ...

4 risposte
Genitori oppressivi

Scrivo perché esausta. Sono arrivata ad un punto in cui non riesco più a stare e prima ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.