Varie

Un dolore che non va via

Ismaele

Condividi su:

Salve a tutti!
Sono una donna di più di 30 anni e la mia vita è un completo fallimento.
Non sono riuscita a "realizzarmi" e questo senso di colpa mi perseguita ogni giorno, dall'alba al tramonto e durante gli incubi notturni.
Tendenzialmente sono un'autoboicottatrice (così mi hanno detto gli psicologi). Ho lasciato il liceo a 2 mesi dal diploma per poi prendere il titolo l'anno dopo da privatista. Ho lasciato la Laurea magistrale a mezza tesi già scritta. Non ho mai intrapreso una vera strada professionale perchè non ho mai preso una decisione vera su me stessa. Mi alzo la mattina e non mi conosco: è come se per me fosse possibile qualsiasi vita, non so quale sia davvero la strada giusta per me.

A 13 anni mi sono ammalata gravemente di anoressia, ed ancora ora mentre Vi scrivo mi sto abbuffando e sto bevendo. In 20 anni il mio disturbo è cambiato ma in sostanza non sono mai guarita,
Mi sono tagliata, ho preso farmaci, ho pianto ed urlato per giorni interi, mi sono isolata, mi sono ubriacata.
Questa sono io, e mi fa tanto male. Provo quotidianamente, costantemente un dolore che non posso esprimere a parole.

Cosa mi consigliate di fare? Nell'ultimo periodo l'umore è cosi basso che non nego di aver pensato al suicidio, sebbene lo consideri io stessa una viltà. D'altronde, vivere così è impossibile.

Mia madre è morta 10 anni fa ed io non sono stata in grado di starle vicino perchè forse troppo presa da me stessa.
Ho ancora un padre con cui vivo un rapporto ambivalente. Lo odio, ma voglio che ci sia.
Da piccola ho assistito alla violenza che veniva inflitta a mia madre e sono cresciuta con l'ansia di doverla salvare. Se ci ripenso rivivo ancora perfettamente le sensazione dell'epoca.
In alcuni casi questa violenza ha colpito anche me, con segni che sono restati indelebili sul mio corpo.

Ora io vi chiedo. Ha senso riscavare in questo passato? Spesso me lo hanno sconsigliato. C'è però a dire che se non trovo una "causa", una "motivazione" al mio essere così problematica e fallimentare , credo che non sopravviverò.

Scusate se mi sono dilungata.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile ragazza, 


non ci dice se è mai stata da uno/a psicologa psicoterapeuta. Nel suo caso mi sembra tassativo, sia per il disturbo alimentare, sia per l'infanzia adolescenza traumatici, sia per il presente insoddisfacente. Tre problematiche che possono senz'altro essere elaborate e risolte con un opportuno aiuto professionale, tanto più che da sola non sembra venirne fuori. Un aiuto esterno in genere è necessario, non solo perchè fonte di "soluzioni" nuove e cognitivamente diverse da quelle già adottate, ma anche per la funzione del rapporto relazionale/terapeutico.


Con la terapia breve inoltre il costo è contenuto a motivo dei risultati in genere ottenuti in tempi brevi.


Cordiali saluti

Salve, non deve scusarsi affatto non si è per nulla dilungata, ha solo detto ciò che le premeva e le stava a cuore tirar fuori. Comincio col dirle subito che in merito all'ultimo quesito, ossia se sia il caso di scavare nel suo passato per trovare delle "motivazioni" al suo vissuto attuale e passato, io le rispondo che è assolutamente opportuno e necessario per poter fare chiarezza e rimettere insieme i pezzi, così da poter anche prenderne le giuste distanze ed elaborare il lutto per la perdita di sua madre ed i sensi di colpa legati al non esserle stata tanto vicina mentre era in vita ed infine superare "traumi" e i vissuti disfunzionali che hanno influito sul suo attuale modo di approcciarsi alla vita. Secondo me dovrebbe intraprendere anche una psicoterapia sistemico-familiare per poter recuperare il rapporto con suo padre ed infine è di fondamentale importanza che acquisti un suo equilibrio psicoemotivo e si faccia aiutare per non ricadere nelle trascorse problematiche riguardanti il suo disturbo del comportamento alimentare, che mi pare tra l'altro non abbia ancora del tutto superato. 


Le auguro tutto il meglio e se ha bisogno io sono a disposizione per un consulto onilne.


 

Salve,


Poichè questo passato le sta facendo del male, in un modo o nell'altro ci sono diversi aspetti non gestiti correttamente dentro di lei. Il solo modo che mi sento di indicarle al momento, che la può aiutare è contattare un professionista di persona che può consigliarla al meglio. La strada più giusta forse è quella che lei e solo lei decide, certamente un terapeuta può guidarla verso diverse possibilità, ed è certo che ci sono delle buone ragioni e buone motivazioni se non sta scegliendo. d'altra parte qualcosa forse la stà già facendo mentre scrive, e forse mentre legge il messaggio. Un fallimento è tale quando ha fatto VERAMENTE tutto il possibile per cambiare la situazione, e mi sembra di capire che ha fatto molte cose, tranne quella di seguire un percorso terapeutico. Magari è la volta buona


Auguri.

Cara Ismaele,


I suoi sintomi (tutti) fanno parte di un quadro traumatico complesso, cioè che dura dall'infanzia.


Deve trovare aiuto presso uno specialista formatosi in psicotraumatologia. Approcciare i suoi sintomi non tenendo presente questo aspetto rende l'approccio terapeutico inefficace.


A Milano esiste l'A.R.P., a Roma la scuola del prof. Villanova. Si metta in contatto con loro e si faccia dare il nominativo di professionisti formati da loro che stiano a Pisa. E poi vada, la vita è ancora molto molto lunga.


In bocca al lupo.

Salve Ismaele,


dalla sua lettera si capisce una grande sofferenza che si protrae da molti anni ma non intenderei la sua vita "un completo fallimento", così come lei la descrive. Nel suo racconto, che ovviamente non può essere considerato esaustivo non conoscendola personalmente e non conoscendo la sua personalità, la sua vita, e le sue esperienze si leggono alcune difficoltà, ma anche tanti tentativi di riscatto, e tanti successi. Parla di un autosabotaggio, ma più che un autosabotaggio a me sembra di leggere una insicurezza di fondo, che non la rende sicura di compiere alcune scelte. Parla dell'interruzione del percorso scolastico, che però è stata superata comunque con il completamento degli studi. Parla di una anoressia, che comunque è stata affrontata e gestita, anche se non completamente risolta. Accanto ogni debolezza c'è anche un tentativo di riscatto e una piccola o grande vittoria. 


Il suo soffermarsi sul suo passato è importante, ma non lo considererei una condizione sine qua non per andare avanti. È importante conoscerlo, sapere quali sono state le esperienze che l'hanno formata, riconoscere i suoi punti di forza e di debolezza e analizzare come ha affrontato le difficoltà, tuttavia penso che sia più importante concentrarsi su oggi, sul suo futuro, facendo un lavoro sul capire cosa è meglio per lei in questo momento, cosa le piacerebbe fare per imparare a ricavare la felicità dalle cose quotidiane e costruirsi una vita all'insegna della serenità e del benessere, aumentando anche la rete delle relazioni positive che nella sua lettera non sono citate. 


A disposizione in caso di necessità, e coraggio!!

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come andare dallo psicologo senza che i genitori lo scoprano

Esiste un modo per andare dallo psicologo senza che i miei lo scoprano? Ho 24 anni ma sono ancora ...

10 risposte
Mio figlio è preso in giro dagli amici

Buongiorno,mai avrei pensato di dover chiedere un consiglio a proposito di quanto sta accadendo a ...

1 risposta
Come aiutare persona che non riconosce di avere problemi.

Salve, cercherò di illustrarvi un quadro abbastanza complesso che spero di riuscire a rendere ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.