Attacchi di panico

Paura della morte, ansia e sensazione di angoscia invalidante.

Anna

Condividi su:

Gentili dottori, sono una ragazza di 21 anni, da sempre molto timida ed introversa, e da quest'anno mi trovo ad affrontare un problema che non riesco a gestire. Dall'inizio di quest'anno ho iniziato ad avere scarso interesse negli studi, continuo nervosismo dovuto soprattutto alle litigate con il mio ragazzo, e poca voglia di fare in generale. Tanto che nel secondo semestre ho smesso di frequentare l'università e sono rimasta a casa, non mi sentivo in grado di affrontare gli esami e più mi lasciavo andare più l'autostima scendeva.

Nonostante questo, continuavo ad andare avanti e a non dar troppo peso a queste problematiche. Fino ad arrivare a metà Aprile quando iniziai a sentire un peso allo sterno che non mi permetteva di svolgere le normali attività della giornata. Consultai il medico curante, feci tutti gli accertamenti, ma non emerse niente di anomalo.

Arrivati a metà Maggio mi sono ammalata con una forte influenza intestinale che mi ha completamente destabilizzato, inoltre avevo un forte fastidio tra lo stomaco e la gola che non mi permetteva di riposare. Non dormii per 4 notti di seguito e incominciai letteralmente a delirare, ero sveglia ma avevo completamente perso il contatto con la realtà, non ricordavo niente, ma credo sia dovuto al fatto di non aver riposato per così tante ore.

Il quarto giorno, dopo un attacco di panico con abbassamento della vista e pressione alta, i miei decisero di portarmi al pronto soccorso. Anche lì feci tutti gli accertamenti del caso, ma non emerse niente di niente. Il dottore mi consigliò di aspettare che l'influenza passasse e di stare più tranquilla, di non agitarmi troppo per gli esami eccetera. Dopo qualche settimana l'influenza passò lasciandomi comunque abbastanza debole fisicamente. Purtroppo però da quel momento in poi, non riuscii più a riprendere le mie normali attività quotidiane.

Da venti giorni a questa parte la situazione è degenerata, fisicamente sto bene anche se mi sento debole, ma mentalmente non ci siamo. Ho iniziato a soffrire di insonnia, a fare brutti incubi che mi fanno svegliare di soprassalto e soprattutto ho iniziato ad avere paura di tutto, ma in particolare che potesse (e possa) succedere qualcosa alla mia famiglia. Durante il corso delle settimane la situazione è peggiorata.

Ad oggi, ho continui attacchi di panico in cui sento paralizzare tutti i muscoli, a momenti mi manca l'aria, piango in continuazione e per ogni minima cosa, ho davvero tanta paura della morte, che possa morire un mio caro e non mi sento in grado di affrontare la vita.

Ormai è diventato un mio pensiero fisso e non riesco più a togliermelo dalla testa, ogni cosa mi rimanda alla morte, non riesco a distrarmi, penso al giorno in cui i miei moriranno o quando morirò io e mi manca l'aria, non riesco ad affrontare questo problema.

Riconosco che non è la prima volta che faccio questi pensieri e mi è capitato spesso in passato, anche da bambina, di piangere nel letto di notte pensando alla morte dei miei genitori, ma ho cercato sempre di abbandonare quei pensieri.

Adesso mi rendo conto di avere un problema e che è arrivato il momento di affrontarlo, perché se lo rimando o raggiro tornerà nuovamente a tormentarmi. Sono cosciente di cosa sto passando e voglio chiedere aiuto.

Potete consigliarmi? Vi ringrazio.

7 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Anna . Rispondere tramite un messaggio al suo resoconto più che dettagliato, non renderebbe giustizia al momento che ha passato e alla situazione psico emotiva in cui si trova . Tendenzialmente l ansia, il panico e le paure da lei descritte rimandano sempre all argomento della separazione e dell allontanamento .


Le suggerisco vivamente di affidarsi ad un percorso psicoterapeutico  


Le auguro il  meglio 

Ciao, vista la dettagliata storia che hai raccontato, l'esclusione da parte dei medici del pronto soccorso di cause organiche dei tuoi problemi che rimandano quindi a delle chiare somatizzazioni,  che non è la prima volta che ti capita visti i ricordi infantili di tristezza e pensieri ossessivi riguardo il tema della morte, mi sembra opportuno che tu intraprenda un percorso di terapia individuale per prendere coscienza di cosa ti causa tutti questi disturbi e poterli affrontarli con l'aiuto di uno psicoterapeuta preferibilmente a orientamento psicodinamico. 

La tua mente e il tuo corpo ti stanno mandando segnali inequivocali sul fatto che devi iniziare a prenderti cura di te. Leggendo il tuo messaggio ho come l'impressione che tu abbia messo la tua vita in pausa...come mai? Hai lasciato l'universitá, cosa fai adesso? Lavori? Hai degli interessi? Ti consiglio vivamente di rivolgerti ad uno psicoterapeuta nella tua zona, qualcuno con cui ti senti a tuo agio e che ti aiuti ad esprimenti al meglio nella tua vita.

Ciao sicuramente il problema affonda le radici nella primissima infanzia  per fare un lavoro su te stessa puoi iniziare un percorso di terapia personale  con la cadenza di un incontro a settimana, questo ti aiuterà ad affrontare l'origine dei problemi ma anche  ad avere una relazione d'aiuto e fiducia su cui poggiarti nei momenti difficili che stai attraversando.


Se hai bisogno contattami. 


 

Da come me parla risulta insuperabile in un disturbo da attacchi di panico accompagnato da vissuti depressivi. Non è tanto la presenza degli attacchi di panico quanto più il fatto che sta evitando il lavoro e le relazioni sociali. Probabilmente è dovuto al periodo di transizione universitario, che comporta vari cambiamenti rispetto alla vita al liceo. Esistono protocolli psicoterapeutici efficaci per disturbi ansioso depressivi, anche senza bisogno dei farmaci. Dovrebbe pensare a una psicoterapia per evitare che il disturbo sia aggravi e diventa più difficile da trattare

Gentilissima, è molto difficile consigliare qualcosa in questa sede ma potrei suggerirle anche solo alcuni colloqui con uno psicologo. A volte ne bastano davvero pochi per poter capire cosa accade e aiutare la paziente. Le va? Per qualsiasi domanda ci sono. Non esiti a contattarmi per qualsiasi domanda.


Lei di dov'è? Io ho studio a Roma e Bari.


 

Salve Anna


sono molto contenta che lei stia chiedendo aiuto e che si rende conto del suo momento di forte malessere e se ne vuole fare carico. Allora deve prendersi cura di se stessa e del suo malessere subito, immediatamente.


I sintomi che li ha sono un segnale che c'è qualcosa nella sua vita che non va o che non è stato preso abbastanza in considerazione.


Inizi subito una psicoterapia all'interno della quale stabilire tutti gli aiuto possibili (farmacologici, se necessari e non farmacologici).


Non so di che zona lei è ma può rivolgersi al Dipartimento di salute mentale oppure ad uno psicoterapeuta privato, secondo le sue esigenze.


Se volesse maggiori informazioni mi contatti pure. Sono a sua disposizione. Buon proseguimento! E.P.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Attacchi di panico"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ansia e pensieri ossessivi

Gentili dottori, Ho 30 anni, una bellissima famiglia, una compagna che adoro ed un figlio di 4 anni...

8 risposte
Insonnia, ansia, attacchi di panico

Salve a tutti. So che quello che sto per scrivere sarà un completo disastro, ma per favore ...

4 risposte
Ansia e paura

Salve a tutti, ho 38 anni e da circa un anno vivo un momento di forte ansia. Tutto ha inizio novemb ...

7 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.