Autostima

Come superare la nostalgia

Marina

Condividi su:

Interrogandomi sulla mia vita e sui miei insuccessi, ho realizzato che è da quando ero bambina che ho difficoltà nei rapporti umani, di tutti i tipi, ricreativi, affettivi, di studio e di lavoro. Il disinteresse, l'ostilità, la derisione e la disapprovazione che ho spesso incontrato, non potevano essere causati da una generica sfortuna, e ho capito recentemente che la causa doveva risiedere nel mio carattere, e in particolare in una patologia. Ho fatto alcune ricerche e ho capito di soffrire di disturbo della personalità evitante, più o meno dall'età di 7 anni. Mi ritrovo in ogni sintomo: insicurezza, desiderio di rapporti umani che però fuggo o gestisco in modo maldestro da sempre, vulnerabilità alle critiche e alla disapprovazione, idea che esse siano sempre e comunque giudizi definitivi, mondo immaginario in cui rifugiarmi, immaginazione ipertrofica, ansia nei confronti di qualsiasi responsabilità, paura della vita adulta, difficoltà a essere in sintonia con le mie emozioni e a riconoscerle, infatti mi sento arida e vuota mentre chi mi conosce mi definisce eccessivamente sensibile. Attualmente la mia vita di relazione è inesistente anche a causa del corona virus, ma ne sento un desiderio tale che per viverla sfiderei tutti i rischi di rifiuto che vengono dal mio carattere. Otto anni fa la mia famiglia mi indirizzò, o meglio mi costrinse, all'insegnamento, attività che ho sempre detestato e vissuto con angosce indicibili e che ha comportato per me un'umiliazione dietro l'altra, di cui non incolpo nessuno, se non la mia inettitudine a rivestire un ruolo così importante. Per insegnare ho dovuto lasciare l'attività in cui lavoravo come impiegata con i miei parenti, dove mi sentivo protetta, sicura di me e felice, e tuttora ne provo una nostalgia che mi causa depressione, stanchezza, e rifiuto per ciò che mi circonda e che mi aspetta. Temo che fuori da lì non potrò mai più essere felice. Ora sogno per settembre un futuro tranquillo da ATA nelle scuole, come collaboratrice, ma anche come segretaria, la mia famiglia ha capito e accettato le mie difficoltà, ma io temo sempre che a settembre qualche nuovo ostacolo mi costringerà a continuare con l'insegnamento, anche se capisco che questi timori sono irrazionali non riesco a metterli da parte. Ho voglia di superare la nostalgia per quello che non posso più avere, e di ricominciare a vivere, facendo pace con i miei difetti. Sono seguita da una psichiatra e da una psicologa ma sto lottando con tutte le mie forze per uscire da questa situazione, e forse una risposta potrebbe dirmi se sono sulla strada giusta e come posso comportarmi per affrontare meglio il futuro. Grazie per avermi letta. Mraina.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Marina, posso dirle intanto che ha avuto questa capacità di riconoscersi in questa sua autodiagnosi, che più o meno risponde al funzionamento reale della sua personalità. Ha già compiuto dei progressi da quello che ho letto, e direi che ancora può compierne. Trovare il proprio equilibrio in questo caso comporta sia una personale elasticità ad adattarsi ai cambiamenti (lavoro e altro), ma anche adattare l'ambiente alle proprie caratteristiche (ad esempio per lei alcune tipologie di lavoro sono più congruenti a se stessa). Continui a lavorare sulla autoconsapevolezza, perché  questo la aiuta ad evitare meno, a non ricorrere cioè nella modalità difensiva evitante, che a volte si attiva inconsapevolmente.


Auguri,


Dr. Cameriero Vittorio 

Salve Marina, alla sua domanda rispondo si, è decisamente sulla strada giusta per riuscire ad affrontare la situazione che sta vivendo.


La diagnosi le è stata fatta dallo psichiatra o si è basata sulle ricerche che ha fatto? Le diagnosi ci permettono di capire alcune cose, ma possono anche essere pericolose perchè rischiano di demotivare la persona.


Una persona può essere affetta dal disturbo evitante di personalità per vari motivi, ma bisognerebbe capire soprattutto l'origine della sua ansia.


Non si disperi, le cose miglioreranno. Porti ancora pazienza, è seguita da due professionisti.


Buona serata.


Dott. Fiori 


 

Gentile Marina, 


mi dispiace molto per tutta questa sofferenza che esperisce.


Dal momento che è seguita anche da una psicologa può essere una buona idea rivolgere questi dubbi alla collega che credo sarà felice di accoglierli anche perchè anche questo fa parte della terapia, potete lavorare ovviamente anche sull'autostima e sulla gestione dell'ansia.


Buon percorso.


Cari saluti.


Dott.ssa Simona Errico


 


 

Cara Marina, lei descrive una condizione psicologico/personologica che si è consolidata negli anni ed a parte la diagnosi nella quale si riconosce le scrivo perché lei chiede se la strada che ha intrapreso è quella giusta e le confermo che è giusta. Lei si sta facendo aiutare in modo professionale dopo tanti anni in cui si è sforzata di fare da sola ed ha capito che i suoi sforzi non erano sufficienti per raggiungere gli obiettivi che lei vorrebbe per sé in campo relazionale e lavorativo. Quindi, immagino che lei abbia fatto un bilancio da cui è nata una consapevolezza che l’ha portata a prendere una decisione coraggiosa: ricorrere alla forma di fronteggiamento del disagio più evoluta a cui possiamo ricorrere noi esseri umani cioè l’aiuto dei nostri simili. Questa forma di aiuto è così importante che si è evoluta dal punto di vista sociale e culturale tanto che sono nate le professioni d’aiuto.


L’aiuto professionale è un aiuto che si sviluppa all’interno di una relazione sicura, caratterizzata da fiducia, rispetto e conoscenza di teorie e metodi per guidare le persone in un percorso di conoscenza di sé stessi e fronteggiamento di quei sintomi che creano disagio.


Disponibile per qualsiasi chiarimento, la saluto cordialmente, Monica Gozzi.

Buongiorno Marina, leggendo la sua descrizione mi baso solo su ciò che che posso intuire (ovviamente servirebbe poter confermare l'ipotesi).


Mi sembra, in particolare, che ci troviamo difronte non tanto ad un disturbo della personalità evitante quanto ad una struttura ansiosa.


Se così fosse, a conferma di ciò, dovrebbero esserci stati episodi di eccesso di ansia "immotivata", cioè episodi di tachicardia a riposo (non durante sforzo fisico che la giustifichi), difficoltà nel respiro con sensazione di pressione e peso al petto, difficoltà nell'addormentamento o nel mantenimento del sonno costante con frequenti risvegli notturni, il tutto accompagnato spesso da episodi di emicrania di natura tensiva.


In questo caso le consiglio di contattarmi all'indirizzo info@igorguidotti.it e fissare un appuntamento online su Skype, tramite cui poterle passare le specifiche indicazioni e tecniche da attuare ed applicare quotidianamente per ottenere i primi risultati, nella direzione da lei ricercata, a partire da circa un paio di mesi.


Colgo nel frattempo l'occasione per porgerle cordiali saluti


Dott. Igor Guidotti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Autostima"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ho paura del giudizio altrui

Sono una donna di quasi 40 anni, con un buon lavoro e molto carina, ma mi sento sempre inadatta, non ...

6 risposte
Bassa autostima

Salve sono una mamma di un ragazzo di 13 anni, il problema di mio figlio e che vedo nonostante il ...

3 risposte
Piango tutte, o quasi tutte le notti, e non so come smettere

È da molto tempo ormai che spesso di notte piango per varie ragioni, infatti di notte inizi&o ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.