Autostima

Paura di fallire

Fede

Condividi su:

Salve, quando penso alla mia situazione ho sempre paura di fallire, di non farcela, di non raggiungere gli obiettivi che mi sono prefissata, sia per la scuola ( frequento il liceo scienze applicate) che per lo sport ( pratico nuoto) ma anche per le situazioni di tutti i giorni; ho paura di ciò che potrebbe accadere nel futuro e mi faccio molte paranoie; questa cosa mi fa stare male e spesso mentre penso a queste cose mi viene da piangere, soprattutto mentre studio. Sono sempre stata una ragazza ambiziosa che punta al meglio in tutto, pensare di non riuscire a raggiungere gli obiettivi che mi sono prefissata dopo tutti gli sforzi fatti mi fa paura. Avete dei consigli?

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Fede,
inutile dirle che la paura di fallire negli obiettivi che ci prefiggiamo, accompagna ognuno di noi nelle nostre quotidianità. I nostri progetti molto spesso coincidono con quello che siamo, cioè con le capacità che sentiamo possedere e con gli interessi che ci piace coltivare, quindi è inevitabile avere un po' di paura del fallimento; questo si accompagna spesso alla sensazione di perdere anche una parte di noi, anche se ovviamente non è così. Al contempo però, proprio per quanto detto, abbiamo la possibilità di impegnarci per raggiungere i target prefissati, il dovere di farlo. I piccoli o grandi risultati che sicuramente ha già ottenuto, devono esserle da esempio delle sue possibilità nel mondo e da stimolo per affinare ancora di più le sue capacità. Attenzione, potrebbe accadere che non sempre tutto vada per il verso giusto, è nella logica delle cose, ma per lo stesso motivo potrebbe capitare che tutto diventi perfetto, proprio come nei suoi sogni. La differenza di significato sta nell’impegno che sicuramente applica già a dovere nella sua quotidianità, è questo aspetto che deve dar conto di lei e portarla ad essere già molto soddisfatta di quello che è e di quanto ha costruito fino ad adesso. Il resto verrà da sé.
Piccolo consiglio: allarghi il più possibile i suoi campi di interesse, sulla base di quello che potrebbe piacerle, e vedrà come tutti i suoi progetti avranno il compimento più adeguato.

Ps: se pensa di essere davvero sofferente, non rinunci alla possibilità di una consulenza con qualche professionista, la saprà sicuramente rassicurare ed aiutare ad affrontare al meglio la sua quotidianità.

Carissima Fede,


credo che sia importante affrontare le situazioni indipendentemente dal successo. Se credi fermamente in ciò che fai e lo fai indipendentemente da ciò che gli altri possono pensare allora riuscirai a superare con fiducia questa paura del fallimento. È normale che dinanzi alle sfide della vita che possono riguardare lo studiare o che possono riguardare la vita affettiva o la vita relazionale sia abbia qualche paura, ma ciò che è importante comprendere quali sono le tue strategie cognitive, emotive e corporee per saperle gestire. Ed anche se qualche volta sperimenterai qualche piccolo fallimento sappi che non significa aver fallito in tutto. Anzi quell’esperienza non al “ top” ti potrebbe permettere di migliorarti e di conoscere quali sono i tuoi limiti. Non avere paura!


Cordiali saluti

Ciao Fede , fallire fa parte del percorso , è impossibile aspettarsi di riuscire sempre in tutto. Qual 'é la paura che si nasconde dietro il fallimento ?


É importante imparare a reagire ad un fallimento , saperlo affrontare , comprendere il motivo del fallimento e riprovare .


É importante pretendere il massimo da se stessi ma con consapevolezza ed evitando che diventi una modalita che porta a star male.


Hai paura di deludere qualcuno ?


Resto a disposizione

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Autostima"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come poter uscire dall'ombra che i miei genitori hanno creato?

Salve a tutti, grazie del tempo che vorrete dedicarmi. Ho 23 anni, non ho amici, e le uniche persone ...

2 risposte
La poca comunicazione di mio figlio

Il mio nome è Yanis ho 35 anni sono arrivata in Italia 14 anni fa ho un figlio di 18 anni con ...

5 risposte
Problemi relazionali e timidezza

Buonasera, mi chiamo gianni ho 44 anni, nella mia vita sono stato sempre caratterialmente timido, ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.