Dipendenze

Rapporto a distanza

Clara

Condividi su:

Buonasera ho 44 anni e dopo aver convissuto un anno il mio compagno è partito da un anno per lavoro all'estero siamo insieme da due anni quindi io lo vedo ogni 15 giorni per soli 4giorni. Deve stare fuori ancora tre anni! Sto malissimo piango mi dispero mi manca da mancare l aria e ogni giorno mi chiedo come un rapporto a distanza possa crescere vedendosi così poco! Non mi danno ne part time ne Aspettativa in poste sono disperata aiutatemi vi prego. Ho paura poi che conosca un altra perché io sono lontano. Grazie

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Clara buonasera,


Sono la dottoressa Rebecca Cataldo,


Mi arriva molto la sua sofferenza e una dose di preoccupazione per paura che il rapporto non riesca a crescere e che il suo compagno possa incontrare un'altra persona. La distanza è sicuramente un elemento che non fa piacere affrontare né sperimentare. Anche il suo compagno sentirà la sua mancanza quando non c'è, entrambi state vivendo la medesima situazione. L'importante è dare forza e fiducia a questo rapporto è l'unica cosa su cui può avere il potere, poiché la distanza è il lavoro non possono essere cambiati. Se il suo compagno ha scelto di stare con lei nonostante le difficoltà e la distanza allora dia importanza a questo, è importante solidificare il rapporto e quello che lei crede di questo rapporto. Ma Anche solidificare se stessa, acquisire più sicurezza per poter fronteggiare meglio la sofferenza che la distanza e il distacco le procurano. Forse però questo può essere affrontato con un esperto poiché difficile da gestire ed elaborare da soli. Cerchi di dare valore al rapporto costruendolo a piccoli passi, vivendo i momenti che passate insieme, il più possibile senza interferenze di pensieri negativi.


Creda in lei e nel rapporto.


La saluto e le auguro una buona serata.

Buongiorno Clara,


le Sue paure sono più che legittime ma deve considerare che tali paure le abbiamo un po' tutti e sempre in qualsiasi occasione quando non ci sentiamo molto sicuri!! In amore purtroppo niente e mai deve essere considerato sicuro!! Le gelosie e i vari timori esistono ed ognuno di noi deve tenerli a bada come meglio può!! Nel Suo caso la lontananza é un elemento in più di preoccupazione però Clara non é detto che questa lontananza possa essere qualcosa di negativo!! Lei deve riuscire a vivere questa storia con un po' più di leggerezza e se fra di voi esiste un vero amore la vostra relazione affettiva potrebbe avere senz'altro una crescita ed un'evoluzione in positivo. Non è la distanza che causa i conflitti in amore anzi - alcune volte - la distanza non li fa neanche nascere!! Clara accetti con tranquillità e disponibilità questa situazione. Un augurio ed un cordiale saluto.

Gentile Clara,


la sua vicenda mi ha colpito: deve amare davvero profondamente suo marito. Il tempo che avete a disposizione è davvero poco, e in più la sua Azienda non le sta concedendo i benefici che potrebbero contribuire a risolvere la sua situazione.


Tuttavia nel suo racconto ci sono alcuni aspetti dei quali occorre prendersi cura più da vicino: al di là del dolore per la mancanza, lei sta vivendo un vero e proprio sentimento di disperazione, come se si sentisse abbandonata. Poiché non parla di difficoltà o minacce di separazione con suo marito, ne deduco che la paura di essere abbandonata abbia sempre fatto parte del suo vissuto, e di questo occorre davvero prendersi cura. Da questo timore, che sembra essere antico, derivano le preoccupazioni che suo marito possa incontrare un'altra.


Un lavoro serio di supporto e terapia potrebbe aiutarla non solo a sopportare meglio questo periodo difficile (che ricordi finirà!), ma anche vivere più profondaente il suo rapporto, che diventerà la sua "base sicura".
Buone cose!

Se il legame è solido, non c'è distanza che tenga. I momenti che potete stare insieme li viva con maggiore intensità e facendo cose per cui potete crescere insieme, raccontandovi ciò che fate e com'è la vostra quotidianità, lamentarsi e vivere lamentandosi quando state insieme non fa bene al rapporto.


Continuate a progettare e a volervi bene, a volere il bene dell'altro

I rapporti a distanza sono fonte di sofferenza per chi ha bisogno di sicurezze dal punto di vista affettivo. Il tempo che passate lontani è ininfluente: possono essere 3, 30 o anche poche ore, ma se è dipendente dalla sua vicinanza e motiva e fisica non le basteranno mai. Inoltre questa è una nuova fase della coppia  dove la prova che deve affrontare è non cedere alle sue insicurezze. Deve imparare a godersi serenamente il tempo con lui e apprezzare anche i momenti senza di lui.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Dipendenze"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Sono incinta di 6 mesi, ma ho deciso di lasciare il mio compagno

Salve, ho trovaro il sito perché ero alla ricerca di consigli e pareri obiettivi, ma non ho ...

3 risposte
Sto malissimo

Dopo più di tre anni che frequentavo un uomo di oltre 60 anni ho scoperto che non solo fa uso ...

3 risposte
Siamo innamoratissimi, lui ha il vizio della coca da 20 anni..

Buonasera.. ho paura di sposare il mio ragazzo che utilizza cocaina da venti anni e in grandi quanti ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.